ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
16.08.2022 - 14:01
Aggiornamento: 16:16

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale

da-locarno-a-berlino-puntando-tutto-sulle-proprie-gambe

Da Locarno a Berlino, 919 km. Se in treno, in aereo o in auto la distanza può sembrare, tutto sommato, poca cosa, percorrerla a piedi diventa un’impresa. Sgomberiamo subito il campo dall’idea di una vacanza-pellegrinaggio; nessuna catena solidale da imbastire. Questo percorso a passo lento, i tre giovani locarnesi sulla ventina protagonisti della storia (Samuele Caers, Dario Maggetti e David Heer) lo hanno portato a termine (proprio venerdì il loro rientro a casa dalla capitale tedesca, stavolta in treno) in soli 35 giorni assaporando ogni passo del loro cammino tra Svizzera, Austria e Germania, «in quello che ha rappresentato un processo di crescita personale, un mettersi alla prova con sé stessi», ci spiega Emanuel Cassiano, il loro supporto morale, colui che da casa ne ha curato, sin dal via, la pagina su Instagram (‘Thesupertrampss’). Aggiornamenti social necessari a testimoniare le giornate a familiari, amici e conoscenti dei tre camminatori. Sono stati talmente tanti i "bagagli" raccolti durante la lunga trasferta che si è sentita la voglia e la necessità di restituirli sotto forma di post, d’immagini, e da qui la scelta del mezzo per poterli diffondere e condividere.

Nessun progetto, solo una cartina geografica

L’idea di una simile traversata (effettuata costeggiando strade, sentieri, fiumi, colline e montagne), racconta Emanuel, è nata da Samuele e Dario, osservando una cartina geografica, senza essere influenzati da niente e nessuno. Inizialmente i partecipanti avrebbero dovuto essere due, poi a loro si è aggiunto David. La partenza è avvenuta il primo luglio; negli scorsi giorni la foto dinnanzi ai resti del muro di Berlino. La prova inconfutabile dell’exploit dei tre ventenni in modalità ‘Forrest Gump’.

Tutti e tre, è bene precisarlo, non sono arrivati sprovvisti alla scelta di questo viaggio lento: un certo allenamento (ma nessuna preparazione specifica) l’avevano, visto che avevano tutti alle spalle qualche tosta marcia militare e una buona condizione fisica. Altrimenti difficilmente avrebbero potuto sciropparsi tappe di 25-35 km al giorno, sotto il solleone o la pioggia, zaini (con l’indispensabile, ma pieni di sogni e determinazione) in spalla.

Scavare alla ricerca dell’essenza della persona

Tanti gli incontri con gente simpatica e accogliente lungo il percorso; non è mancato qualche episodio spiacevole, come con la Polizia tedesca che ha pure rovistato nella loro tenda in occasione di un controllo. A ogni buon conto, le cose si sono poi sempre sistemate anche quando avvenivano in modo diverso da come i tre avevano programmato. Ogni giorno c’era una novità, qualcosa da scoprire di diverso. Mai hanno pensato di abbandonare l’impresa anche se la fatica (e qualche immancabile dolore muscolare) più volte si è fatta sentire. Qualche momento di scoramento che poi rapidamente superavano. Trovato l’equilibrio tra cammino e risposo nel bivacco, tra i pasti veloci e qualche cena in un piccolo ristorante, su di giri con l’avvicinarsi della conclusione del viaggio, contando solo sulle loro forze per vincere la grande sfida.

Una sorta di meditazione che hanno usato per scavare a fondo e ricercare l’essenza della loro persona li ha sostenuti in questa avventura, in questo sforzo lungo e ripetitivo. Ma rigenerativo. Il ‘manifesto’ della loro impresa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved