30.05.2022 - 11:46

Centovalli, il punto al rinnovo delle funivie

Il Municipio aggiorna sullo stato d’avanzamento del grosso progetto da quasi 12 milioni: si spera d’iniziare i lavori entro la fine dell’anno

centovalli-il-punto-al-rinnovo-delle-funivie

Non sono fornite, per ora, date precise. Ma quel che è certo è che il Municipio sta lavorando assiduamente affinché i due progetti di rinnovo degli impianti via fune Verdasio-Rasa e Intragna-Pila-Costa possano essere avviati, nella loro fase esecutiva, il più presto possibile. Lo rende noto la stessa Amministrazione centovallina, in una comunicazione affissa all’albo negli scorsi giorni. In particolare l’esecutivo fa sapere di essere alle prese con gli ultimi dettagli tecnici, volti in particolare al contenimento della spesa e alla riduzione dei tempi di realizzazione delle due nuove funivie. Come noto l’importo destinato a questo grosso progetto di rinnovo è di circa 12 milioni di franchi, stanziato dal Parlamento cantonale nel 2018. L’auspicio del Municipio è di poter trovare una soluzione al più presto e poter così ottenere la licenza edilizia per l’apertura dei cantieri.

Tuttavia non ci si sbilancia su date precise. L’ideale sarebbe poter iniziare i lavori entro la fine del 2022. Per quanto attiene all’impianto Verdasio-Rasa, l’attuale concessione all’uso è stata prorogata fino al 31 dicembre 2022; dal 1° gennaio 2023 sino alla consegna del nuovo impianto, i residenti nella frazione sulla sponda destra del fiume Melezza, non servita da strada d’accesso, potranno spostarsi verosimilmente tramite l’elicottero.

Discorso diverso, invece, per l’altro collegamento via fune, quello che da Intragna sale a Pila e Costa. Da mesi esso assicura unicamente il trasporto di materiale e bagagli ma non le persone. Ricordiamo che la gestione di entrambe le funivie sarà affidata all’Ente autonomo comunale Centovalli, alla testa del quale l’esecutivo propone di designare Edi Tosetti, consigliere comunale. La sua nomina dovrà essere ratificata dal legislativo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved