locarno-la-citta-strizza-l-occhio-al-bio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
15 min

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
15 min

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
11 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
26.01.2022 - 15:13
Aggiornamento : 17:07

Locarno, la Città strizza l’occhio al Bio

Le aziende che investono in questo settore beneficeranno di aiuti su un arco temporaneo assai lungo, così da generare una catena virtuosa

La Città sostiene le aziende che investono nel Bio. Come riporta un comunicato stampa di Palazzo Marcacci, alcuni mesi fa, con la pubblicazione della relativa ordinanza, il Municipio di Locarno ha adottato una strategia di sostegno a favore di quelle aziende agricole o di trasformazione che decidono d’investire nei prodotti col marchio Bio. Consapevole degli sforzi che vengono profusi, l’esecutivo ha ritenuto importante stare al fianco di queste aziende
e sostenerle su un lasso di tempo piuttosto lungo, per permettere così di consolidare la struttura aziendale nella certificazione Bio dei loro prodotti.
Nell’ambito degli incentivi destinati alla popolazione volti a migliorare l’impatto energetico ambientale, il Municipio di Locarno ha implementato nella relativa Ordinanza il tema del sostegno alla Certificazione Bio per le aziende agricole o di trasformazione presenti sul territorio cittadino.
L’idea è quella di generare una catena virtuosa, sostenendo quelle aziende che potrebbero fare una transizione della loro attività certificandola Bio, avendo perciò un impatto positivo per l’ambiente, ma anche un ritorno economico.

Come funziona l’incentivo

È indubbio come il valore del fatturato aziendale cresca con i prodotti Bio e questo andrebbe a beneficio dell’azienda e del suo indotto, ma anche indirettamente dell’intera comunità – si legge nella nota stampa –. L’incentivo prevede un sostegno sull’arco di 10 anni e si struttura in questo modo:
100% dei costi certificati per i primi 4 anni per un importo massimo si duemila franchi all’anno (i più critici per garantire continuità nel processo di Certificazione); 50% dei costi certificati dal 5° al 10° anno per un massimo di mille franchi all’anno; a partire dal 10° anno si considera consolidata l’attività aziendale e decade il diritto all’incentivo, ma viene comunque riconosciuto lo sforzo profuso negli anni precedenti con un contributo di mille franchi, una tantum.

Effetti benefici per l’ambiente

Con questa operazione, si possono ridurre sia l’immissione di CO2 nell’atmosfera, sia il consumo d’energia di circa il 20-30%. L’impatto positivo che ne deriverà è sicuramente importante sia dal profilo concreto delle misure che a livello d’immagine, generando un circolo virtuoso, anche a favore del Parco del Piano e della biodiversità in genere.
Locarno, quale Città dell’energia diversifica il suo approccio per poter intraprendere concretamente il percorso per una transizione energetica non più procrastinabile. Questo incentivo rientra pienamente in questo approccio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende bio incentivo locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved