ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
2 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
4 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
5 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
5 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
7 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
8 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
9 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
10 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
12 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
20.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:27

Alta Vallemaggia, la ristorazione perde pezzi

Il settore soffre. Nonostante l’incremento dell’affluenza turistica gli esercizi pubblici faticano a restare a galla

alta-vallemaggia-la-ristorazione-perde-pezzi
Ti-Press
Camere con vista... sulla piazza

A un villaggio si può toglier tutto eccetto tre cose: il campanile, la piazzetta di paese e l’osteria. Coordinate principali per orientarsi in una realtà sconosciuta se si è forestieri, all’interno di una comunità questi elementi costituiscono i punti di ritrovo più significativi nonché quelli che più la identificano. Ristoranti, alberghi, bar, locande non sono solo luoghi dove è possibile gustare del buon cibo, dissetarsi e riposare, servono anche per socializzare, scambiare qualche chiacchiera e passare del tempo in compagnia. Rappresentano i polmoni e il cuore pulsante di un paese, soprattutto in una valle. E quando le saracinesche di questi esercizi pubblici si abbassano per sempre il rischio non si limita solo a perdere un buon contribuente o un cuoco in grado di soddisfare pancia e palato dei propri clienti.

In Alta Vallemaggia di locali coi tavoli non più apparecchiati, la porta chiusa e l’insegna di "cessata attività" se ne vedono diversi. Partendo da Cevio, c’è ad esempio l’albergo Basodino, oramai in disuso da anni; senza questa istituzione la piazza sembra quasi vuota. Accanto c’è il ristorante della Posta, in piena attività, ma in vendita. Proseguendo il "tour" dell’emorragia dei ritrovi pubblici – descritta anche nel numero di luglio de laRivista di Locarnese e Vallemaggia, edita da Armando Dadò –, a Bignasco troviamo l’albergo della Posta e l’annessa terrazza con vista sul fiume. Anch’esso è chiuso, in attesa che qualcuno lo riprenda in gestione. A Cavergno, i gerenti della pizzeria al Torchio sono in procinto di lasciare l’attività (a quanto pare già in agosto) e il destino del locale è ancora incerto. Salendo ancora, verso la Lavizzara, troviamo a Broglio l’osteria Zoppi, che è chiusa, così come il ristorante Poncetta a Prato. A Sornico il Garni Lavizzara, gestito dalla famiglia Donati, è alla ricerca di un compratore. Volendo poi fare un salto anche in un’altra vallata, la Rovana, sorte analoga avviene con l’omonimo ristorante, chiuso da diverso tempo. Previsti diversi cambi – sempre più frequenti – di gerenza in altri bar, ristoranti e alberghi della regione; sintomo quest’ultimo di una tendenza poco confortante.

Insomma una situazione non di certo rosea per il settore gastronomico e alberghiero dell’Alta Vallemaggia. Per avere un quadro più chiaro ci siamo rivolti a Nunzio Longhitano, presidente di GastroTicino per la regione Lago Maggiore e Valli.

‘Manca un ricambio generazionale e la clientela è mutata’

«Il problema principale – afferma l’intervistato – è che più si sale lungo la valle, più s’incontrano difficoltà nel processo di ricambio generazionale. Molti dei gerenti e dei proprietari hanno una certa età e faticano a trovare qualcuno che li sostituisca. Sono persone che portano avanti delle realtà spesso a carattere familiare, ma che restano senza chi voglia portare avanti l’attività, oppure che sia interessato a investire».

Un altro fattore determinante è il profilo del consumatore e del cliente "tipo", che ha subito dei mutamenti nel tempo e che il nostro interlocutore divide fra gente del posto e turisti: «Nell’Alta Valle fatichiamo sempre di più ad avere massa critica. La clientela fissa inizia a scarseggiare. Un po’ perché nel tempo c’è stata un’evoluzione delle abitudini della gente. Una volta era più sentita la cultura di andare a mangiare fuori. Ora un po’ meno, pure a causa della pandemia che ha reso le persone meno propense a uscire a pranzo o a cena. Senza dimenticare il calo demografico. Infine, molti clienti affezionati hanno una certa età e altri hanno lasciato la valle».

Ma il coronavirus, che prima ci ha confinati, lo scorso anno ha portato molti turisti (confederati e ticinesi) a scegliere per le loro vacanze mete svizzere, e tra queste le valli locarnesi. Perché nonostante la forte affluenza la situazione non è migliorata? «È arrivata molta gente da fuori sì, ma erano turisti di giornata. Non si fermavano né a dormire né a mangiare. Certo la riapertura dopo sette mesi aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a molti. Ma è stato un sospiro di corta durata, soprattutto in Alta Vallemaggia che, rispetto alla Bassa, fatica a tenere aperto tutto l’anno».

‘Tanti progetti sul piatto, latitano i finanziatori’

Importante anche la cooperazione fra gli enti regionali e gli esercenti, come dichiara lo stesso Longhitano: «I rapporti sono molto buoni. Sono diversi i progetti sul piatto inseriti nel Masterplan Alta Vallemaggia, come ad esempio la ristrutturazione dell’albergo Basodino. I Comuni e gli enti pubblici possono sovvenzionare una parte dei costi, ma non tutta la somma. Ci vorrebbero investitori... Ma quelli attualmente mancano».

A un villaggio, come detto, gli si può toglier tutto eccetto il campanile e la piazzetta. Per l’osteria, si vedrà…

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved