ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
1 ora

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
1 ora

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
2 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
3 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
3 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
6 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
6 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
6 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
13 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
15 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
17.03.2022 - 17:07
Aggiornamento: 18:26

Vallemaggia, pernottamenti da record e uno chef stellato

Il coordinatore del Masterplan: ‘Nuova linfa per uno sviluppo di qualità del turismo’. A Cimalmotto arriva Pietro Leemann

a cura di Serse Forni
vallemaggia-pernottamenti-da-record-e-uno-chef-stellato
Campo Vallemaggia

Per lo sviluppo socio-economico della Vallemaggia il turismo riveste un ruolo centrale. Infatti, una crescita del settore vicina alla natura, attenta alla dimensione ambientale e sociale oltre che a quella economica, favorisce la creazione di posti di lavoro e genera la massa critica necessaria al mantenimento di servizi essenziali per la popolazione residente.

Nel 2021 il distretto ha fatto registrare 33’092 pernottamenti: un record storico. Rispetto alla media del precedente decennio, c’è stata una crescita del 53 per cento. «I dati vanno sicuramente contestualizzati – osserva Timo Cadlolo, coordinatore del Masterplan Alta Vallemaggia –. Le restrizioni legate alla pandemia hanno sicuramente avuto il loro peso. In ogni caso, la performance non può che costituire una grande iniezione di fiducia e di liquidità per molti operatori attivi nel settore. In Vallemaggia sono attive una ventina di strutture alberghiere: chi in passato ha investito e chi gestisce con amore e cura dei dettagli la propria attività è stato premiato. Ritengo si possa guardare al futuro con fiducia. L’importante è favorire una crescita della cultura turistica. Da un lato la popolazione locale è chiamata ad accogliere gli ospiti. Dall’altra ci vogliono imprenditori pronti a rischiare del loro investendo in questo settore».
Per massimizzare i benefici e minimizzare i costi di uno sviluppo sostenibile legato a una crescita del turismo vicina alla natura, stando a Cadlolo, è essenziale favorire gli investimenti capaci di aumentare la capacità ricettiva e il turismo stanziale: «Infatti, dando la possibilità di pernottare in loco, oltre ad aumentare il valore aggiunto creato a livello locale si favorisce lo stabilirsi di un legame più profondo tra turista e territorio».

Tre progetti alberghieri

Nel Masterplan Alta Vallemaggia sono presenti tre progetti alberghieri di cruciale importanza. A Bosco Gurin è previsto l’ampliamento dell’Hotel Walser e a Cevio la ristrutturazione dell’Albergo Basodino, che riveste un ruolo fondamentale. Il terzo progetto è quello della Pensione Alpina di Cimalmotto.
In Val Rovana, e ancor di più nel comune di Campo Vallemaggia, da alcuni anni si sta investendo in maniera importante sulla valorizzazione del territorio a favore del turismo lento. Nel 2021 l’Associazione Via Alta Vallemaggia ha completato la realizzazione del nuovo itinerario che mette in rete Cimalmotto con Bosco Gurin (Capanna Grossalp) e Val Onsernone (Capanna Ribia). L’anno precedente il Patriziato di Campo ha lanciato il Percorso per racchette (inserito in SvizzeraMobile) e ha aperto un nuovo "infopoint" turistico per accogliere e orientare (24 ore su 24, 7 giorni su 7) gli amanti della natura.
Inoltre è in corso di progettazione tutta una serie d’interventi per valorizzare numerose bellezze, dal corte Piemantiu (alpe Sfille) all’iconico muro del Bombogn.

Ora si tratta di aumentare e diversificare l’offerta ricettiva. Attualmente a Campo Vallemaggia sono presenti la Locanda Fior di Campo (con struttura wellness e un’offerta gastronomica di qualità), il Rifugio la Reggia (adatta principalmente agli escursionisti) e l’Agriturismo Munt la Reita (che lavora in sinergia con l’azienda agricola annessa). In questo contesto risulta determinante trovare una collocazione basata su un posizionamento unico.

Dall’Oriente a Cimalmotto

La Pensione Alpina di Cimalmotto ha destato l’interessamento del noto chef stellato Pietro Leemann. Dopo infinite esperienze che lo hanno portato in Oriente alla fonte della creatività e visto protagonista della scena gastronomica milanese con il Ristorante Joia, questo pioniere della cucina vegetariana ha deciso d’investire nella ristrutturazione della vecchia struttura situata in cima alla Val Rovana. La cucina di Leemann e il suo approccio attento alle relazioni umane sono di per sé una garanzia di successo. «Sotto la sua guida – conclude Cadlolo –, la Pensione Alpina troverà un posizionamento unico e arricchirà in maniera significativa l’offerta turistica valmaggese, attraendo ospiti interessati a vivere esperienze armoniche nella natura. Per la Val Rovana si tratta di un’occasione unica, l’auspicio è che il progetto possa godere del sostegno compatto di tutta la comunità locale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved