minusio-recuperare-i-corsi-d-acqua-caduti-nel-dimenticatoio
Immagine tratta dal sito della Confederazione
Le tratte ancora naturali sono quelle in blu (poca cosa)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 min

Il Gran Prix scacchistico fa tappa a Figino

La terza tappa si giocherà sabato 28 maggio. In palio anche il secondo trofeo Osteria degli Amici
Luganese
36 min

Apparecchio elettronico in fiamme, fumo in casa a Cassarate

È accaduto questa mattina in uno stabile in via Arcioni. Nessuna conseguenza per le persone presenti
Bellinzonese
1 ora

Michele Tamagni da 40 anni anima della Cantoria di Giubiasco

Tanta passione e tenacia hanno fatto dell’attività del maestro un’esperienza coinvolgente per tutti coloro che hanno cantato nel coro
Mendrisiotto
1 ora

A Mezzana una giornata per le scuole dedicata alla biodiversità

Tra le classi premiate anche la 4A delle Elementari di Chiasso e la 5D di Minusio. Il progetto è stato lanciato lo scorso 9 ottobre
Ticino
1 ora

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardale? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela
Locarnese
2 ore

The Moving Factory, due titoli per una doppia proposta a Teatro

La scuola di danza il 28 e 29 maggio a Locarno con un balletto in atto unico e uno spettacolo con Musical, ballo contemporaneo e Hip Hop
Luganese
2 ore

Tesserete, i primi 15 anni della Bottega del Mondo

Per sottolineare l’anniversario, dal 30 maggio al 4 giugno ci sarà uno sconto del 10 per cento su tutto l’assortimento
Luganese
2 ore

Festa dell’Ascensione al convento del Bigorio

Dopo due anni di pausa forzata, l’evento verrà riproposto giovedì 26 maggio
Luganese
3 ore

Ripartenza vincente per l’associazione degli ex studenti Supsi

Oltre 100 partecipanti all’evento promosso dal nuovo comitato SupsiAlumni. I relatori hanno condiviso pratiche sul tema della sostenibilità
Locarnese
3 ore

Tutti i Talenti a Tenero. Obiettivo: allenarsi al benessere

Dal 22 al 27 maggio oltre mezzo migliaio di giovani speranze di 29 quadri nazionali sono al Centro sportivo per il campo organizzato da Swiss Olympic
Ticino
3 ore

Sempre pazienti negli ospedali. Uno solo in terapia intensiva

Coronavirus, per la prima volta dell’anno in Ticino i ricoveri tornano sotto le 50 unità. In calo anche i contagi: 76 nelle ultime 24 ore
Grigioni
3 ore

Scontro fra treni nella Vereina: fu negligenza

All’origine dell’incidente tra il convoglio navetta e uno passeggeri l’inosservanza di un segnale d’arresto
26.01.2022 - 14:57
Aggiornamento : 17:54

Minusio, ‘recuperare i corsi d’acqua’ caduti nel dimenticatoio

La mozione di Massimo Mobiglia e Andrea Branca chiede un progetto generale per interventi generosamente finanziati dalla Confederazione

Terminare entro fine anno lo studio sugli spazi riservati alle acque, e su quella scorta “sviluppare un progetto generale per un periodo di 10-15 anni e procedere conseguentemente al recupero di tratti di corsi d’acqua con uno scadenziario (rivalorizzando un corso o un tratto importante ogni anno civile), sfruttando tutti i sussidi disponibili”.

Sono le richieste formulate con una mozione sulla valorizzazione dei corsi d’acqua a Minusio, presentata lunedì dai consiglieri comunali Massimo Mobiglia (Usi) e Andrea Branca (Uniti x Minusio). La mozione prende spunto dal fatto che “per soddisfare le esigenze di sfruttamento del suolo e di sicurezza idraulica, la crescente urbanizzazione degli ultimi decenni ha fatto in modo di considerare i corsi d’acqua come una porzione di territorio improduttivo, una fonte di pericolo, utili tutt’al più per lo smaltimento di rifiuti e acque di scarico”. Così lo spazio è stato progressivamente ridotto al minimo, “gli alvei arginati e consolidati con opere di ingegneria idraulica, i boschi di ripa eliminati e sostituiti da superfici gestite in maniera intensiva e invase da specie esotiche invasive”. Il risultato è che “attualmente i corsi d’acqua di Minusio non possono svolgere le loro funzioni naturali definite dalla legge: paesaggisticamente degradati e non valorizzati; ecologicamente compromessi o artificiali con valore molto basso per la biodiversità; assenza di vegetazione raffrescante e rigenerante per la popolazione”. Insomma, le tratte ancora naturali si limitano a poche centinaia di metri.

Ma oggi la visione dei corsi d’acqua è cambiata. La Confederazione mette a disposizione dei Cantoni dei fondi per sostenere i progetti di rivitalizzazione in modo importante, con importanti tassi di sussidio. Compito dei Comuni è avere un ruolo propositivo. Poi c’è l’Associazione dei professionisti delle acque che con il progetto “Città-Spugna” “si prefigge di creare aiuti e standard concreti all’interno delle aree urbane, per sostenere i Comuni e le città nella progettazione adattata al clima per il futuro, con misure di pianificazione urbana volte a contrastare gli eventi estremi legati al cambiamento climatico, non solo per le temperature estive, ma anche per lo smaltimento delle acque di pioggia, grazie all’assorbimento e immagazzinamento locale delle acque meteoriche, mentre si parla di ‘blue-green infrastructure’ identificando gli spazi verdi e gli elementi del reticolo idrologico che possono svolgere un ruolo nella gestione delle acque negli insediamenti in relazione ai cambiamenti climatici”. Viene anche specificato che il Comune ha già realizzato alcune tratte con tecniche di ingegneria naturalistiche, ma “senza una visione d’assieme o un progetto generale per una realizzazione a tappe”.

Scuola dell’infanzia, cucina da adeguare

Da Uniti x Minusio arriva poi un’altra mozione, con cui viene auspicato un credito per lo studio e l’ampliamento dell’attuale cucina alla Scuola dell’infanzia, “così da poter garantire in futuro la preparazione di pasti per tutte le sezioni e non da ultimo pure per tutti i servizi esterni che necessitano della preparazione di un pasto (mensa Scuola elementare e Scuola media, preasilo, servizi sociali ecc.)”. La richiesta parte dal futuro ampliamento della Scuola dell’infanzia per portare sotto un unico tetto le sue 7 sezioni, con lo spostamento delle 2 oggi esterne, che potrebbe a sua volta “liberare e creare quegli spazi necessari all’implementazione di servizi destinati all’infanzia che oggi faticano a trovare un avvio indipendente a causa di mancanza di spazi strutturati e idonei”. Pertanto, “è lecito chiedersi se l’attuale cucina in via Mezzaro risponda ancora alle necessità che la sede dovrà affrontare e/o che potrebbe aumentare se si imponesse un ampliamento dell’offerta”.

Infine, di “lingua facile” parla il gruppo Usi, prendendo spunto dall’analfabetismo di ritorno. La richiesta è creare una pagina di “lingua facile” sul sito internet del Comune che descriva il funzionamento delle istituzioni comunali; di “mettere a disposizione in occasione di votazioni federali, cantonali e comunali le istruzioni in ‘lingua facile’”; e di “tradurre in ‘lingua facile’ le informazioni più importanti sull’accesso ai vari servizi pubblici comunali”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea branca corsi acqua massimo mobiglia minusio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved