vertenza-casino-lugano-dovra-pagare-ma-ancora-non-si-sa-quanto
Per incassare da Lugano ci vorrà ancora un po’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
7 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
16 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
17 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
17 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
17 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
17 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
18 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
18 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
18 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
19 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
19 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
30.03.2022 - 20:06

Vertenza Casinò: Lugano dovrà pagare, ma ancora non si sa quanto

Ancora in stallo a 20 anni di distanza l’accordo Accento con Locarno. Rimangono due nodi: uno è procedurale, l’altro riguarda l’ammontare del dovuto

Da una questione giuridicamente complicata nata con il famoso accordo Accento fra i Casinò di Locarno e Lugano emerge un dato interessante: la Casinò Lugano Sa deve onorare i suoi debiti con la Kursaal Locarno Sa, e ciò significa (per ora) 410mila 177 franchi e 57 centesimi per il periodo 2002-05, più il 5% di interesse annuo a decorrere dal 1° giugno 2006; il che significa, per 16 anni, interessi per circa 330mila franchi, portando il totale a circa 740mila franchi. Ma l’importo, per Locarno, è insufficiente, così la vertenza continua.

Il paracadute reciproco

L’accordo Accento era stato stipulato dalle società delle due case da gioco nel maggio del 2001, prima del rinnovo delle concessioni di tipo A e B, e doveva fungere da paracadute e reciproco nel caso in cui Berna avesse favorito una delle due parti e bocciato l’altra. Le due società avevano stabilito in sostanza una compensazione reciproca corrispondente ad un quarto del risultato netto d’esercizio. In più, la società che avesse ottenuto la concessione di tipo A avrebbe versato all’altra lo 0,65% dell’incasso netto del gioco (a sostegno di manifestazioni culturali e turistiche).

Lugano riteneva per altro di non dover ossequiare ai patti, sostenendo che aver concluso, come fatto dalla Kursaal, un contratto di locazione con una concorrente (i muraltesi che avrebbero dovuto occupare gli spazi del Grand Hotel ma che poi erano scesi in Largo Zorzi) abbia automaticamente fatto crollare i pilastri che sostenevano l’interesse comune fra le società di Locarno e Lugano. Pertanto, secondo la Casinò Lugano Sa, l’accordo doveva essere considerato nullo o andava annullato. Ma prima il Tribunale di appello ticinese, poi il Tribunale federale, avevano statuito il contrario.

Da lì in avanti, più niente di concreto. Ora la macchina giuridica si è rimessa in moto. Innanzitutto, come ricorda, da noi sollecitato, il Consiglio di amministrazione della Kursaal Locarno Sa, il 1. febbraio 2022 "il Tribunale d’Appello del Canton Ticino ha pronunciato, a margine di una procedura civile promossa direttamente in grado d’appello contro Casinò Lugano Sa nel 2006 e per effetto di un accordo stipulato tra le citate parti in data 14/15 maggio 2001 (l’accordo Accento appunto, ndr.) sono state parzialmente accolte le richieste formulate dalla nostra società, condannando l’ente convenuto a versare – riferito al periodo 2002-2005 - un importo pari a 410mila 177 franchi e 57, oltre ad interessi pari al 5% a fare tempo dal 1. giugno 2006". Indicativamente, per i 16 anni intercorsi da allora, parliamo quindi di interessi per circa 330mila franchi, che porterebbero appunto la cifra complessiva a circa 740mila franchi.

Lo scoglio dei due livelli di giudizio

Tuttavia, "ritenendo che la sentenza emessa dal Tribunale d’Appello prestasse il fianco a plurime censure di natura formale e sostanziale e parimenti considerando provviste di buon fondamento anche le ulteriori ragioni oggetto di petizione", la Kursaal Locarno Sa "ha impugnato (con gravame 1. marzo 2021) la citata decisione del Tribunale d’Appello con ricorso di diritto civile e con ricorso sussidiario in materia costituzionale dinanzi al Tribunale federale". Tf che si è espresso negli scorsi giorni: "Evidenziando una lacuna nell’organizzazione giudiziaria ticinese, ha ritenuto inammissibile il gravame proposto da Kursaal Locarno Sa in quanto difetterebbe, nel caso di specie, il presupposto del doppio grado di giurisdizione così come richiesto dal diritto federale a far tempo dal 1. gennaio 2011". Tradotto: è necessario che in Ticino la questione venga evasa da due livelli di giudizio, e non solo da uno. Pertanto, evidenziando che "le parti non sono responsabili del mancato adeguamento della legislazione cantonale al diritto federale…", il Tf ha retrocesso l’incarto al Tribunale d’Appello. Questo, affinché lo faccia pervenire ad un tribunale superiore competente per giudicare in seconda istanza.

In parole povere, al netto di una sentenza federale che ha confermato la validità dell’accordo e l’obbligo di Casinò Lugano a farvi fronte, i problemi da risolvere rimangono due: uno riguarda il doppio grado di giudizio da osservare a livello cantonale, mentre il secondo è attinente alla quantificazione del dovuto da Lugano nei confronti di Locarno.

Kursaal Locarno Sa sta ora "attentamente valutando quali sono le più opportune iniziative da promuovere per tutelare i suoi interessi sia a livello cantonale, sia a livello federale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accento casinò kursaal locarno lugano tribunale appello tribunale federale vertenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved