ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
48 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
50 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
4 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
4 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
4 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
5 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
5 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
5 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
5 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
5 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
laR
 
14.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15.02.2022 - 14:36

Il campetto di Solduno: spazio di gioco libero da preservare

L’ampliamento delle Elementari potrebbe rubare prato. Nella scelta del progetto alcune mamme chiedono al Municipio di scegliere quello meno invasivo

il-campetto-di-solduno-spazio-di-gioco-libero-da-preservare
SwissTopo
‘Auspichiamo che il progetto scelto rubi meno suolo possibile al gioco libero e spontaneo’

Uno spazio di gioco libero e spontaneo, dove incontrarsi, socializzare e fare le prime esperienze di autonomia. Ecco cosa è il campetto (e come lui mille altri) adiacente alle scuole elementari di Solduno. Il prato in questione è parte importante del progetto di ristrutturazione e ampliamento della sede scolastica, infatti si prevede di dedicare parte della sua superficie, di proprietà della Città, alla nuova ala. Il bando di concorso architettonico internazionale scade a fine febbraio e, sebbene l’ampliamento sia «benvenuto e necessario», un gruppo di mamme si è mobilitato lanciando una raccolta firme destinata al Municipio di Locarno che, nel ruolo di giuria, sarà chiamato a decidere quale sarà il progetto vincitore.

Spazi verdi di gioco in città sempre più rari

La raccolta firme – che ha subito visto l’adesione di molti genitori – è partita proprio una settimana fa e sostanzialmente chiede alla giuria di scegliere «il progetto che utilizza in modo parsimonioso il suolo, salvaguardando il più possibile il “campetto” e le sue peculiarità, per il bene di tutti i bambini di oggi e di domani», spiega senza troppi giri di parole Mara Dal Mas, fra le promotrici dell’azione. «Sfortunatamente abbiamo scoperto un po’ tardi il bando di concorso per un ampliamento che è benvenuto», ammette. «Se l’avessimo saputo prima, magari avremmo potuto chiedere alla Città d’inserire a concorso il criterio per cui il progetto non rubi troppo terreno. Speriamo comunque che la nostra richiesta non sia ora troppo utopica».

Le ragioni di questa mobilitazione sono chiare. «Da tanti anni, il campetto è uno spazio di ritrovo per bambini e ragazzi. È vero, ci troviamo in un contesto contornato dalla natura, che però sempre più soffre della cementificazione e gli spazi verdi in città sono sempre più rari. Il campetto è interessante perché è situato in un posto strategico e permette ai bimbi più grandi (quelli che non frequentano più i parchi gioco) di vivere le prime esperienze in autonomia», introduce Mara. Soprattutto, in quel fazzoletto di erba non recintato ci si ritrova e si sperimenta «il gioco libero e spontaneo, che nei contesti urbani viene sempre più a mancare».

Gioco libero significa espressione incondizionata che non necessita di strutture esterne (come altalene, scivoli eccetera) o di una sovrastruttura associativa. «La libertà oggi come oggi è sempre più rara nell’organizzazione del tempo dei ragazzi». Per questo «il campetto è preziosissimo», perché è importante che i più piccoli abbiano la possibilità di accedere a luoghi aperti per potersi esprimere, «favorendo così la crescita personale». Dalla prospettiva genitoriale inoltre il prato è situato in una zona ottimale poiché «lontano dalle strade trafficate e facilmente raggiungibile, rappresenta quindi un luogo sicuro in cui far giocare i propri figli», sottolinea Dal Mas.

Una scelta coraggiosa

Le promotrici della petizione, come si legge nel testo e come ribadito dalla nostra interlocutrice, fanno leva sul label ‘Comune amico dei bambini’, ottenuto circa un anno fa (era il 1° febbraio 2021) dalla Città di Locarno, la prima a livello cantonale. Il riconoscimento promosso dall’Unicef Svizzera e Liechtenstein implica, a loro modo di vedere, che «la Città sia partecipativa, che ascolti quindi i pareri di tutta la popolazione, adulti e bambini».

Uno spazio con un’identità riconosciuta

In una settimana, la petizione ha raccolto circa quattrocento adesioni: «Sta andando molto bene; siamo contente e soddisfatte – afferma –. La maggior parte di coloro che l’hanno firmata sono abitanti della zona; tanti genitori, ma anche adulti che in passato hanno vissuto il campetto», aggiunge Mara. A fine febbraio, ricorda, il concorso architettonico verrà chiuso, la giuria si riunirà in marzo per decidere il vincitore. Anche la raccolta firme si concluderà a fine mese e le promotrici hanno deciso di organizzare la consegna delle firme stampate all’autorità municipale venerdì 25 febbraio, alle 16.30, proprio al campetto: «I bambini saranno travestiti, ci saranno giochi e musica, e il Municipio ha assicurato la sua presenza».

Ristrutturazione e ampliamenti necessari

La ristrutturazione e l’ampliamento della sede scolastica, come sottolineato anche nella petizione, sono necessari e nel marzo del 2020 il Municipio aveva licenziato un messaggio con la richiesta di credito di 454’500 franchi per l’allestimento di rilievo, studio di fattibilità, analisi e concorso internazionale di progettazione (in due fasi). I lavori – stimati in sei/sette anni – permetteranno all’edificio scolastico di stare al passo coi tempi, rispondere alle necessità del mondo dell’apprendimento e alle evoluzioni demografiche.

La scuola è stata progettata agli inizi degli anni Sessanta dall’architetto Agostino Cavadini e da allora, si leggeva nel rapporto commissionale, non sono mai stati apportati risanamenti. L’attuale edificio versa in condizioni definite precarie e non risponde più alle esigenze spaziali, né tanto meno alla concezione dell’insegnamento moderno.

Quindi, oltre alla sistemazione dell’edificio originario, si amplierà con la costruzione della nuova ala e della nuova palestra. Ma non è tutto, la rinnovata sede avrà inoltre una mensa per una cinquantina di allievi, una biblioteca e una ludoteca.

Ogni città ha il suo campetto e più o meno tutti ci si passa. Quando questi pezzi d’infanzia e adolescenza spariscono sotto un parcheggio, un edificio o chiusi da una recinzione, è un po’ come se frammenti della nostra storia sparissero con loro.

 

Leggi anche:

Solduno, chiesti 450mila franchi per l'ampliamento delle scuole

Locarno, Comune amico dei bambini per Unicef

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved