ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
21 min

Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus

Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
2 ore

Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’

A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
2 ore

Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt

L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
2 ore

Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate

Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
9 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
9 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
13 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
13 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
13 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
13 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
14 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
16 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
17 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
22 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
12.04.2022 - 17:59
Aggiornamento: 19:18

Necropoli di Moghegno, dall’età del Ferro brilla l’oro leponzio

Lo scavo ha portato alla luce otto tombe con corredi funerari pregiati. La scoperta apre nuove prospettive di studio e lettura sul passato della valle

necropoli-di-moghegno-dall-eta-del-ferro-brilla-l-oro-leponzio
laRegione
La squadra sul terreno al lavoro nello scavo della necropoli dell’Età del ferro rinvenuta a Moghegno
+7

«Una scoperta eccezionale e inaspettata». L’eccezionalità e la sorpresa dello scavo archeologico che ha riportato alla luce una necropoli di carattere monumentale a Moghegno risiedono nel rinvenimento di diversi oggetti del corredo funerario – e qui sta la sorpresa – risalenti all’età del Ferro (150-80 avanti Cristo), precedente quindi l’epoca romana, della quale nel 1994 era stata scoperta una necropoli (circa 50-150 dopo Cristo) che restituì al patrimonio storico-culturale ticinese quaranta tombe, sempre a Moghegno.

Questa mattina si è svolta a Moghegno la conferenza stampa di presentazione dell’importante ritrovamento, cui erano presenti Simonetta Biaggio-Simona (capa dell’Ufficio dei beni culturali; Ubc), Rossana Cardani Vergani, capa del Servizio archeologia, la squadra di archeologi di terreno Luisa Mosetti e Michele Pellegrini – aiutati da interinali – accompagnati dalla consulente scientifica Rosanna Janke. Gli addetti ai lavori hanno esposto e contestualizzato quanto riportato alla luce in tre settimane di lavoro, sottolineando la positiva collaborazione con la ditta edile impegnata nel cantiere, nonché i proprietari con cui è stato intessuto un dialogo continuo.

Torniamo all’età del Ferro. Poco prima dell’arrivo dei romani, in Ticino viveva la popolazione dei Leponti (qui sta l’eccezionalità, perché loro vestigia sono soprattutto state scoperte nel Bellinzonese), una stirpe celtica i cui manufatti hanno particolari caratteristiche. Proprio grazie a questi elementi peculiari è stato possibile situare nel tempo il sito archeologico che da tre settimane a questa parte sta impegnando la squadra del Servizio archeologia dell’Ubc. La scoperta è storicamente interessante perché apre nuove prospettive di lettura sul passato secolare della Vallemaggia: trovare vestigia leponzie «apre nuovi scenari di studio sul popolamento umano in valle», ha raccontato l’archeologa di terreno e collaboratrice scientifica Luisa Mosetti, tenuto soprattutto conto della ricchezza dei corredi funerari. Lo scavo è il punto di partenza di una ricerca che andrà quindi ben oltre. «Le informazioni sono ancora parziali, tutto è in divenire. Dopo il restauro, verrà svolto lo studio approfondito sui reperti», grazie al quale sarà forse possibile capire le ragioni per cui persone di rango privilegiato abitassero in valle.

Repertoriate otto (ricche) tombe

Alla pubblicazione della domanda di costruzione, «il Servizio archeologia è stato allertato perché il terreno in questione è in un perimetro d’interesse archeologico», ha spiegato Biaggio-Simona, riferendosi alla necropoli romana scoperta a metà anni Novanta. Dopo i sondaggi di verifica e gli accertamenti, si è perciò pianificato lo scavo d’urgenza su un’area piuttosto estesa. Là, sono state trovate e repertoriate otto tombe a inumazione, «una necropoli di un villaggio sconosciuto. Un’ipotesi potrebbe essere che l’abitato sorgeva dove ora c’è il nucleo medievale di Moghegno». Nei tumuli di forma rettangolare venivano inumati i defunti, accompagnati da corredo funerario distinto per genere. La tomba più ricca è la quarta, in cui era sepolta una donna con un corredo assai prezioso composto da diversi monili in argento, «bracciali, anelli, spille, monete e pendagli, di cui uno con lamina d’oro. Una vera e propria rarità», è stato osservato. "Il carattere monumentale delle sepolture e il pregio degli elementi di corredo rinvenuti trovano confronto – allo stato attuale delle conoscenze – solo nelle necropoli leponzie situate in posizioni strategiche sulle vie dei commerci come Giubiasco e Ornavasso (Verbano Cusio Ossola)", riferiva il comunicato stampa. Resti umani «non sono stati trovati – ha chiarito la consulente scientifica Rosanna Janke –. Questo è dovuto all’acidità del terreno, riscontrata soprattutto nel Sopraceneri, che nei secoli ha corroso le ossa e i resti organici. Sappiamo però, grazie alla disposizione degli oggetti, che i corpi erano inumati con la testa verso il sole che sorge».

‘L’archeologia è distruttiva’

In generale, i lavori di scavo, portati avanti con dedizione e impegno, procedono verso il basso e man mano vengono scattate fotografie e fatti disegni di ciò che si trova sotto agli occhi, per la memoria futura. Quando si incontrano oggetti, date la preziosità e la fragilità, vengono estratti degli stacchi che in seguito sono sottoposti a microscavo in laboratorio, dove si procede a pulitura, restauro e catalogazione. Una volta catalogati, gli oggetti sono archiviati in deposito. L’auspicio emerso durante la presentazione di oggi è che questi oggetti pregiati possano trovare una collocazione espositiva, cosicché la popolazione possa goderne e conoscere il passato della regione. Si è quindi fatto riferimento al progettato restauro del Castello Visconteo, per il quale la Città di Locarno ha espresso la volontà di mantenere alcune sale a carattere espositivo.

© Regiopress, All rights reserved