ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
32 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
59 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
8 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
8 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
15 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
15 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
29.09.2022 - 17:19
Aggiornamento: 17:34

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl

sviluppo-del-comparto-del-lido-perche-il-municipio-tentenna

La situazione del Centro Balneare Regionale (Cbr) di Locarno e lo sviluppo (possibile) del comparto nel quale è inserito sono al centro di un’interpellanza presentata al Municipio della città sul Verbano dal consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl. Quest’ultimo ricorda l’iter della struttura inaugurata nel 2009 e a cui nel 2013 e nel 2015 sono stati aggiunti rispettivamente il centro benessere e il ristorante/lounge, sottolineando come "da subito il Consiglio d’amministrazione, chiamato dai Comuni azionisti a sviluppare il progetto, avesse intravisto la possibilità, se non addirittura l’evidente necessità, di costruire sulla medesima parcella un albergo, che sarebbe risultato di interesse anche per il porto e per tutte le strutture turistiche".

Baeriswyl spiega che "a una prima ricerca della Cbr Sa per un eventuale investitore alberghiero hanno risposto diversi interessati", ma che il progetto si è poi "scontrato con imprevedibili e assai discutibili problemi di Piano regolatore – in particolare a causa di un precedente ricorso contro la realizzazione di una discoteca/piano bar al secondo piano del ristorante accolto in seconda istanza dal Tram –", che hanno portato il Municipio ("malgrado disponesse di margine di apprezzamento per l’accettazione"), a richiedere la precedente approvazione di una variante di Pr che indicasse chiaramente tra i contenuti la possibilità di costruzione di un albergo. Da lì è poi partito il processo che, dopo anni e non poche discussioni, ha portato a fine 2014 la Dionea Sa (incaricata da Cbr e Porto) a presentare all’esecutivo locarnese uno studio di fattibilità, al quale però ha fatto seguito "un incomprensibile e stucchevole tiramolla tra Cbr – a cui si sono in seguito aggiunte anche le società che gestiscono Spa e ristorante – e Municipio", che solo il 28 ottobre 2019 ha incaricato la stessa Dionea Sa di preparare la variante di Pr per il comparto. Documento infine giunto sui tavoli di Palazzo Marcacci il 27 novembre 2020.

Alla luce di tutto ciò, il consigliere comunale Udc chiede: quando il Municipio intende presentare il messaggio per la variante di Piano regolatore in questione, visto che la bozza è nelle sue mani sin dal 27 novembre 2020? Perché, malgrado le molte sollecitazioni e spiegazioni ricevute, il Municipio non si è mai impegnato ad accelerare la procedura impedendo così alla Cbr di incassare negli ultimi 10 anni vari milioni di franchi di canone di diritto di superficie che sarebbero andati a diminuzione del disavanzo della gestione annuale a carico del Comune? Non si è mai reso conto il Municipio che il completamento del grande progetto del nuovo Lido con un albergo e con gli altri lavori al porto e alla riva, previsti dalla variante di Pr preparata dalla Dionea Sa, avrebbero trasformato quel comparto in una delle zone lacustri più belle e attrattive di tutto il Paese? Perché il Municipio non ha mai sostenuto con forza e quindi accelerato questi progetti malgrado l’indiscusso loro valore macroeconomico generale e le ricadute dirette sui conti comunali già parecchio in sofferenza?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved