pretorio-di-locarno-scelto-il-progetto-di-ristrutturazione
Bardelli Architetti associati | rendering by the image guy
La facciata ritroverà splendore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
5 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
9 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
11 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
13 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
27.05.2022 - 11:49
Aggiornamento: 15:18

Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione

Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi

Importante passo avanti verso la ristrutturazione del Palazzo del Pretorio di Locarno. Il Consiglio di Stato, per il tramite del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) e del Dipartimento delle istituzioni (Di), informa che il progetto denominato "516101925", presentato dal gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati di Locarno, si è aggiudicato il concorso.

Nel mese di marzo 2019 il Gran Consiglio ha approvato un credito di 3,87 milioni di franchi per le procedure di concorso e progettazione della ristrutturazione del Pretorio di Locarno, edificio inserito nell’elenco dei beni culturali d’interesse cantonale. Per il restauro è previsto un investimento complessivo di circa 35 milioni di franchi. Si prevede l’avvio del cantiere all’inizio del 2025 e la consegna al pubblico entro la fine del 2027. Gli spazi così rinnovati accoglieranno nuovamente le Preture di Locarno Città e Campagna, la Polizia Giudiziaria e la Gendarmeria.

Per individuare gli autori del progetto di restauro è stato indetto un concorso di progettazione organizzato e diretto dalla Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe).

Il concorso è stato pubblicato il 20 luglio scorso e delle 17 candidature pervenute la giuria ha selezionato e ammesso 12 gruppi alla successiva fase di concorso. Alla fine del mese di aprile è stato consegnato il rapporto finale e decretato quale vincitore il progetto 516101925, presentato dal gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati di Locarno e composto dagli studi Ingegneria Sciarini Sa di Vira Gambarogno (ingegneria civile), Zocchetti Sa di Lugano (ingegneria impianti Rvcs), Scherler Sa di Breganzona (ingegneria impianti elettrotecnici), Ecocontrol Sa di Locarno (fisica ed energia della costruzione), Tea engineering Sagl di Melano (sicurezza antincendio).

"Il progetto – indica il Consiglio di Stato in una nota ai media – è stato scelto all’unanimità dalla giuria in quanto affronta il tema in modo concreto, sobrio e razionale rispondendo in modo corretto ai molti vincoli posti per il rinnovamento del Pretorio e in particolare a quelli stabiliti dai principi della conservazione. Il progetto 516101925 propone un approccio conservativo in grado di valorizzare gli spazi, gli elementi caratterizzanti e le qualità ancora presenti nell’edificio particolarmente rappresentativo della sua epoca. L’intervento misurato prevede di mantenere la tipologia distributiva e gli ambienti originali del Pretorio. Risponde al connubio tra le esigenze tecniche e funzionali contemporanee ponendo particolare attenzione nel restauro degli elementi qualificanti interni ancora conservati, quali l’atrio d’entrata e lo scalone monumentale. Con interventi mirati si propone anche di recuperare la qualità degli ambienti andata persa nel corso del tempo, con particolare riferimento alla sala del Patto di Locarno, oltre che a preservare le qualità intrinseche dell’edificio. Dal punto di vista della sostenibilità le proposte materiche si proiettano verso soluzioni con un basso indice di energia grigia che consentono di raggiungere una buona efficienza energetica complessiva. A livello finanziario, il progetto rispetta le previsioni definite dalla committenza".

Per quanto riguarda gli altri partecipanti, al secondo posto si è classificato il progetto "Tra le pieghe" del gruppo interdisciplinare coordinato dallo studio architetti Baserga Nicola e Mozzetti Christian Snc di Muralto mentre al terzo il progetto "Quartiere Nuovo" del gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio Dürisch + Nolli Architetti di Massagno.

Tutti i progetti saranno esposti al pubblico presso il Pretorio di Locarno e l’inaugurazione dell’esposizione, alla presenza dei consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi, è prevista martedì 7 giugno, alle 16.30.

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico da martedì 7 a martedì 21 giugno (escluso festivi infrasettimanali), dalle 8.30 alle 12 e dalle 13.30 alle 17.

Un Palazzo ricco di storia

Il Palazzo del Pretorio fu commissionato dal Cantone Ticino all’architetto Ferdinando Bernasconi nel 1908 e fu inaugurato due anni più tardi. Venne poi ampliato negli anni Trenta, si tratta del primo edificio pubblico e monumentale sorto nel Quartiere Nuovo di Locarno. Voluto e costruito dal governo di un giovane Cantone – che da poco aveva festeggiato i cent’anni dalla sua costituzione e che cercava, nel clima euforico della Belle Époque, di modernizzare e consolidare la presenza dell’amministrazione pubblica sul territorio – è un esempio integro e assai significativo di edilizia pubblica d’inizio Novecento. Dal punto di vista costruttivo coniuga elegantemente un apparato architettonico esterno neoclassicista con la funzionalità e modernità degli interni e delle soluzioni costruttive. Il palazzo è anche ricordato per aver ospitato, nella grande aula penale, gli Accordi di Locarno elaborati durante la Conferenza di Pace tenuta a Locarno dal 5 al 16 ottobre 1925.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bardelli architetti associati palazzo del pretorio pretorio locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved