anziani-e-reti-di-sostegno-a-torino-l-esperienza-dell-alvad
18.02.2022 - 15:34

Anziani e reti di sostegno, a Torino l’esperienza dell’Alvad

Convegno il 22 febbraio nel capoluogo piemontese; nell’ambito di un programma Interreg, il Ticino sarà rappresentato dall’Associazione locarnese

"Le reti di sostegno agli anziani: esperienze a confronto". È il titolo di un Convegno (online) che si terrà il prossimo 22 febbraio a Torino. Organizzato dal Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche dell’Università degli Studi di Torino, nell’ambito del Modulo Aggiuntivo Covid del progetto di cooperazione transfrontaliera Interreg 2014-2020 V-A Italia Svizzera (Asse 4) "REACtion: Reti di assistenza comunitaria per la fragilità", l’incontro vedrà la partecipazione di personalità accademiche, professionisti della salute, rappresentanti della Regione Piemonte e dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche (Opi) di Torino, con l’intento di mettere a confronto esperienze diverse e discutere i possibili scenari di sviluppo nella costruzione di nuovi modelli di welfare per gli anziani. Durante il convegno verranno esposti i risultati del censimento, che mette in luce la spontaneità delle reti attivate, e verrà presentato il lavoro di mappatura delle risorse comunitarie attivate in epoca Covid-19 nelle aree del Novarese, Vercellese e Canton Ticino (rappresentato dall’Alvad, Associazione locarnese e valmaggese di assistenza e cura a domicilio per il tramite di Alessandra Viganò, Direttrice sanitaria dell’Associazione). Nel corso del meeting saranno presentate due esperienze avviate fuori dall’area di intervento del progetto REACtion, per un confronto: l’esperienza delle microaree di Trieste e l’esperienza di demenza friendly community della Val Chiusella.

Il progetto REACtion e le sue finalità

Il progetto REACtion è un progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera, finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg Italia-Svizzera 2014-2020, che si propone di sviluppare un sistema di cura e assistenza domiciliare per gli anziani fragili, integrando il supporto della comunità, una rete locale di servizi socio-sanitari e l’Infermiere di Famiglia e Comunità (IFeC) con l’utilizzo di tecnologie digitali. Collaborano a questo progetto l’Università del Piemonte Orientale, Asl di Vercelli, Asl di Novara, Università degli Studi di Torino e, da parte svizzera, l’Alvad appunto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anziani convegno cooperazione interreg locarnese torino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved