ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
5 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
6 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
8 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
8 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
8 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
9 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
9 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
9 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
10 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
10 ore

Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità

Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Bellinzonese
10 ore

Ad Arbedo-Castione 90 abitanti in più

Il dato della popolazione conferma la tendenza di una crescita costante
Luganese
11 ore

Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi

Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
11 ore

In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino

In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Bellinzonese
11 ore

Professioni tecniche: a Bodio tre giorni per scoprirle

Da giovedì 2 a sabato 4 febbraio il Campus formativo apre le proprie porte ai ragazzi di terza e quarta media e ai loro genitori
Bellinzonese
11 ore

Festival ticinese del film non commerciale: il concorso

Appuntamento il 26 marzo a Bellinzona: il termine per l’invio dei filmati scade mercoledì 15 febbraio
11.04.2022 - 09:58
Aggiornamento: 11:27

Centro urbano Locarno, s’aguzzi la matita

Il Municipio decide di stanziare 1,3 milioni di franchi per la progettazione dell’intero cuore cittadino

a cura di Serse Forni
centro-urbano-locarno-s-aguzzi-la-matita
Largo Zorzi sarà restituito ai pedoni

Il Municipio di Locarno ha approvato il messaggio, con la relativa richiesta di credito di 1,3 milioni di franchi, per la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano. «Si tratta di un importante e decisivo passo nell’obiettivo di consegnare alle cittadine e ai cittadini di Locarno un centro rinnovato, maggiormente funzionale, bello e godibile», commenta il sindaco Alain Scherrer. E il municipale Bruno Buzzini, a capo del Dicastero ambiente, territorio e sport, gli fa eco: «Con questo messaggio andiamo a ridisegnare l’intero centro urbano. Un’area di oltre 40mila metri quadrati, caratterizzata da spazi molto diversi fra loro, che verranno tutti messi in relazione sulla base di un concetto unitario».

Un anno fa, era la fine di marzo del 2021, volgeva al termine il concorso di progetto degli spazi pubblici del centro urbano. Un progetto ambizioso, quanto doveroso, che non si limitava alla risistemazione di piazza Grande, di cui si parla da anni, ma dell’intero centro cittadino. Questo perché, nel tempo, Locarno ha vissuto grandi cambiamenti. Basti pensare alla nascita del PalaCinema, affacciato sulla piazzetta Remo Rossi, o ancora a Largo Zorzi, pregiato spazio che collega il lago a Piazza Grande, oggi completamente liberato dai bus in transito.

"La nouvelle belle époque"

A proposito va ricordato che l’apposita giuria, incaricata d’individuare la migliore proposta dei partecipanti al concorso, ha scelto il progetto "La nouvelle belle époque" della comunità di lavoro composta dallo studio WE Architetti di Lugano, unitamente a Pool Architekten, al consorzio Rotzler, Land e Linea Landscape architecture e dallo studio d’architettura Guscetti. A convincere, in particolare, la sensibilità espressa in questo progetto per ogni singolo spazio del centro urbano, che misura la bellezza di circa 43mila metri quadrati, pari a sette campi da calcio, individuando con altrettanta sensibilità ciò che va effettivamente sistemato e ciò che, invece, non deve essere toccato.

La giuria, presieduta dal sindaco Alain Scherrer, si era così espressa: "È opinione unanime della giuria che il tema fondamentale della sistemazione degli spazi pubblici di Locarno non sia solo Piazza Grande – che di per sé ha già una propria definizione e merita il risanamento, non necessariamente la sostanziale modifica – ma soprattutto i suoi estremi, piazzetta Remo Rossi e in particolare Largo Zorzi, che attraverso le nuove condizioni creatasi con lo spostamento delle linee del trasporto pubblico e con la pedonalizzazione assume ancor un altro significato rispetto al progetto Snozzi, che di questa condizione faceva il proprio tema portante".

Tra gli interventi principali previsti dal progetto de "La nouvelle belle époque", i più significativi riguardano appunto largo Zorzi, con la formazione di una fascia alberata che dalla magnolia della Posta giungerà fino al Debarcadero. Qui è prevista anche la posa di una grande panca monolitica completata da una fontana a livello della pavimentazione e con getti verticali, in modo da non ostacolare l’utilizzo dell’area per manifestazioni. Il tutto, inoltre, in un concetto che mira a trasformare Largo Zorzi in un vero e proprio spazio d’incontro pregiato nel pieno centro di Locarno e affacciato sul Verbano. Se per gli adiacenti giardini si prevede il recupero del disegno originale, il Municipio ha inoltre suggerito d’inserire in Largo Zorzi un’area gioco per i bambini e/o una palestra all’aperto, sulla falsa riga di quella presente al Parco della Pace. «Non pensiamo ad aree recintate o separate da ciò che sta attorno, ma integrate e liberamente fruibili dal pubblico», spiega a proposito Buzzini.

C’è poi il salotto cittadino. Piazza Grande ha già un suo carattere distintivo, invidiato da moltissime altre località svizzere. Dunque, si prevede un intervento assai delicato, lavorando esclusivamente sulla pavimentazione unitaria delle terrazze degli esercizi pubblici e sull’illuminazione. Mentre per l’acciottolato della piazza stessa i futuri lavori alle sottostrutture permetteranno di apportare i giusti correttivi e di adeguare le pendenze dove necessario. L’area di via Trevani, via Ciseri e piazza Muraccio a sua volta sarà caratterizzata da spazi e filari alberati. Alberature che, assieme a una fontana, caratterizzeranno infine anche piazzetta Remo Rossi.

La lista delle spese

L’Esecutivo – si legge in una nota stampa – "ha scelto, con questo messaggio, di unificare le fasi della progettazione di massima e definitiva, per accelerare i tempi sul fronte politico. Progettazione che si stima, una volta avallato il credito di 1,3 milioni di franchi da parte del Consiglio comunale, durerà all’incirca 12 mesi. L’esecuzione dei vari interventi, per i quali saranno successivamente richiesti i vari crediti di realizzazione, è prevista a tappe sull’arco di più anni, coinvolgendo nel contempo, già durante la progettazione, tutti i portatori d’interesse, come organizzatori di eventi, esercenti, proprietari privati e così via. Le attuali stime degli investimenti per l’intero centro urbano indicano una cifra complessiva di 15,3 milioni di franchi, compresa la sistemazione della pavimentazione di Piazza Grande (due milioni circa) e gli adattamenti delle uscite e della soletta dell’autosilo in Largo Zorzi (tre milioni), da inserire nel rinnovato contesto del centro urbano".

«L’idea è quella d’iniziare dalle due estremità, ovvero prima Largo Zorzi e poi piazzetta Remo Rossi, per poi spingerci verso il centro», termina Buzzini.
Con la presentazione di questo messaggio, l’Esecutivo dimostra la sua ferma volontà di concretizzare senza ulteriori indugi una riqualificazione essenziale del cuore di Locarno. Riqualificazione che – ricorda in conclusione il Municipio – "si lega ad altri progetti strategici di grande impatto e legati a questo comparto cittadino. Si pensi alla ristrutturazione del Castello Visconteo, per il quale giungerà nel prossimo futuro l’apposita richiesta del credito di progettazione, e all’insediamento del Museo cantonale di storia naturale nell’area di Santa Caterina. Per quest’ultimo progetto il Cantone ha appena approvato il bando del concorso d’architettura. Mentre il Comune, dal canto suo, ha già licenziato il messaggio concernente la relativa variante di Piano regolatore".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved