brissago-locarno-in-bus-ci-sono-margini-di-miglioramento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
44 min

Colpo di scena a Val Mara: lo sfidante sindaco si dimette

Daniele Maffei, tra i motori del progetto di aggregazione, lascia il Municipio dopo essere stato superato in votazione e al ballottaggio
Bellinzonese
50 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Giovedì 19 maggio dalle 17 alle 19
Mendrisiotto
1 ora

Aggregazioni, Gobbi dai Comuni del Mendrisiotto

Tra i temi il progetto di fusione del Basso Mendrisiotto che entrerà nel vivo a inizio giugno
Bellinzonese
1 ora

Festa di primavera con la Civica filarmonica di Giubiasco

Appuntamento al Mercato coperto per domenica 22 maggio
Bellinzonese
1 ora

Festa del mulino a Calonico

Appuntamento per sabato 28 maggio con dimostrazione, grigliata, musica e mercatino
Bellinzonese
1 ora

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
1 ora

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
1 ora

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
1 ora

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
1 ora

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
1 ora

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, ferite lievi per uno scooterista urtatosi con un’auto

L’incidente della circolazione è successo poco prima delle 11, all’incrocio fra via Varesi e via Ballerini
Mendrisiotto
2 ore

A Brusino il film festival dove le immagini parlano

La terza edizione del Momòhill Film Fair si terrà dal 19 al 21 maggio nella sala multiuso. I film in concorso sono 27
Bellinzonese
2 ore

Pronta a scattare la Giubiasco-Carena

Gara ciclistica e podistica in programma durante il prossimo fine settimana. Previste anche categorie popolari non competitive
Ticino
2 ore

Il Passo del Gottardo sarà riaperto al traffico da venerdì sera

La strada tra Göschenen e Airolo via Andermatt sarà transitabile a partire dalle 16. Attesa almeno fino a fine maggio per il Furka e giugno per il Susten
Locarnese
2 ore

Locarno, strada ferrata e costruzione dell’identità cantonale

Conferenza dello storico Orazio Martinetti domani, mercoledì 18 maggio, alle 18 al Fevi
Luganese
3 ore

Voci di donne contro la guerra in Ucraina a Lugano

Conferenza il 19 maggio al Palazzo dei Congressi. Collegate in remoto due donne costrette all’esilio
laR
 
21.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 17:34

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Collegamenti pubblici tra Brissago e la città. Tutto inizia con l’ascolto di quelle che sono le lamentele e i desiderata dell’utenza dei bus di linea delle Fart, che garantiscono il servizio quotidiano tra la località di confine e il centro. Ed è appunto, oltre che da singole segnalazioni di cittadini, anche da un sondaggio che il Comune ha inviato alle principali realtà occupazionali presenti nel suo comprensorio (gli istituti sociosanitari Miralago e La Motta, la Clinica Hildebrand e la casa Anziani San Giorgio) che il Municipio si è attivato per identificare gli effettivi problemi del trasporto pubblico. Le criticità emerse, ci spiega il sindaco Roberto Ponti, sono poi servite da argomento in un recente incontro tenutosi lunedì a Brissago.

La fascia sul mezzogiorno è poco coperta

Presenti, oltre alle autorità locali (in rappresentanza anche del vicino Comune di Ronco), i rappresentanti delle Fart (con il direttore dell’azienda, Claudio Blotti), della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese (Fausto Fornera), e del capo dell’Ufficio dei trasporti pubblici del Cantone, Roman Zai. «Siamo partiti da un’analisi della situazione attuale, tenendo conto dei recenti cambiamenti introdotti per quel che riguarda le fasce mattutine e serali, con bus ogni mezzora – riassume Ponti – Dai risultati della nostra inchiesta è emersa la necessità di potenziare le corse sulla fascia del mezzogiorno. Abbiamo fatto presente che il nostro è un Comune a vocazione turistica, con il 70% di abitazioni secondarie che durante la bella stagione porta a un marcato incremento della popolazione. Rispetto al passato, i nostri ospiti oggi giungono alle nostre latitudini con i mezzi di trasporto pubblici e questo è un aspetto che non può essere sottovalutato. Senza dimenticare anche l’accresciuta attrattiva delle Isole di Brissago, che richiamano un numero davvero considerevole e in continuo aumento di visitatori. Comprendere quali sono le aree chiave che possono migliorare significativamente l’esperienza degli utenti è dunque un passo necessario. I collegamenti con Locarno Stazione FFS sono un servizio basilare per Brissago e Ronco s/Ascona e a nostro modo di vedere i tempi di percorrenza vanno ridotti; pure a livello di coincidenze sono emerse delle criticità, con tempi d’attesa troppo lunghi tra un bus e l’altro».

Prime migliorie entro la fine dell’anno

Non nasconde la sua soddisfazione per l’esito di questa riunione, lo stesso Ponti: «Dipartimento e Fart hanno assicurato che valuteranno nei prossimi mesi i primi accorgimenti da apportare. Sarà poi a partire dal 2023 che l’utenza potrà beneficiare di modifiche e cambiamenti più sostanziali dell’offerta. E di ciò non possiamo che rallegrarci».
Dal vicino Comune di Ronco, il sindaco Paolo Senn conferma la generale soddisfazione dell’utenza del suo Comune (e dell’autorità) al riguardo dell’offerta del trasporto pubblico: «I nostri cittadini possono beneficiare di un numero accresciuto di corse rispetto al passato, spalmate tra le prime ore del mattino e la mezzanotte. Il problema è più che altro legato alle coincidenze e all’eliminazione delle corse dirette per Locarno. Una questione che vorremmo fosse affrontata e risolta».

Orari Fart, disponibili solo in digitale

Dal 13 dicembre scorso, intanto, le Fart hanno deciso di abolire gli orari su carta, invitando l’utenza a far capo a quelli digitali (ad esempio tramite faritamo.ch). La scelta aveva sollevato qualche perplessità da parte di alcuni utenti e persino da alcuni Comuni della regione, che aveva chiesto all’azienda di trasporti di rivedere la decisione.

Ma le Fart, con una nota ai media, confermano la nuova strategia stilando un bilancio positivo dell’adozione dell’orario digitale. “Il nostro servizio clienti ha ricevuto solo pochi reclami da parte dell’utenza e ai viaggiatori che si sono rivolti alla biglietteria Fart è stata offerta una consulenza sull’uso dell’orario digitale o la stampa gratuita dell’orario della linea o della fermata desiderata”, commenta il direttore Claudio Blotti.

La decisione di eliminare gli orari cartacei, ricorda lo stesso Blotti, è stata attentamente valutata e ponderata sulla base di diversi elementi. “L’utilizzo dell’orario elettronico permette di avere a disposizione l’orario in tempo reale, di essere informati sulle perturbazioni d’esercizio legate a lavori in corso o problemi della circolazione stradale, di visualizzare agevolmente le coincidenze e di trovare percorsi alternativi in caso di necessità, oltre che di conoscere i prezzi dei biglietti”. E ancora: “La tendenza generalizzata alla digitalizzazione in tutti i settori, incluso quello del trasporto pubblico è già seguita dalle Ffs a livello nazionale e quest’anno lo sarà anche dalla Comunità tariffale Arcobaleno. L’esperienza fatta negli anni passati ha permesso di constatare un utilizzo solo temporaneo degli orari cartacei che sono essenzialmente consultati soprattutto a ridosso del cambio orario per conoscere le modifiche, ma che restano poi generalmente inutilizzati dopo breve tempo, grazie all’apprendimento dell’utente che spesso utilizza i trasporti pubblici nei medesimi orari”. Infine non va dimenticato l’elevato consumo di carta (circa 1,3 tonnellate) per la stampa di oltre 200mila esemplari di libretti suddivisi su 9 linee e distribuiti a bordo di tutti i bus. “Questo aspetto è ancora più importante in considerazione degli attuali problemi di approvvigionamento di carta e dell’impatto ecologico generato”.
Ciò detto, Blotti sottolinea che “per chi non desidera o non può utilizzare l’orario digitale, esiste la possibilità di stampare in ogni momento gli orari delle singole linee dal sito www.fartiamo.ch e gli orari delle singole fermate dal sito www.ti.ch/mobilita. Per gli utenti che si trovano nell’impossibilità di stamparli personalmente o che necessitano una consulenza sull’utilizzo dell’orario digitale, il personale della biglietteria Fart resta a disposizione”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brissago fart trasporto pubblico utenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved