ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
53 min

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
2 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
5 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
11 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
12 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
14 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
15 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
16 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
16 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
laR
 
26.09.2022 - 07:28
Aggiornamento: 08:52

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione

le-corti-incanto-offriamo-delicatezza-in-cambio-di-passione
Alberto Marchesi
+2

Per il Gruppo Centro Storico di Locarno è come avere per le mani un oggetto prezioso da dare in custodia a qualcuno del quale ci si possa davvero fidare; «una cosa delicata», come dice Cristina Foglia. Delicata è probabilmente l’aggettivo giusto per definire "Le Corti inCanto", l’evento di Città Vecchia che per 15 anni ha deliziato un pubblico capace di cogliere nelle sfumature, nelle finezze stilistiche, nel sussurrato molto più che nel gridato, la vera essenza del fare musica quando la si intende «in modo audace, con un’impronta artisticamente originale e inusuale».

Un compito, questo, che il gruppo promotore ha assolto in modo impeccabile, a costi contenuti (ma comunque non irrisori per chi debba raccogliere fondi porta a porta), fino al momento di dire basta «per esaurimento di risorse umane e finanziarie, ma anche con un senso di appagamento e soddisfazione per il cammino percorso», puntualizza Luciano Bernardini. Per l’architetto «non è un "basta" tout-court alla manifestazione, che non vuole né deve morire a causa della nostra rinuncia. La speranza è che qualcuno, dotato di passione e buona volontà, ci subentri e si assuma la responsabilità di dare una continuità. La premessa è che organizzare è insieme impegnativo – per l’allestimento del programma musicale, di cui si è sempre presa cura Cristina, e per la copertura finanziaria (circa 10mila franchi) – ma anche piuttosto semplice, perché l’apparato esiste, così come il grande l’interesse di gruppi, pubblico e anche una parte degli sponsor».

Bolle di bellezza per il nucleo

L’evento era nato nel 2008 per un’intuizione di Cristina Foglia durante un momento canoro nella corte di Casa Ruggero. Da lì, la magia si era estesa coinvolgendo nel tempo un folto stuolo di volontari, composto anche da Bernardini, Luigi Conforto, Paola Capiaghi, Natalie Gasbaroni, Mariangela Bionda e – in una prima fase – da Nicla Vitali e Antonella Sabatini. Caratteristica principale delle "Corti inCanto" è sempre stata valorizzare gli spazi intimi del nucleo storico con una musica di qualità, se possibile senza amplificazione, creando delle bolle di bellezza da cui emergesse anche la forza del canto corale. La "missione", nel corso degli anni, è stata portata avanti coinvolgendo Casa Ruggero, casa Reschigna, la Chiesa Nuova, Casa Rusca, il Castello Visconteo, Palazzo Morettini, Casa del Negromante, Casa Borgo e la Magistrale, con le prime 5 corti a "resistere" fino all’ultima edizione in questa forma, tenutasi settimana scorsa ottenendo, come sempre, un ottimo successo.

«Lo spirito è sempre stato quello di offrire i concerti come fossero un dono alla popolazione locale e ai molti turisti, diversi dei quali "habitués" legati all’evento – prosegue Cristina Foglia –. Un altro punto fermo è stato pagare i musicisti il giusto, perché molti con la loro musica ci campano, e comunque la qualità e l’impegno bisogna riconoscerli anche dal profilo finanziario». Dalla musica antica a quella moderna, passando per le corali e l’improvvisazione vocale, «abbiamo lanciato un certo tipo di messaggio musicale che il nostro pubblico ha sempre recepito, rispondendo con una presenza massiccia ma soprattutto con grande rispetto». E anche quella «frenesia», per usare le parole di Bernardini, «che si vede laddove a muovere le persone c’è la passione, la voglia di scoprire cose nuove, un po’ come succede al Festival del film».

Si rivede ‘Parole in strada’?

Le sorti della manifestazione (www.cortincanto.ch) sono dunque nelle mani di chi vorrà raccogliere la sfida di un rilancio portando nuove energie. Quelle stesse energie che potrebbero del resto riaffiorare, sempre in seno al Gruppo Centro Storico, guardando a un altro evento promosso nel recente passato, ma poi congelato dalla pandemia: "Parole in strada", svoltosi un’unica volta nel 2019, che metteva in vetrina scrittori e aspiranti tali permettendo loro di leggere un proprio testo di fronte al pubblico. «Quella era in effetti stata una giornata straordinaria – ricorda Bernardini –, da pelle d’oca». Condividiamo in pieno. Per una porta che (forse) si chiude, ce n’è un’altra pronta, si spera, a riaprirsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved