locarno-il-divieto-di-fumo-nei-parchi-giochi-non-convince
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
15 min

Cadenazzo, festa sui monti di Piantürin

Il locale Patriziato domenica 21 agosto organizza un ricco programma ricreativo a far da cornice alle rinnovate cascine
Locarnese
25 min

Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli

Attribuito dal Gigante Giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Bellinzonese
30 min

Aquila, Festa sui Monti di Gorda

La Società Nido d’Aquila lunedì 15 agosto invita a trascorrere una giornata in compagnia e spensieratezza
Bellinzonese
57 min

Ecco la tradizionale Festa della capanna Quarnei

La Società Alpinistica Bassa Blenio lunedì 15 agosto celebrerà in musica il suo 27esimo anniversario
Locarnese
59 min

Vallemaggia, quarto tiro obbligatorio

Martedì pomeriggio si spara al poligono di Cevio. Militi tenuti a presentarsi con tutto l’occorrente
Luganese
59 min

Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’

Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’.
Locarnese
1 ora

Gordola, Festa ai Monti Motti

Lunedì si celebra la tradizionale ricorrenza dell’Assunzione. Oltre alla messa vi saranno animazioni, con bancarelle di prodotti nostrani
Luganese
2 ore

Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo

L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
16.02.2022 - 11:24
Aggiornamento: 14:53

Locarno, il divieto di fumo nei parchi giochi non convince

Commissione della legislazione spaccata in due sulla mozione di Marko Antunovic volta a tutelare la salute dei bambini nelle aree di svago

Tutelare i bambini, evitando loro l’esposizione al fumo passivo nelle aree di svago come i parchi giochi. A questo mira la mozione “No fumo nei parchi giochi – rispetto verso i più piccoli” presentata dal consigliere comunale Marko Antunovic e cofirmatari in occasione della seduta del Consiglio comunale dell’8 luglio 2019. Una proposta, che, tuttavia, non raccoglie consenso unanime all’interno della Commissione della legislazione chiamata a preavvisarla. Vi sono infatti due rapporti, uno di maggioranza e uno di minoranza, che giungono a conclusioni opposte.

Tutelare i soggetti più vulnerabili

Nel rapporto di minoranza, i consiglieri firmatari ricordano come i bambini rappresentino i “soggetti vulnerabili per eccellenza”. Da qui la necessità di “garantire loro una più salutare fruizione delle aree gioco a loro dedicate, lontano dai rischi derivanti dall’esposizione al fumo passivo. È infatti nostro dovere e responsabilità di adulti proteggere le nuove generazioni”. Senza dimenticare che, come rivelano studi in materia, “per i più piccoli, specialmente per quelli in tenera età, il fumo passivo costituisce una minaccia particolarmente grave poiché i loro organi non sono ancora sviluppati e sono dunque più vulnerabili di quelli degli adulti. I bambini piccoli, rispetto ai più grandi, assorbono più sostanze nocive attraverso le vie respiratorie, dato che inspirano ed espirano da due a tre volte di più.
Il rischio di ammalarsi di asma è quasi doppio per i bambini esposti al fumo passivo”.

Divieto difficile da applicare e che presenta varie criticità

Argomentazioni alle quali la maggioranza dei legislatori della commissione, tuttavia, replica ricordando come, da anni, le autorità cantonali (in particolare il DSS) si adoperino per contrastare questo problema. A livello comunale, sono le autorità municipali a “valutare come intervenire nel migliore dei modi, con azioni adeguate, mirate e proporzionate”. Pur mancando di fatto, nel Comune di Locarno la base legale formale per costituire il divieto di fumo nei parchi giochi (anche se il Municipio conferma la sua intenzione di prevedere tale divieto sotto forma di ordinanza), i firmatari del rapporto di maggioranza ritengono che si ponga il problema dei controlli e dell’applicabilità del divieto, visto che non tutti i parchi svago cittadini sono delimitati. Citando altre criticità insite nella proposta e facendo riferimento a quanto avviene in altre città svizzere, la maggioranza della commissione legislazione è dell’avviso che non sia con la “divietocrazia” che si debba affrontare il tema. Da qui l’invito a respingerla.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini fumo passivo locarno marko antunovic parchi giochi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved