ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
3 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
4 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
4 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
4 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
5 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
5 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
5 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
5 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
6 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
6 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
6 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
7 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
7 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
8 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
laR
 
31.05.2022 - 20:43

Quartiere Solduno, problemi vecchi in attesa di soluzioni

Diverse e disparate le criticità segnalate al Municipio: alberi pericolanti, sicurezza degli attraversamenti stradali e assenza di wc a P.Brolla

quartiere-solduno-problemi-vecchi-in-attesa-di-soluzioni

Problemi irrisolti da troppo tempo. E che ora vanno, finalmente, affrontati dall’autorità cittadina. Se n’è parlato, lo scorso 18 maggio, in occasione dell’assemblea ordinaria dell’Associazione di Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne, svoltasi alle Scuole comunali di Solduno. Presente all’incontro, il municipale Bruno Buzzini e il consigliere comunale Orlando Bianchetti. I due copresidenti, Francesco Ferriroli e Roberto Avanti, hanno illustrato il lavoro svolto dall’Associazione nei molteplici ambiti, soffermandosi pure sulle criticità che, da anni, la Città dovrebbe sistemare una volta per tutte. In definitiva, pur non disconoscendo l’impegno e l’attenzione dimostrata dall’amministrazione di Palazzo Marcacci verso le questioni trattate, il giudizio complessivo vede gli abitanti non soddisfatti, stanti i problemi che rimangono ancora irrisolti.

Alberi pericolanti e terreni toilette

A cominciare da quello degli alberi pericolanti nel comparto Vattagne. All’Ufficio tecnico la presenza di piante di alto fusto instabili è stata segnalata circa tre anni fa. È invece cronaca più recente, quanto occorso a una famiglia confederata, che ha rischiato di finire schiacciata da un grosso tronco precipitato sul campo stradale. Una segnalazione ulteriore è stata dunque subito inviata e, in presenza di un forestale, è stato eseguito un sopralluogo. Ebbene dall’ispezione è emerso come una cinquantina di alberi vada eliminata al più presto per scongiurare pericoli. L’impressione del Comitato è che si tergiversi addossando ai privati proprietari dei fondi l’obbligo di taglio e pulizia. Quanto ai sentieri pedestri che da Solduno portano a Brè, che dovranno essere oggetto d’importanti lavori di struttura, l’auspicio è che possano essere messi in cantiere a breve. Di tutt’altro tipo il problema legato alla mancanza di servizi igienici alla stazione ferroviaria di Ponte Brolla. Questione che chiama in causa anche le Fart e l’Otlmv. Succede così che i numerosi turisti e visitatori dell’area per i propri bisogni ricorrano, sovente, a... giardini e proprietà dei domiciliati. Trasformando i terreni in un wc a cielo aperto poiché non si limitano a orinare, ma anche a defecare negli angoli nascosti. Uno spettacolo poco decoroso. Un fenomeno che potrebbe essere arginato con la posta di Toi Toi che però ancora non sono stati installati.

Attraversamenti pedonali, tocca alla Polizia

Oltre ai problemi irrisolti dagli anni precedenti, l’Associazione di Quartiere è stata coinvolta, d’intesa con l’Assemblea dei genitori di Locarno (professoressa Elena Camerlo), nella ricerca di persone disposte ad assumere la funzione di sorvegliante dei passaggi pedonali nel comparto scolastico. Il tema è stato preso a cuore anche dai consiglieri comunali della Sinistra che hanno inoltrato, in aprile, al Municipio, un’interrogazione al riguardo. In pratica il compito di assicurare l’attraversamento della carreggiata in due punti lungo la trafficata Via Vallemaggia a Solduno (vicino alla Coop e nei pressi del Bar Guna) non è più affidato agli ausiliari della Polcomunale di Locarno bensì a una ditta privata. Le famiglie degli alunni, preoccupate per l’incolumità dei propri bimbi nel percorso casa-scuola, si sono lamentate e l’Associazione si è fatta portavoce del malcontento (non da ultimo anche perché i contribuenti pagano per il servizio degli agenti del corpo cittadino). In questo caso si richiede che siano gli uomini in divisa della Polizia di Locarno a occuparsi, come in passato, di questo compito. Tenendo ben presente che a Solduno nei decenni scorsi si era verificato un incidente mortale nel quale a perdere la vita era stato proprio un alunno (quattro i giovani pedoni feriti in altrettanti investimenti). Sempre in tema di Polizia, l’Associazione chiede che al termine di manifestazioni di vario genere (sagre, matrimoni, funerali) si acceleri il ripristino della segnaletica originale, evitando che per ore gli automobilisti (soprattutto nei giorni festivi e nei fine settimana) debbano affrontare disagi per strade chiuse alla circolazione.

La solidarietà durante la pandemia

Detto delle criticità, all’Assemblea si è parlato anche di tematiche quali la solidarietà, della quale hanno dato prova volontarie e volontari dell’Associazione durante la pandemia. Grazie anche alla preziosa collaborazione di Giovanna Schmid, coordinatrice dei Servizi Sociali cittadini, è stato possibile assicurare agli anziani e alle persone confrontate con problemi fisici il recapito a domicilio di alimentari e farmaci. Gesti di azione collettiva molto apprezzati che dimostrano sensibilità e senso di responsabilità. Va proprio nella direzione dell’aiuto al prossimo anche la richiesta di dotare di apparecchi defibrillatori alcune aree della città che ne sono sprovviste (Ponte Brolla, Locarno Monti o Monte Brè). Concludiamo segnalando che al capitolo nomine, fa il suo ingresso in comitato Enea Pasinelli. Affiancherà, oltre ai due copresidenti, Alberto Regazzi ed Emanuela Dazio. Giovedì, intanto, sindaco, municipali di Locarno e consiglieri comunali del Plr incontreranno i cittadini per una discussione di quartiere (20.30, Centro San Giovanni).

Chissà che qualche criticità non possa trovare soluzione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved