07.09.2022 - 08:04
Aggiornamento: 15:53

Losone, cresce la voglia di fotovoltaico

Il sindaco Ivan Catarin: ‘Disponiamo di spazi adatti. Valutazioni in corso per nuovi impianti’

losone-cresce-la-voglia-di-fotovoltaico
Lavori in corso per il nuovo centro civico

A Losone cresce la voglia di fotovoltaico. Complici la crisi energetica e l’aumento dei prezzi dell’elettricità, il Comune sulla destra della Maggia sta valutando la creazione di nuovi impianti. «Gli spazi a disposizione per posare pannelli ci sono – spiega il sindaco Ivan Catarin –. Il Municipio proprio in questi giorni si riunirà per riflettere sulle misure di risparmio energetico a breve termine. All’incontro ci saranno anche rappresentanti della Società elettrica sopracenerina, che ci spiegheranno come e dove agire e quali sono gli spazi di manovra». Niente luci natalizie e monumenti al buio? «Non so ancora quali saranno le soluzioni migliori. Per quanto riguarda i monumenti, devo ammettere che a Losone non sono molti quelli illuminati...».

Più complesso il discorso degli impianti fotovoltaici. «Già ce ne sono, ad esempio sulle scuole elementari e sul tetto dell’ex asilo – spiega Catarin –. Ma non sono di nostra proprietà. Appartengono alla Sopracenerina, alla quale il Comune ha concesso dei diritti di superficie. Tuttavia, penso che dobbiamo progettare impianti nostri. Potremmo completare quello sulle elementari, ma anche installarne uno sul tetto della scuola dell’infanzia. Credo che anche l’ex caserma potrebbe ospitare pannelli».

Poi c’è la nuova casa comunale. Un edificio che costerà più di 13 milioni di franchi e per il quale il cantiere è già iniziato. Nell’aprile 2021, al momento della concessione del credito, il Consiglio comunale aveva dibattuto il tema del risparmio energetico. La Lista della sinistra aveva proposto di aumentare la cifra a disposizione, con un aggiunta di 400mila franchi, per raggiungere lo standard Minergie-P. Ma la maggioranza del Legislativo, appoggiando il Municipio, aveva scartato l’idea, puntando su un certificato Minergie di base.

Volendo, sareste in tempo per cambiare idea e per riprendere la proposta della Sinistra? «Non credo proprio – risponde il sindaco –. Il Minergie-P tocca diversi aspetti del progetto, anche strutturali. Impossibile tornare indietro. Tuttavia, posso garantire che il concetto Minergie adottato è molto valido. Di più. Il tetto piatto dell’edificio sarà ricoperto da pannelli fotovoltaici e, con un’ottima esposizione a sud, sarà capace di produrre una quantità interessante di elettricità».

Catarin, in conclusione, segnala che nei prossimi giorni il Municipio informerà in modo dettagliato sulle misure che il Comune adotterà nei prossimi mesi per il risparmio energetico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved