29.04.2022 - 16:16
Aggiornamento: 16:53

Locarno, credito per un impianto fotovoltaico all’asilo Saleggi

Il progetto prevede l’installazione di pannelli sul vecchio e sul nuovo blocco. L’iniziativa rientra nella strategia per implementare l’autoproduzione

locarno-credito-per-un-impianto-fotovoltaico-all-asilo-saleggi
Ti-Press
La scuola materna dall’alto

Un impianto fotovoltaico sul tetto della scuola dell’infanzia ai Saleggi di Locarno, sia sulla sommità dell’edificio esistente (che subirà una manutenzione), sia sul nuovo blocco in via di esecuzione. È quanto propone il Municipio con un messaggio indirizzato al legislativo, in cui chiede un credito di 330mila franchi per la sua realizzazione, per cui si beneficerà di 54mila franchi del Fondo Fer.

Il progetto è parte della strategia a medio-lungo termine messa in atto e sviluppata dall’Ufficio energia della Divisione urbanistica e infrastrutture, in collaborazione con la Divisione logistica e del territorio, al fine di implementare la produzione di energia elettrica grazie agli impianti a energia solare. Fra le possibilità di sviluppo c’è l’installazione ovunque possibile – su tetti o pareti degli edifici comunali – dei pannelli solari.

La sede dell’asilo ai Saleggi risale ai primi anni Settanta e conta sei sezioni alle quali si aggiungerà un nuovo blocco, si assommeranno quindi due nuove sezioni (il relativo credito è stato concesso lo scorso 28 marzo). "Lo sviluppo del progetto di impianto fotovoltaico ha già tenuto conto della futura edificazione" – si legge nel messaggio municipale –, così come della distribuzione dei pannelli sui tetti. "L’impianto si suddivide quindi in due componenti. Per l’edificio esistente, ci si collegherà al quadro elettrico eseguito nell’ambito della riconfigurazione della cucina centralizzata di alcuni anni or sono, dove si era già considerato un futuro impianto fotovoltaico. Per quanto concerne il nuovo blocco, tutto sarà eseguito in contemporanea all’edificazione permettendo così di approfittare dell’impianto di cantiere già in essere". In aggiunta, nella fase progettuale di massima, è stata pensata altresì la posa di batterie per lo stoccaggio dell’energia prodotta per l’autoconsumo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved