brissago-locarno-in-bus-ci-sono-margini-di-miglioramento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
1 ora

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
4 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
5 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
5 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
5 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
5 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
6 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
6 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
6 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
6 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
6 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
6 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
6 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
7 ore

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
laR
 
21.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 17:34

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Collegamenti pubblici tra Brissago e la città. Tutto inizia con l’ascolto di quelle che sono le lamentele e i desiderata dell’utenza dei bus di linea delle Fart, che garantiscono il servizio quotidiano tra la località di confine e il centro. Ed è appunto, oltre che da singole segnalazioni di cittadini, anche da un sondaggio che il Comune ha inviato alle principali realtà occupazionali presenti nel suo comprensorio (gli istituti sociosanitari Miralago e La Motta, la Clinica Hildebrand e la casa Anziani San Giorgio) che il Municipio si è attivato per identificare gli effettivi problemi del trasporto pubblico. Le criticità emerse, ci spiega il sindaco Roberto Ponti, sono poi servite da argomento in un recente incontro tenutosi lunedì a Brissago.

La fascia sul mezzogiorno è poco coperta

Presenti, oltre alle autorità locali (in rappresentanza anche del vicino Comune di Ronco), i rappresentanti delle Fart (con il direttore dell’azienda, Claudio Blotti), della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese (Fausto Fornera), e del capo dell’Ufficio dei trasporti pubblici del Cantone, Roman Zai. «Siamo partiti da un’analisi della situazione attuale, tenendo conto dei recenti cambiamenti introdotti per quel che riguarda le fasce mattutine e serali, con bus ogni mezzora – riassume Ponti – Dai risultati della nostra inchiesta è emersa la necessità di potenziare le corse sulla fascia del mezzogiorno. Abbiamo fatto presente che il nostro è un Comune a vocazione turistica, con il 70% di abitazioni secondarie che durante la bella stagione porta a un marcato incremento della popolazione. Rispetto al passato, i nostri ospiti oggi giungono alle nostre latitudini con i mezzi di trasporto pubblici e questo è un aspetto che non può essere sottovalutato. Senza dimenticare anche l’accresciuta attrattiva delle Isole di Brissago, che richiamano un numero davvero considerevole e in continuo aumento di visitatori. Comprendere quali sono le aree chiave che possono migliorare significativamente l’esperienza degli utenti è dunque un passo necessario. I collegamenti con Locarno Stazione FFS sono un servizio basilare per Brissago e Ronco s/Ascona e a nostro modo di vedere i tempi di percorrenza vanno ridotti; pure a livello di coincidenze sono emerse delle criticità, con tempi d’attesa troppo lunghi tra un bus e l’altro».

Prime migliorie entro la fine dell’anno

Non nasconde la sua soddisfazione per l’esito di questa riunione, lo stesso Ponti: «Dipartimento e Fart hanno assicurato che valuteranno nei prossimi mesi i primi accorgimenti da apportare. Sarà poi a partire dal 2023 che l’utenza potrà beneficiare di modifiche e cambiamenti più sostanziali dell’offerta. E di ciò non possiamo che rallegrarci».
Dal vicino Comune di Ronco, il sindaco Paolo Senn conferma la generale soddisfazione dell’utenza del suo Comune (e dell’autorità) al riguardo dell’offerta del trasporto pubblico: «I nostri cittadini possono beneficiare di un numero accresciuto di corse rispetto al passato, spalmate tra le prime ore del mattino e la mezzanotte. Il problema è più che altro legato alle coincidenze e all’eliminazione delle corse dirette per Locarno. Una questione che vorremmo fosse affrontata e risolta».

Orari Fart, disponibili solo in digitale

Dal 13 dicembre scorso, intanto, le Fart hanno deciso di abolire gli orari su carta, invitando l’utenza a far capo a quelli digitali (ad esempio tramite faritamo.ch). La scelta aveva sollevato qualche perplessità da parte di alcuni utenti e persino da alcuni Comuni della regione, che aveva chiesto all’azienda di trasporti di rivedere la decisione.

Ma le Fart, con una nota ai media, confermano la nuova strategia stilando un bilancio positivo dell’adozione dell’orario digitale. “Il nostro servizio clienti ha ricevuto solo pochi reclami da parte dell’utenza e ai viaggiatori che si sono rivolti alla biglietteria Fart è stata offerta una consulenza sull’uso dell’orario digitale o la stampa gratuita dell’orario della linea o della fermata desiderata”, commenta il direttore Claudio Blotti.

La decisione di eliminare gli orari cartacei, ricorda lo stesso Blotti, è stata attentamente valutata e ponderata sulla base di diversi elementi. “L’utilizzo dell’orario elettronico permette di avere a disposizione l’orario in tempo reale, di essere informati sulle perturbazioni d’esercizio legate a lavori in corso o problemi della circolazione stradale, di visualizzare agevolmente le coincidenze e di trovare percorsi alternativi in caso di necessità, oltre che di conoscere i prezzi dei biglietti”. E ancora: “La tendenza generalizzata alla digitalizzazione in tutti i settori, incluso quello del trasporto pubblico è già seguita dalle Ffs a livello nazionale e quest’anno lo sarà anche dalla Comunità tariffale Arcobaleno. L’esperienza fatta negli anni passati ha permesso di constatare un utilizzo solo temporaneo degli orari cartacei che sono essenzialmente consultati soprattutto a ridosso del cambio orario per conoscere le modifiche, ma che restano poi generalmente inutilizzati dopo breve tempo, grazie all’apprendimento dell’utente che spesso utilizza i trasporti pubblici nei medesimi orari”. Infine non va dimenticato l’elevato consumo di carta (circa 1,3 tonnellate) per la stampa di oltre 200mila esemplari di libretti suddivisi su 9 linee e distribuiti a bordo di tutti i bus. “Questo aspetto è ancora più importante in considerazione degli attuali problemi di approvvigionamento di carta e dell’impatto ecologico generato”.
Ciò detto, Blotti sottolinea che “per chi non desidera o non può utilizzare l’orario digitale, esiste la possibilità di stampare in ogni momento gli orari delle singole linee dal sito www.fartiamo.ch e gli orari delle singole fermate dal sito www.ti.ch/mobilita. Per gli utenti che si trovano nell’impossibilità di stamparli personalmente o che necessitano una consulenza sull’utilizzo dell’orario digitale, il personale della biglietteria Fart resta a disposizione”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brissago fart trasporto pubblico utenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved