22.03.2022 - 15:10

Con ‘La zona grigia’ i grandi temi sociali vanno a teatro

Violenza domestica e abuso sui minori in ambito sportivo e aggregativo al centro degli spettacoli del duo formato da Katya Troise e Francesco Mariotta

con-la-zona-grigia-i-grandi-temi-sociali-vanno-a-teatro
Troise e Mariotta in scena

"La zona grigia": è il nome del duo teatrale formato da Katya Troise, dell’Associazione Teatro Scintille, e Francesco Mariotta, della Compagnia teatrale Sugo d’Inchiostro. "La zona grigia" è un nome che nasce da quel difficile (ma necessario) intento di osservare e indagare i temi delicati, spesso dipinti in pesanti bianchi e neri, focalizzandosi sulle varie situazioni umane, facendolo senza dare giudizi, bensì situandosi in quella zona di confine, indefinita, "grigia" appunto, mettendo in scena queste drammatiche realtà.

Troise e Mariotta avevano iniziato a collaborare nel 2013, quando il Cantone aveva commissionato loro il primo spettacolo di "teatro sociale". Il tema era la violenza domestica. Ecco dunque che era nato "Cucù sono a casa", uno spaccato teatrale forte, ma al tempo stesso delicato. La scena veniva rappresentata nei centri commerciali, affinché la tematica potesse arrivare a tutti e indurre una riflessione anche nei passanti. Da allora "Cucù" ha avuto un destino fortunato ed è stato replicato decine di volte in contesti vari; scuole, associazioni, conferenze eccetera.

La collaborazione fra due attori è proseguita poi con la nascita di "Abbracci speciali", nato, sempre su richiesta del Cantone, come spettacolo che esplora il tema dell’abuso sui minori in ambito sportivo e aggregativo.

I due spettacoli proseguono ora il loro percorso. "Cucù sono a casa" verrà replicato in e per alcune scuole professionali ticinesi, mentre "Abbracci speciali" è già in programma in occasione di varie giornate formative di gruppi e associazioni per il tempo libero.

Informazioni più dettagliate riguardanti "La zona grigia", le sue finalità e le sue proposte si possono ottenere scrivendo a teatro@scintille.ch, oppure a francesco@sugodinchiostro.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved