ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
19 min

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
7 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
7 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
10 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
17 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
17 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
20 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
laR
 
17.01.2022 - 20:53

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’

locarno-non-vedevo-mia-figlia-da-mesi
unsplash.com
Per rimettere insieme i pezzi

«Non vedo mia figlia da diversi mesi. È pesante. Sono disperato, perché non riesco ad arrivare a capo della situazione, umanamente inaccettabile. Sono costretto ad andare fuori da scuola per vederla da lontano, ma non posso trascorrere del tempo con lei». A raccontarlo qualche tempo fa era il padre di una bambina in età scolare, domiciliato nella regione (il cui nome è noto alla redazione), che si trovava nella logorante situazione di non poterla incontrare.

Va comunque aggiunto, come riferiva il nostro interlocutore, che fino all’inizio dello scorso anno la bambina stava con lui due giorni alla settimana. Come spesso accade, le cose sono poi cambiate, la situazione si è spaccata ed è precipitata. Dopo una decisione del tribunale ad aprile, è stato stabilito che la bambina vedesse il papà al punto d’incontro locarnese gestito dall’associazione Casa Santa Elisabetta, un servizio attivo che offre un luogo neutro a minorenni e genitori, affidatari e non, un ambiente rassicurante e protetto allo scopo di ripristinare le relazioni con il genitore dal quale vive separato, riporta la spiegazione.

Tuttavia, «è da agosto che telefono all’associazione per stabilire il primo incontro e mi viene sempre risposto che devo pazientare, di richiamare ancora, che la lista d’attesa è lunga», spiegava l’intervistato. «Con il mio avvocato abbiamo anche pensato d’inoltrare domanda per poter avere accesso a punti d’incontro a pagamento».

Al di là del caso privato e della storia personale, andando oltre una situazione familiare che per competenza e buonsenso non sta a noi giudicare né tantomeno risolvere, quando un figlio, per ragioni a lui estranee, non può vedere uno dei genitori per diversi mesi è ingiusto.

Poco spazio e tantissime domande: ‘Non dormivo la notte’

Dalla vicenda – comune a molti – ci è parso interessante comprendere quali siano le ragioni di una non indifferente attesa. Ci siamo quindi chiesti come funzionino i punti d’incontro e come mai ci siano ritardi nello stabilire gli appuntamenti, operazione resa ancora più complessa dalla pandemia (dopo ogni seduta, ci è stato spiegato, diverso tempo va impiegato alla disinfezione dei locali, oggetti, areazione spazi). A occuparsi di queste situazioni tramite mandato cantonale, come abbiamo scritto qualche riga più su, è l’associazione Casa Santa Elisabetta, che gestisce quattro punti d’incontro sul territorio cantonale: Locarno, Bellinzona, Lugano, Chiasso.

«In tutto il cantone, le richieste sono tantissime. All’inizio non dormivo la notte a causa di questa situazione». È il commento a caldo di Jessica Consoli, direttrice dell’Associazione Casa Santa Elisabetta. La sua carica è iniziata nel giugno del 2021: «Da tempo i punti d’incontro erano saturi di appuntamenti con lunghe liste d’attesa; purtroppo, con gli spazi, gli orari d’apertura e l’organico impiegato non si riusciva a sbrigarli. Il pensiero che un genitore non potesse vedere suo figlio per limiti di risorse non mi lasciava dormire la notte», ribadisce. Una penuria che va inevitabilmente a cozzare con l’alto numero di domande. «Mi sono subito adoperata per implementare ulteriormente il servizio, che aveva già iniziato il cambiamento grazie alla stretta collaborazione con l’Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani (Ufag), puntando alla qualità, ad aperture aggiuntive e potenziamento del personale». Inizialmente, racconta la direttrice, l’ente è riuscito ad assorbire le liste d’attesa dei punti d’incontro luganese e bellinzonese. «Locarno rimaneva ancora scoperto, ma dallo scorso autunno abbiamo iniziato ad aumentare e migliorare anche quel punto d’incontro (ampliandone l’apertura), al fine di poter rispondere appropriatamente alla mole di richieste». Per far fronte all’affollamento, in un primo momento alcune famiglie sono state «dirottate su Bellinzona», aggiunge. Va ricordato però che in alcuni frangenti la lunga attesa è dovuta alla definizione degli incontri per i quali il genitore affidatario deve collaborare; oltre a ciò, concorrono i tempi di lavoro e verifica delle Autorità regionali di protezione, dei servizi sociali eccetera.

Consoli a proposito della modalità di visita anticipa che in futuro si attuerà un ulteriore cambiamento di concetto: «Finora gli incontri vengono svolti al chiuso. L’idea invece, là dove sarà possibile, è di uscire dalle quattro mura per dare spazio ad attività alternative, come ad esempio un pranzo o una cena, per sostenere maggiormente le capacità genitoriali nelle situazioni quotidiane». La direttrice tiene quindi a sottolineare come il lavoro del loro ente – così come tutte le istituzioni che si occupano di questioni familiari – parta dall’imprescindibile presupposto che «il diritto di relazione è basilare dal punto di vista dei bambini», ed è dalla loro prospettiva che si agisce.

Una lunga storia di accoglienza

Il punto d’incontro gestito dall’associazione Casa Santa Elisabetta, coordinato da Giovanni Aurecchia, è un servizio attivo che offre un luogo neutro a minorenni e genitori, un ambiente protetto in cui ripristinare le relazioni con il genitore non affidatario. Punto fermo dell’operato dell’associazione (e di tutti gli enti che si occupano di diritto familiare) è la salvaguardia del diritto fondamentale del minorenne di mantenere una relazione continuativa con entrambi i genitori, a prescindere dalla loro separazione (in atto o avvenuta). Si ricorda che “nel 1997 la Svizzera ha firmato la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo del 1989 che ha portato uno sguardo nuovo sulla prima infanzia e i diritti dei bambini nel nostro Paese”. Il servizio è a disposizione delle autorità e dei servizi sociali e il suo scopo è “accogliere un disagio e trovare, in accordo con i genitori e nel rispetto dei ritmi e dei bisogni dei bambini, possibili soluzioni”, è spiegato sul sito, affinché si possa favorire, nel limite del possibile, “una gestione autonoma del diritto/dovere di visita da parte di entrambi i genitori. Il sostegno alla genitorialità si esplica nell’accogliere e accompagnare il genitore non affidatario a ricostruire la relazione con il figlio”.

L’obiettivo è quello di fornire aiuto e accompagnamento alla relazione: “lo scopo ultimo è quello di ripristinare la capacità di dialogo nella coppia genitoriale-parentale, almeno per quanto attiene all’assunzione delle responsabilità nel confronto dei figli. Mettere al centro l’unicità dei bisogni del bambino rispetto alle tematiche conflittuali emerse all’interno della coppia. Le visite hanno finalità di accompagnamento, tutela e protezione, nelle situazioni in cui vi è in corso un provvedimento giudiziario nel quale è emerso un comportamento pregiudizievole nei confronti del minore”.

Nel frattempo

Trascorsa qualche settimana, contattato nuovamente dalla redazione, il padre domiciliato nel Locarnese dice che da dicembre gli incontri sono iniziati: «Due prima di Natale e uno dopo la prima settimana di gennaio». L’interlocutore spiega quindi che, per un tempo ancora indefinito, lui e sua figlia potranno vedersi per un’ora ogni due settimane.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved