minusio-recuperare-i-corsi-d-acqua-caduti-nel-dimenticatoio
Immagine tratta dal sito della Confederazione
Le tratte ancora naturali sono quelle in blu (poca cosa)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
46 min

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
10 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
14 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
15 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
15 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
15 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
15 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
16 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
17 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
26.01.2022 - 14:57
Aggiornamento : 17:54

Minusio, ‘recuperare i corsi d’acqua’ caduti nel dimenticatoio

La mozione di Massimo Mobiglia e Andrea Branca chiede un progetto generale per interventi generosamente finanziati dalla Confederazione

Terminare entro fine anno lo studio sugli spazi riservati alle acque, e su quella scorta “sviluppare un progetto generale per un periodo di 10-15 anni e procedere conseguentemente al recupero di tratti di corsi d’acqua con uno scadenziario (rivalorizzando un corso o un tratto importante ogni anno civile), sfruttando tutti i sussidi disponibili”.

Sono le richieste formulate con una mozione sulla valorizzazione dei corsi d’acqua a Minusio, presentata lunedì dai consiglieri comunali Massimo Mobiglia (Usi) e Andrea Branca (Uniti x Minusio). La mozione prende spunto dal fatto che “per soddisfare le esigenze di sfruttamento del suolo e di sicurezza idraulica, la crescente urbanizzazione degli ultimi decenni ha fatto in modo di considerare i corsi d’acqua come una porzione di territorio improduttivo, una fonte di pericolo, utili tutt’al più per lo smaltimento di rifiuti e acque di scarico”. Così lo spazio è stato progressivamente ridotto al minimo, “gli alvei arginati e consolidati con opere di ingegneria idraulica, i boschi di ripa eliminati e sostituiti da superfici gestite in maniera intensiva e invase da specie esotiche invasive”. Il risultato è che “attualmente i corsi d’acqua di Minusio non possono svolgere le loro funzioni naturali definite dalla legge: paesaggisticamente degradati e non valorizzati; ecologicamente compromessi o artificiali con valore molto basso per la biodiversità; assenza di vegetazione raffrescante e rigenerante per la popolazione”. Insomma, le tratte ancora naturali si limitano a poche centinaia di metri.

Ma oggi la visione dei corsi d’acqua è cambiata. La Confederazione mette a disposizione dei Cantoni dei fondi per sostenere i progetti di rivitalizzazione in modo importante, con importanti tassi di sussidio. Compito dei Comuni è avere un ruolo propositivo. Poi c’è l’Associazione dei professionisti delle acque che con il progetto “Città-Spugna” “si prefigge di creare aiuti e standard concreti all’interno delle aree urbane, per sostenere i Comuni e le città nella progettazione adattata al clima per il futuro, con misure di pianificazione urbana volte a contrastare gli eventi estremi legati al cambiamento climatico, non solo per le temperature estive, ma anche per lo smaltimento delle acque di pioggia, grazie all’assorbimento e immagazzinamento locale delle acque meteoriche, mentre si parla di ‘blue-green infrastructure’ identificando gli spazi verdi e gli elementi del reticolo idrologico che possono svolgere un ruolo nella gestione delle acque negli insediamenti in relazione ai cambiamenti climatici”. Viene anche specificato che il Comune ha già realizzato alcune tratte con tecniche di ingegneria naturalistiche, ma “senza una visione d’assieme o un progetto generale per una realizzazione a tappe”.

Scuola dell’infanzia, cucina da adeguare

Da Uniti x Minusio arriva poi un’altra mozione, con cui viene auspicato un credito per lo studio e l’ampliamento dell’attuale cucina alla Scuola dell’infanzia, “così da poter garantire in futuro la preparazione di pasti per tutte le sezioni e non da ultimo pure per tutti i servizi esterni che necessitano della preparazione di un pasto (mensa Scuola elementare e Scuola media, preasilo, servizi sociali ecc.)”. La richiesta parte dal futuro ampliamento della Scuola dell’infanzia per portare sotto un unico tetto le sue 7 sezioni, con lo spostamento delle 2 oggi esterne, che potrebbe a sua volta “liberare e creare quegli spazi necessari all’implementazione di servizi destinati all’infanzia che oggi faticano a trovare un avvio indipendente a causa di mancanza di spazi strutturati e idonei”. Pertanto, “è lecito chiedersi se l’attuale cucina in via Mezzaro risponda ancora alle necessità che la sede dovrà affrontare e/o che potrebbe aumentare se si imponesse un ampliamento dell’offerta”.

Infine, di “lingua facile” parla il gruppo Usi, prendendo spunto dall’analfabetismo di ritorno. La richiesta è creare una pagina di “lingua facile” sul sito internet del Comune che descriva il funzionamento delle istituzioni comunali; di “mettere a disposizione in occasione di votazioni federali, cantonali e comunali le istruzioni in ‘lingua facile’”; e di “tradurre in ‘lingua facile’ le informazioni più importanti sull’accesso ai vari servizi pubblici comunali”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea branca corsi acqua massimo mobiglia minusio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved