via-le-sigarette-dai-parchi-gioco-a-locarno-appoggio-importante
Ti-Press
Un ‘no’ senza riserve
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 min

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
8 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
11 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
11 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
17 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
19 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
22.02.2022 - 17:16
Aggiornamento: 18:11

Via le sigarette dai parchi gioco a Locarno, appoggio importante

Presa di posizione del presidente dell’Associazione svizzera non-fumatori a sostegno della mozione dei Verdi

Argomenti pretestuosi, deboli e cavillosi. Il giudizio, riferito al rapporto di maggioranza della Commissione della legislazione di Locarno – rapporto che stronca una mozione di Marko Antunovic (Verdi) contro il fumo nei parchi gioco cittadini – è di Alberto Polli, presidente dell’Associazione svizzera non-fumatori.

Polli ricorda che tale divieto è stato introdotto a Coira già 10 anni fa e che nella Svizzera tedesca le iniziative favorevoli, in particolare a tutela dei più piccoli, stanno conoscendo un crescente sviluppo: «A livello europeo si può ricordare, per i parchi gioco, il divieto francese in vigore dal 2015, che vale per tutta la nazione. In Ticino sono già 47 i Comuni che lo hanno adottato; recentemente si è aggiunta Bellinzona, con i suoi 55 parchi gioco. In Italia non si fuma nelle aree verdi di diverse città e su molte spiagge blasonate. Persino New York nel 2011 ha bandito le sigarette da spazi verdi, spiagge, piazze pedonali, porticcioli, passerelle, insomma praticamente da qualsiasi luogo pubblico all’aperto. Inutile ricordare che Central Park non è un parco da poco: copre un’area di quasi 350 ettari. Mentre a Locarno l’insieme di tutti i parchi gioco raggiungerà a malapena tre ettari».

Eppure nella città sul Verbano l’idea lanciata nel 2019 da Antunovic con una mozione – sulla quale dovrà esprimersi il Consiglio comunale –, fa fatica a passare. Una parte della Commissione della legislazione è contraria, pur esprimendo "una grossa considerazione per la salute dei fanciulli".

Tra gli argomenti del no, i problemi di sicurezza: nel caso in cui un genitore fumatore si allontanasse dal parco perderebbe la possibilità di sorvegliare adeguatamente il fanciullo. «Qui a Locarno si adducono argomenti di lana caprina e pretestuosi, deboli, cavillosi e al limite dell’assurdo – afferma Polli –. Le persone da noi interpellate ci hanno detto che se un genitore lasciasse solo il suo bimbo per assentarsi a fumare, fuori dal parco giochi, sarebbe un genitore poco responsabile».

Legati a doppio filo con il divieto di fumo – stando alla maggioranza della Commissione della legislazione – vi sarebbero anche problemi di applicabilità. Uno di questi riguarda la delimitazione dei comparti dove il divieto è in vigore (in particolar modo nei parchi non recintati o delimitati). La mancanza di chiarezza può mettere in difficoltà gli agenti di polizia che devono fare rispettare il divieto e al limite intervenire, ma pure le cittadine e i cittadini che devono comprendere dove è vietato fumare, le possibili ripercussioni del mancato rispetto della normativa e come agire di conseguenza. «Anche questo punto è pretestuoso perché un eventuale cartello di divieto di fumo sarebbe come quello di "bandita di caccia" che varrebbe da lì in avanti – specifica l’intervistato –. D’altra parte c’è già nei parchi gioco una cartellonistica che indica il divieto di giocare a pallone, di entrarvi con la bicicletta e con il cane, di accendere grill, di fare baccano e di lasciare in giro vetri e bottiglie».
Andando a imporre questo tipo di divieto – spiega il rapporto commissionale – potrebbero crearsi situazioni sgradevoli dove un agente di polizia deve multare un genitore o i genitori davanti al proprio figlio/ai propri figli o davanti ai bambini: ciò causa situazioni e sensazioni di disagio oltre che ai genitori al bambino stesso.
«L’argomentazione è puerile – replica Polli – e i genitori che vengono fermati e multati per divieti di parcheggio o eccessi di velocità? Il fatto di essere ripresi o al limite multati per un comportamento anomalo è infatti più educativo che disagevole».

E ancora: nella regione ci sono molti parchi alternativi a quelli cittadini e un tale divieto potrebbe portare i genitori fumatori a non frequentare più questi spazi aggregativi di Locarno, perdendo di fatto quel senso di comunità e integrazione che va preservato. «L’argomentazione è infantile. Al contrario, il parco giochi sarebbe maggiormente frequentato, perché il divieto del fumo sarebbe un valore aggiunto, esattamente come è successo con gli esercizi pubblici dal 2007 in poi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
associazione svizzera non-fumatori divieto fumo locarno parchi gioco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved