ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
2 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
4 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
5 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
5 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
5 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
5 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
6 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
6 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
7 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
7 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
7 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
7 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
7 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
7 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
04.04.2022 - 05:30

Locarno, non uno ma 8’670’300 modi di essere svizzeri

Venerdì 8 aprile, la consigliera nazionale Ada Marra sarà ospite del Gruppo integrazione locale per riflettere su identità e integrazione

locarno-non-uno-ma-8-670-300-modi-di-essere-svizzeri
Keystone
La vodese Ada Marra, consigliera nazionale socialista

"Ma io sono svizzero!" (reclama il primo); "di carta bollata!" (risponde caustico il secondo). Un’espressione – da dirsi tutta d’un fiato "dicartabollata" – che è stata un ritornello quasi costante, alle elementari prima e alle medie poi, che alcuni miei compagni di classe di origini italiane (ma non solo) si sono sentiti ricordare una ricreazione sì e l’altra pure. (A quelli "senza passaporto" si rammentava invece di tornare da dove fossero venuti, benché alcuni fossero nati a Locarno). Sono trascorsi all’incirca venticinque anni, sono cambiate tante cose e le classi scolastiche sono in buona parte più cosmopolite. Tuttavia ancora oggi la domanda ‘che cosa significa essere svizzeri?’ è di forte attualità, perché ancora c’è chi tenta di cristallizzare e immobilizzare l’identità nazionale su un ideale fuori dal tempo e, soprattutto, esclusivo.

La consigliera nazionale socialista Ada Marra prova a dare una lettura della questione nel suo ‘8’670’300 modi di essere svizzeri’ (Dadò Editore, 2021). La pubblicazione, con la prefazione di Dick Marty e con un titolo di per sé programmatico, si prefigge di analizzare la questione identitaria in un periodo d’irrigidimento, chiedendosi in aggiunta «da quando una persona è considerata parte della famiglia». Lo fa partendo dal suo vissuto personale, ma anche forte dell’esperienza tratta dall’iniziativa parlamentare per la naturalizzazione agevolata della terza generazione, una battaglia politica vinta nel 2017 con il 60,4 per cento dei votanti favorevoli e il sostegno della maggioranza dei Cantoni.

L’occasione di scambiare quattro chiacchiere con Ada Marra e riportare una riflessione minima sul tema ci è data dall’incontro organizzato dal Gruppo integrazione di Locarno. Ricalcando il titolo del suo libello, l’associazione l’ha invitata come relatrice per una conferenza che si svolgerà nella sala multiuso della Spai di Locarno, venerdì 8 aprile alle 20.30 (al mattino incontrerà gli apprendisti). Il giorno precedente, giovedì 7, Marra prenderà parte a una serata pubblica sul tema alle Scuole Nord di Bellinzona.

Far parte della famiglia

Nata a Losanna nei primi anni Settanta da operai italiani immigrati in Svizzera al principio dei Sessanta, dal 2007 Marra è consigliera nazionale. Nonostante ridotta all’osso, nelle tre righe di presentazione sta parte del contesto che la vodese descrive nella sua pubblicazione, che ha un duplice intento: «Analizzare chi decide chi può diventare membro della famiglia (da intendersi la Svizzera, ndr) andando a vedere che cosa accade a livello amministrativo e politico, per concludere quindi sul modo di essere svizzeri». Spoiler: «Non c’è un modo, ma tanti modi e tutti sono legittimi», dichiara convinta.

«La visione imposta negli ultimi vent’anni è quella della nazionalità a due livelli», afferma. A modo di vedere dell’interlocutrice, il passaporto rossocrociato per taluni si sdoppia: da una parte quello "vero" degli svizzeri di nascita, dall’altra quello "finto" degli svizzeri naturalizzati ("dicartabollata"). Ma «chi definisce e decide chi è svizzero e chi può diventarlo?». Anche qui si snoda un bivio, illustra Marra. Da una parte c’è l’istituzione con la Legge federale sulla cittadinanza svizzera. La legge dà i criteri per poter fare domanda per i quali «si deve essere ricchi e ben istruiti. Questi sono i dati di fatto che emergono dal testo di legge, perché la richiesta è preclusa a chi è al beneficio degli aiuti sociali, da un lato. L’introduzione dell’esame scritto, dall’altro, discrimina coloro che anche nella propria madrelingua non leggono e scrivono bene, che rinunciano dunque in partenza», illustra.

Dall’altra parte – tornando al bivio –, «c’è il discorso politico. Da ormai vent’anni, una certa argomentazione della destra immobilizza la storia accaparrandosi la definizione di chi è svizzero, tradotta anche nelle leggi. Durante la campagna per la naturalizzazione agevolata della terza generazione, chi era contro lo faceva mettendo in discussione il grado d’integrazione... della terza generazione! Qui entra in gioco il mito dello svizzero puro che rischia di essere intaccato», sottolinea e aggiunge che questo tipo di narrazione va decostruita, fra gli intenti soggiacenti al suo libro.

L’integrazione non può essere unilaterale

«L’integrazione e il riconoscimento devono andare di pari passo: io mi sento parte della famiglia, soprattutto quando sono riconosciuto come suo membro. A livello istituzionale è un’illusione credere di oggettivare il concetto d’integrazione, che adesso è di fatto politicizzato», rileva. Nella sua determinazione le varie istanze (federale, comunale e cantonale) «possono dire la loro: far parte della famiglia dipende quindi molto dal luogo in cui si nasce. Una via di mezzo fra lo ius soli e il diritto di sangue sarebbe quella di depoliticizzare le procedure e applicare criteri amministrativi», propone la socialista.

La Svizzera è un insieme di molteplicità, un’essenza plurale che «va valorizzata, senza esclusioni». Prendiamo in prestito un passaggio della prefazione di Dick Marty per riassumere l’idea: "L’essere svizzeri significa in realtà condividere un progetto di società che sin dall’inizio è stato e ha voluto essere un’associazione di culture, lingue e religioni diverse". Come far passare questo messaggio? «Andando nelle classi a dialogare con i giovani, portando il discorso positivo su identità e diversità, ribaltando la narrazione negativa, sospettosa, esclusiva. Il nostro Paese sta insieme per una volontà d’unione. Questo principio va valorizzato», chiosa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved