09.08.2022 - 15:19
Aggiornamento: 16:34

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni

castello-incantato-dalle-rive-lacustri-alla-montagna

Si apre il sipario sulle baracche itineranti di burattini e marionette in tutto il Locarnese per la 24esima edizione del festival di teatro di figura Il castello incantato. Temi molto attuali come la guerra e la resilienza, per il primo appuntamento venerdì 12 agosto (alle 21) nel Delta Valle di Gerra Gambarogno (in caso di pioggia San Nazzaro Oratorio), con la compagnia ‘Le strologhe in Aiko’ e ‘L’orso della luna bianca’, spettacolo di narrazione e teatro d’ombre. Il giorno seguente, sabato 13 agosto (stavolta dalle 20.30) i burattini della compagnia Walter Broggini ‘salgono’ in funivia fino al bosco di Cardada (in caso di pioggia al coperto) per presentare il divertente ‘Pirù, Demoni e denari’, in cui Pirù, burattino iconico di questa compagnia, discende agli "Inferi" per liberare la bella contessa Euridice, spedita laggiù dal perfido Conte Orfeo.

Sono intanto ancora aperte le iscrizioni per il Laboratorio di costruzione di marionette di legno per adulti e ragazzi dagli 8 anni (con Teodor Borisov), in programma dal 22 al 26 agosto, dalle 9 alle 12, per partecipanti dagli 8 anni e adulti. Le lezioni si terranno nell’Atelier Teatro dei Fauni, via alla Morettina 2 Locarno. Iscrizione a pagamento entro il 16 agosto a fauni@teatro-fauni.ch.

Il castello incantato è organizzato dal Teatro dei Fauni con la direzione artistica di Santuzza Oberholzer. In circa un mese in 10 luoghi suggestivi, verranno presentati 13 spettacoli internazionali a entrata libera provenienti oltre che dalla Svizzera anche da Italia, Spagna, Rep. Ceca, Bulgaria, Venezuela, per far sognare il pubblico di ogni età. In caso di pioggia ci sarà sempre una sala nelle vicinanze.

Tutti gli eventi sono a entrata gratuita grazie alla collaborazione dei Comuni ospitanti, delle Associazioni locali, di Fondazioni per la cultura, della Divisione della cultura del Canton Ticino e di Migros Ticino Percento culturale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved