ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
13 min

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
11 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
laR
 
26.09.2022 - 07:28
Aggiornamento: 08:52

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione

le-corti-incanto-offriamo-delicatezza-in-cambio-di-passione
Alberto Marchesi
+2

Per il Gruppo Centro Storico di Locarno è come avere per le mani un oggetto prezioso da dare in custodia a qualcuno del quale ci si possa davvero fidare; «una cosa delicata», come dice Cristina Foglia. Delicata è probabilmente l’aggettivo giusto per definire "Le Corti inCanto", l’evento di Città Vecchia che per 15 anni ha deliziato un pubblico capace di cogliere nelle sfumature, nelle finezze stilistiche, nel sussurrato molto più che nel gridato, la vera essenza del fare musica quando la si intende «in modo audace, con un’impronta artisticamente originale e inusuale».

Un compito, questo, che il gruppo promotore ha assolto in modo impeccabile, a costi contenuti (ma comunque non irrisori per chi debba raccogliere fondi porta a porta), fino al momento di dire basta «per esaurimento di risorse umane e finanziarie, ma anche con un senso di appagamento e soddisfazione per il cammino percorso», puntualizza Luciano Bernardini. Per l’architetto «non è un "basta" tout-court alla manifestazione, che non vuole né deve morire a causa della nostra rinuncia. La speranza è che qualcuno, dotato di passione e buona volontà, ci subentri e si assuma la responsabilità di dare una continuità. La premessa è che organizzare è insieme impegnativo – per l’allestimento del programma musicale, di cui si è sempre presa cura Cristina, e per la copertura finanziaria (circa 10mila franchi) – ma anche piuttosto semplice, perché l’apparato esiste, così come il grande l’interesse di gruppi, pubblico e anche una parte degli sponsor».

Bolle di bellezza per il nucleo

L’evento era nato nel 2008 per un’intuizione di Cristina Foglia durante un momento canoro nella corte di Casa Ruggero. Da lì, la magia si era estesa coinvolgendo nel tempo un folto stuolo di volontari, composto anche da Bernardini, Luigi Conforto, Paola Capiaghi, Natalie Gasbaroni, Mariangela Bionda e – in una prima fase – da Nicla Vitali e Antonella Sabatini. Caratteristica principale delle "Corti inCanto" è sempre stata valorizzare gli spazi intimi del nucleo storico con una musica di qualità, se possibile senza amplificazione, creando delle bolle di bellezza da cui emergesse anche la forza del canto corale. La "missione", nel corso degli anni, è stata portata avanti coinvolgendo Casa Ruggero, casa Reschigna, la Chiesa Nuova, Casa Rusca, il Castello Visconteo, Palazzo Morettini, Casa del Negromante, Casa Borgo e la Magistrale, con le prime 5 corti a "resistere" fino all’ultima edizione in questa forma, tenutasi settimana scorsa ottenendo, come sempre, un ottimo successo.

«Lo spirito è sempre stato quello di offrire i concerti come fossero un dono alla popolazione locale e ai molti turisti, diversi dei quali "habitués" legati all’evento – prosegue Cristina Foglia –. Un altro punto fermo è stato pagare i musicisti il giusto, perché molti con la loro musica ci campano, e comunque la qualità e l’impegno bisogna riconoscerli anche dal profilo finanziario». Dalla musica antica a quella moderna, passando per le corali e l’improvvisazione vocale, «abbiamo lanciato un certo tipo di messaggio musicale che il nostro pubblico ha sempre recepito, rispondendo con una presenza massiccia ma soprattutto con grande rispetto». E anche quella «frenesia», per usare le parole di Bernardini, «che si vede laddove a muovere le persone c’è la passione, la voglia di scoprire cose nuove, un po’ come succede al Festival del film».

Si rivede ‘Parole in strada’?

Le sorti della manifestazione (www.cortincanto.ch) sono dunque nelle mani di chi vorrà raccogliere la sfida di un rilancio portando nuove energie. Quelle stesse energie che potrebbero del resto riaffiorare, sempre in seno al Gruppo Centro Storico, guardando a un altro evento promosso nel recente passato, ma poi congelato dalla pandemia: "Parole in strada", svoltosi un’unica volta nel 2019, che metteva in vetrina scrittori e aspiranti tali permettendo loro di leggere un proprio testo di fronte al pubblico. «Quella era in effetti stata una giornata straordinaria – ricorda Bernardini –, da pelle d’oca». Condividiamo in pieno. Per una porta che (forse) si chiude, ce n’è un’altra pronta, si spera, a riaprirsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved