ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
7 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
7 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
16 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
16 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
16 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
16 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
17 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
05.10.2022 - 16:23
Aggiornamento: 18:12

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente

la-doppia-segnalazione-poi-subito-l-inchiesta-amministrativa
Ti-Press
Un altro agente sotto la lente del Municipio

Risale a circa un mese fa, l’apertura dell’inchiesta amministrativa a carico di agente che avrebbe offeso una dipendente della Città di Locarno, esagerando con le parole. A segnalare le molestie verbali al capodicastero Sicurezza, Pier Zanchi, era stata proprio l’impiegata, che nel contempo aveva avvisato anche il comandante della Polcomunale, Dimitri Bossalini. Il risultato è che la catena di comando politico-operativa del Corpo aveva potuto avvisare in tempi brevi il Municipio e le Risorse umane, affinché iniziasse subito la trafila di verifica dei fatti contestati; verifica che in casi simili avviene, ovviamente, sentendo entrambe le "campane".

«Posso confermare la notizia uscita oggi sul portale della Rsi, ovvero che c’è effettivamente un’inchiesta amministrativa a carico di un agente che avrebbe rivolto apprezzamenti verbali non consoni nei confronti di una dipendente della Città – dice Zanchi alla "Regione" –. Aggiungo che l’inchiesta non è una novità, visto che il suo avvio risale a qualche settimana fa e dovrebbe oggi essere alle battute conclusive. Avevo raccolto personalmente la segnalazione della dipendente, la quale nel contempo aveva contattato anche il comandante, così assieme abbiamo potuto immediatamente attivarci per le verifiche del caso».

Al Municipio andranno un rapporto delle Risorse umane, poi anche le osservazioni del legale cui si è rivolto l’agente. Su quelle basi il Municipio potrà decidere se sussistano gli estremi per delle sanzioni. In attesa di avere notizie in tal senso, l’agente rimane in servizio.

«Questa ulteriore situazione spiacevole mi spinge quantomeno a rilevare che le vie di servizio sono state rispettate e che c’è anche fiducia nel capodicastero, se è vero che proprio a me è giunta direttamente la segnalazione dell’impiegata. Sono circostanze che sia il sottoscritto, sia il comandante prendiamo molto a cuore. Chi si sente oggetto di "attenzioni" non richieste fa benissimo a segnalarle. Sull’altro piatto della bilancia rilevo che purtroppo casi simili – benché al momento, nello specifico, ancora solo presunti – segnano in negativo il grosso lavoro svolto a più livelli, egregiamente, dalla nostra Polizia comunale».

L’inchiesta amministrativa in corso si affianca al "trauma" del licenziamento, deciso dal Municipio, del figlio del comandante, accusato di atti di esibizionismo in seno alla Polcom. Atti che per altro l’agente contesta, così come il conseguente licenziamento, impugnato di fronte al Consiglio di Stato.

Leggi anche:

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved