ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
17 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
17 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
17 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
18 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
18 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
18 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Locarnese
19 ore

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
21 ore

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
22 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
23 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
23 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
il video
Bellinzonese
23 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
23 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
23 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
1 gior

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
Ticino
1 gior

In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre

Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarno
laR
 
03.10.2022 - 21:46

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura

a cura di Red.Locarno
originalita-e-ambizione-la-cultura-e-in-due-parole
Ti-Press
Casorella

«Locarno può e deve ambire a ritagliarsi uno spazio maggiore in ambito culturale nel contesto ticinese. Lo può fare trovando e coltivando una sua propria originalità. Il potenziale c’è tutto». Possiamo prenderla come una dichiarazione programmatica, quella della capodicastero Cultura Nancy Lunghi nel giorno della pubblicazione del bando-bis per l’assunzione di un Direttore dei Servizi culturali per il "vero" dopo-Chiappini, se escludiamo l’impeccabile interinato assunto dall’archivista e storico Rodolfo Huber.

L’obiettivo, stando alla nota diramata ieri in mattinata dalla Città, è trovare "una Direttrice o un Direttore che sia in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura stessa dei Servizi culturali, ai quali attualmente sottostanno i tre Musei cittadini (Casa Rusca, Casorella e Castello Visconteo), nonché la biblioteca dei Servizi culturali, l’Archivio storico e amministrativo e l’amministrazione e promozione culturale della Città".

Gli obiettivi che i Servizi dovranno perseguire nei prossimi anni sono sostanzialmente tre: "Valorizzare le attività e il patrimonio esistenti; sviluppare una produzione e una programmazione culturale originale e ambiziosa; e al contempo garantire delle programmazioni espositive di qualità nei propri Musei". Scopi che però, con ogni evidenza, non potranno essere efficacemente raggiunti da una singola persona. Pertanto, "uno dei primi compiti richiesti alla nuova figura direttiva sarà quello di elaborare il tipo di gestione ideale per il buon funzionamento dei Musei cittadini e nel frattempo assicurare la curatela delle esposizioni, affidandosi anche a terzi, per esempio tramite mandati puntuali a curatori". La figura ricercata, puntualizza il Municipio, "va quindi intesa come un primo importante passo per poter ristrutturare efficacemente la gestione culturale della Città".

‘Qui ci serve un manager’

Il primo concorso per la Direzione dei Servizi era stato pubblicato nel novembre del 2020 e annullato a fine agosto 2021, quando ormai era alle battute finali. Il motivo: il Municipio si era reso conto che alla nuova figura doveva essere richiesto un profilo più ampio, da manager del settore culturale. Per capire esattamente quali dovessero essere i suoi compiti, era però necessario approfondire la situazione culturale locarnese. Un’analisi era stata così commissionata a una Commissione Cultura appositamente costituita. Sotto la presidenza della municipale Lunghi, avevano lavorato Giulia Maria Beretta, Niccolò Castelli, Roberto Maggini, Simona Martinoli e Renato Martinoni, più lo stesso Huber in qualità di segretario. Dopo aver analizzato l’evoluzione culturale locarnese e confrontato gli scenari di altre realtà comunali, la commissione aveva potuto formulare delle proposte concrete per la ridefinizione della struttura dei Servizi culturali: una base imprescindibile per consentire alla Città di riallestire e pubblicare il nuovo bando.

Bando che, per permettere la miglior adesione possibile al concorso, viene ora pubblicato in più lingue su portali specifici e internazionali. Il concorso rimarrà aperto fino al 25 novembre. Il grado d’occupazione è flessibile, tra l’80 e il 100%, "così da non escludere persone interessanti, ma con esigenze familiari, lavorative o formative incompatibili con un tempo pieno". L’entrata in servizio è prevista in data da convenire, idealmente nella prima metà del 2023.

L’intervista

‘I due bandi separati decisione strategica’

Nancy Lunghi, il futuro Direttore dei Servizi sarà quindi prima di tutto una figura di transizione con compiti più tecnico-amministrativi che non specificamente legati alla programmazione culturale?

No, sarà una figura permanente che però assumerà il ruolo direttivo più amministrativo-strategico legato alle necessità dei Servizi culturali, demandando invece la direzione dei Musei e la rispettiva programmazione espositiva a un’altra figura, che dovremo ancora ricercare; ma prima di farlo andrà disegnata una chiara strategia con l’aiuto del Direttore o della Direttrice dei Servizi. Quelli che dovrà svolgere la futura Direzione dei Servizi culturali sono compiti essenziali per una città ricca di realtà e offerte culturali (che vanno anche oltre ai Musei) e che purtroppo negli anni scorsi sono stati un po’ trascurati, visto che tali compiti erano stati affidati ad un’unica persona. Il grande passo avanti, rispetto al recente passato, è che ci si rende conto che ci vogliano due Direzioni distinte: una per i Servizi culturali, appunto più amministrativo-strategica, e una seconda per i Musei, più artistico-curatoriale e con competenze legate alla gestione museale.

La Commissione Cultura ha ipotizzato un futuro organigramma della struttura verticistica dei Servizi, almeno per quanto riguarda le specifiche funzioni dirigenziali?

La commissione ha sottolineato l’esigenza di dover dotarsi delle due Direzioni di cui ho detto. Però, rendendosi conto della necessità di ottimizzare le risorse ed avere una chiara strategia, ha considerato sensato partire dall’apertura di un bando per la figura direttiva per i Servizi, e quindi con qualità più operative/manageriali, oltre che chiaramente con una solida esperienza culturale. Tale figura dovrà portare le giuste competenze per sviluppare in maniera ottimale anche la gestione dei Musei. Nel breve periodo di transizione necessario per la messa in atto della strategia e la ricerca di una Direzione puntuale per i Musei, la commissione ha suggerito di affidarsi anche a terzi per la curatela delle mostre, così da garantire un programma espositivo di qualità e concedere le dovute risorse di tempo alla Direzione dei Servizi. Questo, da un lato per definire una strategia ottimale per assicurare il buon funzionamento dei Musei cittadini (arrivando nel breve termine a proporre una Direzione per gli stessi) e dall’altro per svolgere gli altri importanti compiti che le spettano. Fra essi mi piace segnalare la necessità di seguire con adeguata attenzione, valorizzandoli, anche ambiti meno appariscenti per il grande pubblico, ma essenziali per la produzione artistica (arti plastiche e figurative, cinema, danza, letteratura, musica, produzioni trasmediali e teatro), la conservazione, nonché la catalogazione e lo studio scientifico del patrimonio culturale della città (collezioni d’arte, archeologia, numismatica, biblioteca, archivio, monumenti e siti storico-culturali nel territorio).

Perché non uscire subito con i due bandi, sapendo che il secondo sarà comunque "inevitabile"?

Per il Municipio sarebbe eccessivamente rischioso, così come nominare prematuramente una figura responsabile di Casa Rusca a tempo parziale: rischierebbe di compromettere l’elaborazione di una strategia ottimale. Strategia che andrà sviluppata e attuata chiaramente nel minor tempo possibile, dotando così finalmente i Musei di una propria Direzione specifica e competente per l’ambito museale, con lo scopo di assicurare una continuità espositiva e la giusta professionalità ai Musei.

Istituendo più figure dirigenziali, non c’è il rischio che il nuovo apparato risulti troppo pesante dal profilo finanziario?

Questo è in parte anche il motivo per cui non si è usciti subito con due bandi. La nuova direzione dei Servizi culturali avrà l’importante e primario compito di sviluppare una strategia che tenga conto anche delle difficoltà finanziarie della Città, cercando nel limite del possibile di capire come rendere i Servizi più efficienti e soprattutto trovare finanziamenti da terzi (sponsorizzazioni o ulteriori convenzioni). Al di là di questo, preferisco parlare di investimento, piuttosto che di spesa: permetterà infatti di valorizzare sia l’importante patrimonio culturale della Città e della regione, che le varie realtà artistico-culturali, rivalorizzando quindi l’immagine di Locarno e a sua volta portando un introito anche economico.

A Locarno la Cultura dispone di un budget di 1 milione e mezzo di franchi (circa il 2% di tutti i costi). Personalmente lo reputa sufficiente per garantire un’offerta all’altezza dell’internazionalità che Locarno può vantare in primo luogo grazie al suo Festival? Detto in altre parole: crede sia opportuno rivedere il capitolo delle risorse economiche da destinare alla Cultura?

I mezzi per un programma culturale all’altezza del patrimonio che si vorrebbe valorizzare sono estremamente modesti. Negli anni è stato investito molto in infrastrutture ma non si è andati di pari passo con le risorse per far vivere al meglio tali strutture. Penso quindi che la nuova Direzione avrà anche l’importante compito di trovare soluzioni per far fronte a queste carenze.

La sua linea politica per l’allestimento del cartellone espositivo si orienta piuttosto su diversi artisti locali, oppure su un numero limitato di grandi nomi internazionali?

Sinceramente sarebbe presuntuoso pretendere che il cartellone espositivo si orienti su una mia linea politica. Quello che posso dire dall’esperienza fatta in questi mesi di dialogo con varie persone sensibili e/o esperte d’arte è che da un lato abbiamo un patrimonio di opere e artisti locali, o comunque con una rilevanza a livello regionale che meritano di essere valorizzati, e dall’altro Locarno è una Città che grazie ad eventi come il Film Festival può portare anche novità che arrivano da oltre confine. Quello che sicuramente è importante è ritrovare una linea originale e che, per evitare doppioni, tenga debitamente conto di quanto già si offre altrove nel Cantone.

Abbiamo accennato al Festival. La vocazione cinematografica di Locarno potrà secondo lei determinare in maniera più incisiva la programmazione culturale futura?

Assolutamente sì: l’audiovisivo è ancora, fortunatamente, un ambito che vede Locarno protagonista a livello cantonale, ma anche, grazie al Film Festival, internazionale. Il Palacinema è stata un’importante realizzazione culturale del recente passato, ma c’è ancora molto margine per poter aumentare il proprio peso, coinvolgendo per esempio maggiormente i partner formativi, quindi Cisa, Supsi e Usi, ma anche il mondo dell’industria cinematografica, puntando per il futuro a un polo audiovisivo vero e proprio. Inoltre, come il nuovo CdA sta già cercando di fare, non bisogna dimenticare la parte culturale: l’auspicio è sviluppare rassegne legate al mondo cinematografico. Sia per quest’ambito che per gli altri (ad esempio quello teatrale), sarà prezioso avere una Direzione che riesca ad avere una visione d’insieme e un dialogo frequente con le varie realtà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved