per-il-dicastero-polizia-ipotesi-ad-interim
Marco Pellegrini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
8 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
8 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
8 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
9 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
10 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
10 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
10 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
22.06.2022 - 05:30

‘Per il Dicastero polizia ipotesi ad interim’

La proposta del presidente Ppd Marco Pellegrini: ‘Sul tema è necessaria una riflessione politica’

La Polizia di Locarno ha perso agenti. E l’emorragia, a quanto pare, non si è ancora del tutto arrestata. Il tema è noto da mesi ed è stato oggetto di un’interpellanza al Municipio e di una presa di posizione del sindacato Ocst. L’Esecutivo cittadino lo scorso mese di marzo aveva deciso di "avviare una verifica riguardo

alcuni aspetti puntuali interni al corpo – come si leggeva in una nota stampa di quei giorni –. Nel segno della massima trasparenza, abbiamo quindi scelto di aprire un’inchiesta amministrativa, avvalendoci del sostegno e dell’esperienza dell’avvocato Marco Bertoli (già procuratore pubblico e autore d’inchieste amministrative ai più alti livelli dello Stato), grazie alle cui competenze si potrà beneficiare di elementi oggettivi".

Da nostre fonti, ieri il Municipio ha incontrato Bertoli per fare il punto, anche se l’inchiesta è ancora in una fase intermedia. Sui dettagli della riunione, tuttavia, bocche cucite.

L’inchiesta è un passo dovuto, stando a Marco Pellegrini, presidente della sezione cittadina del Ppd dallo scorso maggio e già municipale di Locarno (nonché capo Dicastero sicurezza). «È evidente – spiega – che all’interno del corpo di Polizia ci sia un malessere. Non si spiegano altrimenti le partenze: 14 nel recente passato e ancora due ultimamente. Ci sono dei problemi da risolvere e l’inchiesta amministrativa mi sembra un ottimo passo avanti. Spero che si arrivi presto a una conclusione, affinché poi il Municipio possa determinare come procedere».

Tuttavia, stando all’intervistato, «è necessaria già fin d’ora una riflessione politica approfondita sul tema della conduzione; per una maggiore trasparenza e anche per una questione di opportunità, mi chiedo se non sia il caso di passare, ad interim, il Dicastero al sindaco Alain Scherrer. Sarebbe una guida super partes, fino alla conclusione dell’inchiesta amministrativa». Ma ci sono motivi sufficientemente validi per un passaggio di consegne, seppur provvisorio? «Secondo me sì. La partenza degli agenti potrebbe essere sintomo di un disagio che non va trascurato: la serenità sul posto di lavoro è essenziale per chi poi si trova a dover lavorare anche in situazioni difficili. Inoltre la sicurezza è un tema di grande importanza per la città e per la regione del Locarnese. Non dimentichiamo che il Corpo di Locarno serve anche altri Comuni vicini, ai quali bisogna rendere conto di cosa sta succedendo. Infine, occorre pensare alle sfide future e alla difesa dell’esistenza del Corpo stesso di fronte alla proposta cantonale di una Polizia unica. Insomma, un tema caldo che a livello politico va sicuramente affrontato con una certa premura».

Leggi anche:

Locarno, per la Polizia comunale un’inchiesta amministrativa

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dicastero polizia locarno marco pellegrini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved