approvata-la-scuola-a-bignasco-ma-tira-aria-di-referendum
Il luogo scelto per la futura scuola
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
51 sec

Lostallo, l’associazione Un sorriso per Lova in assemblea

L’appuntamento del 16 agosto, alle 19.30 nella sala polifunzionale del palazzo scolastico, sarà caratterizzato dalla presenza di Suor Maria Albertini 
Mendrisiotto
9 min

Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche

Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
Locarnese
10 min

Base aerea, l’ultimo gradino per i futuri piloti

Iniziata all’aerodromo militare di Locarno l’ultima fase di selezione per i venti candidati alla guida dei velivoli. Si vola in Ticino e Mesolcina
Locarnese
22 min

Sabato la festa di S. Bernardo a Scaiano

Messa e grigliata mista con musica nel programma dell’appuntamento
Locarnese
1 ora

Fusio, festa in paese e mulini in azione

Si celebra il patrono mentre l’Apav metterà in mostra le macchine idrauliche per una macinata di segale
Locarnese
1 ora

Giumaglio, il paese è in festa

Appuntamento al Grotto Preonz con buona cucina e musica
Luganese
1 ora

Frontale tra due auto a Taverne

I due conducenti hanno riportato ferite di media gravità. Il tratto di strada è stato chiuso in entrambe le direzioni.
Locarnese
3 ore

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno
Bellinzonese
6 ore

Estate di successo grazie al fresco e al divertimento

Le aree di svago a Faido apprezzate per la frescura, mentre la Spiaggetta di Arbedo-Castione per i concerti. Buona affluenza per entrambe le zone.
Ticino
6 ore

Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’

I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
6 ore

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
13 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
15 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
15 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
16 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
17 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
18 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
19 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
19 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
26.06.2022 - 18:18

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no

Posta, piscina, scuola. Sono questi i temi che più di tutti tengono e hanno tenuto banco nei dibattiti (talvolta infiammandoli) in quasi un ventennio di aggregazione fra i quartieri di Cevio, Bignasco e Cavergno. E, in merito all’ultimo tema elencato, il nodo della matassa sembra essersi sciolto. O quasi.

Il Consiglio comunale, riunitosi recentemente, ha approvato con 14 voti favorevoli, 8 contrari e un astenuto la convenzione tra Comune di Cevio e Patriziato di Bignasco, per la realizzazione di una nuova sede delle scuole elementari. L’ente è disposto a costruire a proprie spese l’edificio, per poi cederlo in locazione all’autorità comunale alla quale, fra l’altro, viene concessa la facoltà di riscatto in ogni momento. Costo totale dell’investimento? Tre milioni di franchi, mentre il canone d’affitto proposto si attesta a 130mila franchi annui.

Una soluzione che convince, ma non del tutto. Ne sono una prova i due rapporti di minoranza redatti dalle commissioni della Gestione e delle Petizioni e le perplessità ribadite durante la seduta. Come pure la proposta, partita dal gruppo politico Paese Libero (ma non solo), di lanciare un possibile referendum.

Ma prima di passare alla convenzione, un po’ di cronistoria.

Una necessità di vecchia data

Di una sezione delle Elementari e dell’Asilo, e di come dovevano essere suddivise, si dibatteva già nel lontano 2003. All’epoca, il Comune così come lo conosciamo, non esisteva ancora. Era solo una bozza e, fra le varie diciture del progetto aggregativo, nel nome della "centralizzazione", si voleva ripartire l’organizzazione scolastica nel seguente modo: la scuola dell’infanzia sarebbe stata a Bignasco, quella elementare a Cavergno, mentre a Cevio sarebbero "restate" le scuole medie, con una struttura però cantonale. Bellinzona, aveva inizialmente previsto di versare un contributo di 5 milioni di franchi per la costruzione delle scuole elementari a Cavergno e un milione per l’ampliamento dell’asilo di Bignasco.

Nel 2006 avviene la fusione, ma i lavori per una nuova sede a Cavergno non inizieranno mai. Partirà invece un valzer di proposte, mozioni, lettere aperte inviate dai genitori, ricollocamenti delle varie classi e, di conseguenza, anche di allievi, da un palazzo patriziale all’altro (quelli di Bignasco e Cavergno). Qualcosa sembra muoversi nel 2015, quando viene proposto un progetto per il sedime di Cavergno, a lato della palestra comunale, frenato però dallo stesso Legislativo che lo reputa oneroso. A riaprire le danze, l’anno dopo, una mozione dalla quale scaturiscono tre rapporti distinti, ma concordi nell’affermare l’urgenza e orientati alla costruzione di uno stabile nuovo, possibilità però non fattibile per il Comune che si trovava in un’impasse. Nel 2018, nel discorso entra il Patriziato appunto, con la proposta votata settimana scorsa.

Sorgerà vicino alla piscina e all’area camper

Il palazzo scolastico dovrebbe sorgere in zona Campagna di Bignasco, a due passi dal futuro centro sportivo-ricreativo (piscina) e dall’area camper. L’ipotesi sul tavolo è una sede con tre aule scolastiche, più una per le attività creative e una per i docenti, una sala polivalente, una mensa con spazio refettorio, l’archivio, un locale tecnico e servizi.

C’è chi dice no: ‘I patti erano altri’

Favorevoli al progetto i gruppi di Alleanza Moderata e Indipendenti per l’Unità, contrari i rappresentanti di Cevio 2021 e Paese Libero.

«Non siamo d’accordo per varie ragioni – inizia Martino Giovanettina, capogruppo di Paese Libero, firmatario con Daniele Vedova del rapporto di minoranza della Gestione –. A cominciare dal fatto che la scuola va costruita dal Comune e non da un patriziato. Poi essa deve sorgere a Cavergno non per campanilismo ma per mantenere gli accordi fatti al momento della fusione (i cittadini votarono anche sulla base di queste promesse, a oggi non mantenute)».

Di carattere geografico resta anche il terzo punto: «Il posto indicato dal patriziato non è confacente perché, assieme al possibile centro sportivo e all’area camper, porterebbe traffico in un quartiere residenziale», afferma il capogruppo, ipotizzando poi dei conflitti d’interesse fra comune ed ente. «Non legale ma politico. Infatti il presidente del patriziato, (Diego Togni), la vice (Dusca Schindler), e la segretaria (Elena Fenini), sono rispettivamente municipale, persona di riferimento del primo gruppo politico ed ex municipale, nell’Esecutivo proprio nell’anno in cui è nata l’idea».

Ma soprattutto: «Questa sarebbe una scuola minimal (visto il budget). Venderla come unico modo per risolvere in tempi brevi il problema è un modo per attirare consensi dalle famiglie. Ma ciò è una mezza verità: si tenta d’imporre un progetto che divide la comunità dopo Cc e Municipio. Una scuola dovrebbe essere un progetto corale e non divisivo».

E sul possibile referendum? «È un’idea che resta in sospeso. Non sarà promosso da Paese Libero ma da un gruppo di cittadini e non mi vedrà come persona di riferimento».

‘Un progetto per il bene di un Comune orientato alle famiglie’

A rispondere è proprio una delle protagoniste citate, Dusca Schindler: «Non esistono conflitti d’interessi, né concreti né astratti. Il Comune ha sempre aiutato il Patriziato e ora il Patriziato è in grado di rispondere a un bisogno del Comune. Entrambi gli organismi hanno il medesimo obiettivo: utilizzare i propri beni a favore della comunità. Con un po’ di entusiasmo e collaborazione, dopo un ventennio di discussioni, entro il 2025 il Comune di Cevio disporrà della propria scuola, dando un esempio di moderna cooperazione fra enti pubblici. Non capisco la diffidenza di chi ha potuto leggere gli accordi proposti dal Municipio, che sono stati approvati dal Consiglio comunale e dai quali emerge chiaramente che l’operazione non genera utili per il Patriziato».

Chi è d’accordo con la nuova sede a Bignasco non ritiene vi siano criticità tali da inficiare il progetto. Ad esempio la distanza con la palestra, che si trova a Cavergno: «In fondo già oggi la sezione delle Elementari a Bignasco si sposta di circa un chilometro per fare ginnastica», risponde Schindler che, per finire, menziona la mancata promessa della scuola a Cavergno: «I soldi del Cantone non sono arrivati e la situazione nel frattempo è sostanzialmente cambiata. Oggi siamo un solo Comune, concorde nel riconoscere il bisogno di dare alle Elementari una sede adeguata e per le autorità hanno trovato una risposta immediatamente attuabile».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bignasco cavergno cevio patriziato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved