ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
39 min

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
12 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
13 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
14 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
22.09.2022 - 20:17
Aggiornamento: 20:42

Intragna, cade intonaco nel Palazzo comunale

Dopo il caso dell’edificio scolastico, tocca a un locale della Cancelleria. L’accaduto impone di accelerare i tempi della ristrutturazione dello stabile

intragna-cade-intonaco-nel-palazzo-comunale

È un periodo poco fortunato per gli stabili comunali a Intragna, nelle Centovalli. Tra luglio e agosto, come riportato in queste pagine, si era verificato l‘improvviso crollo di parti dell’intonaco del sottotetto del palazzo scolastico, tuttora oggetto di verifiche in vista degli interventi di risanamento necessari. L’area dove si sono staccati i calcinacci è dunque ancora transennata così da garantire la sicurezza dei bambini e dei docenti. Sempre lo stesso edificio scolastico, che ospita le scuole elementari e dell’infanzia, negli scorsi anni, in pieno cantiere di ristrutturazione, aveva fatto parlare di sé per la polemica sorta attorno alla tenuta delle solette, che a detta di alcuni esperti in materia, presentavano delle criticità tali da poter far temere un cedimento. Problema poi risolto, musica del passato.

L’ultimo episodio, in ordine di tempo, risale a qualche giorno fa e chiama in causa, stavolta, il Palazzo Comunale, sede dell’Amministrazione. A cedere, stavolta, è stata una parte dell’intonaco del soffitto in un ufficio al secondo piano dell’immobile, staccatosi all’improvviso e finito sul mobilio sottostante. Fortuna vuole che in quel momento non vi fosse nessuno al lavoro. Anche in questo caso, come ci conferma il sindaco Michele Turri, «abbiamo subito incaricato un ingegnere di eseguire una verifica. Non è comunque stato il caso di decretare inagibili gli spazi. Procederemo con un intervento di messa in sicurezza dei locali cercando di contenere la spesa».

Non tutti i mali, si sa, vengono per nuocere: «Quanto accaduto – rilancia il sindaco – riporta d’attualità la necessità di procedere in tempi celeri a una ristrutturazione totale del vecchio stabile, edificato più di un secolo fa. Proprio al riguardo, negli scorsi mesi abbiamo convocato le commissioni per mostrare lo stato fatiscente dell’edificio e per capire come muoverci. Ora è chiaro a tutti che non potremo attendere a lungo prima d’intervenire».

Il vecchio palazzo sulla piazza del capoluogo ospita oggi la Cancelleria, l’ufficio tecnico e lo sportello postale. Ha invece trovato una nuova sistemazione l’infopoint, trasferitosi qualche metro più in là. «L’idea del Municipio è d’incaricare tre architetti di elaborare delle valutazioni, tenendo ben presente che non si potranno toccare le facciate esterne né modificare le volumetrie dell’immobile. Una volta che saranno rientrati i tre mandati andremo in Consiglio comunale per la richiesta del credito di progettazione». Naturalmente l’avvio dei lavori sarà preceduto dal trasferimento, provvisorio, della cancelleria comunale: «Anche in questo caso, ci siamo mossi per tempo, cercando una soluzione alternativa. L’opportunità a nostro avviso più interessante è quella di traslocare gli uffici dell’amministrazione nel vecchio asilo».

Di un restyling dell’immobile a Intragna si parla da molto tempo. Nel settembre del 2011, dalla collaborazione fra il Corso di laurea in Architettura della Supsi e l’allora Municipio delle Centovalli, erano scaturiti, attraverso un concorso d’idee, 27 elaborati (lavori poi esposti al pubblico) contenenti proposte di ristrutturazione e ampliamento degli spazi amministrativi. Un’idea poi abbandonata. In tempi a noi più vicini, l’esecutivo era tornato a chinarsi sul problema. Durante l’ultima seduta di legislativo del 2017 una richiesta di credito pari a 85mila franchi da destinare all’allestimento di un progetto (con preventivo di massima) per la ristrutturazione dell’immobile in questione non aveva convinto la sala, costringendo l’Esecutivo a ritirare la trattanda. Nel febbraio del 2018, al legislativo erano state presentate, da parte dell’architetto Sandra Giovannacci, tre proposte d’intervento relative alla Casa comunale. Elemento fondamentale per la vita sociale del paese, il Palazzo comunale attende dunque di rinascere con una ristrutturazione adeguata e gli adattamenti necessari. Un ulteriore passo in avanti per la riqualificazione e la valorizzazione della pittoresca piazza e degli stabili che la attorniano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved