intragna-centrale-termica-dalla-salute-di-fer
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

‘La massa critica per riportare i tifosi a Cornaredo c’è’

Con Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano, ripercorriamo le vicissitudini che hanno caratterizzato l’ultimo anno dell’Fc Lugano
Bellinzonese
1 ora

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione
Gallery
Locarnese
2 ore

Violento incendio in un appartamento in via San Jorio

Vasto dispiegamento di pompieri a Locarno: palazzina evacuata. Due persone intossicate e un ferito portati all’ospedale per le cure del caso
Locarnese
4 ore

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Ticino
4 ore

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
4 ore

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Grigioni
13 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
13 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
14 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
14 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
14 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
15 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
laR
 
29.12.2021 - 05:25
Aggiornamento : 17:07

Intragna, Centrale termica dalla salute di... Fer

L’impianto di teleriscaldamento in zona Vallare ha chiuso l’esercizio 2020 con un attivo. Ma è grazie soprattutto al contributo sulle rinnovabili

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una “caldaia” il cui indicatore dal rosso passa al verde. Per la seconda volta dalla sua messa in servizio, nella primavera del 2016, l’impianto a cippato (ovvero ricavato da grandi scarti delle lavorazioni forestali) d’Intragna chiude con un avanzo di esercizio che, per il 2020, è di poco inferiore ai 19mila franchi. Lo si evince dal rapporto di gestione votato dall’Assemblea della Centovalli E Più Sa nelle scorse settimane. Il risultato positivo, però, non deve troppo illudere. “Ciò è stato possibile grazie al contributo dell’azionista di maggioranza – il Comune delle Centovalli – che attingendo al Fondo energie rinnovabili (Fer) ha versato un contributo significativo di 60mila franchi. Oltre a ciò, ha contribuito alle cifre nere un contenimento delle spese”, si legge nel documento.

In particolare, vi è stata una diminuzione dell’onere degli ammortamenti contabili a seguito della rinuncia del prestito postergato di mezzo milione avallata dal Consiglio comunale. Questa rinuncia ha permesso alla società che gestisce le caldaie di compensare le perdite a bilancio accumulate negli anni (circa 143mila franchi) e di ridurre il valore delle immobilizzazioni a titolo di ammortamento straordinario per poco meno di 357mila franchi.

Sul fronte degli introiti, i ricavi della vendita di energia all’utenza sono sostanzialmente rimasti uguali; da settembre 2020, con l’introduzione del parchimetro digitale (parking-pay) è stato possibile un recupero almeno parziale sul fronte delle entrate per l’utilizzo del parcheggio in zona Vallare.

Accrescere la redditività delle caldaie

Per migliorare la redditività dell’impianto che produce calore per riscaldamento e acqua calda sanitaria, si sono intrapresi nel settembre 2020 alcuni accorgimenti tecnici e informatici sia in centrale, sia presso la Casa anziani San Donato, principale beneficiario e cliente della Centovalli E Più Sa. Ciò ha portato a una migliore gestione della distribuzione di calore in rete; un primo bilancio lo si potrà trarre alla fine del corrente anno.

Sempre lo scorso anno il Cda ha deliberato i lavori per la posa di un impianto fotovoltaico sul tetto della centrale, in modo da sfruttare l’energia solare. Ben 79 pannelli da 144 metri quadrati e una potenza di poco meno di 30 kWp garantiranno una produzione di 31’106 kWh all’anno. Entrato in servizio a marzo 2021, grazie all’autoconsumo ha reso possibile una sensibile diminuzione del costo della fornitura di energia elettrica. Anche in questo settore, un primo bilancio sommario lo si potrà avere con la fine del corrente anno.

Nuovi allacciamenti

Sul fronte dei nuovi allacciamenti, nel 2020 sono iniziati i lavori per l’estensione della rete in via Asilo Vecchio, con quattro nuove abitazioni primarie servite quest’anno e una predisposizione. L’investimento lordo è stato di 118mila franchi, mentre quello netto a carico della società è stato di 20mila franchi. L’opera è attualmente ultimata. Affinché il teleriscaldamento dimostri la sua efficacia, lo ricordiamo, è necessario alimentare delle utenze concentrate in un’area ben definita, come un quartiere residenziale, un’area commerciale o un insieme di utenze pubbliche prossime tra loro (scuole, palazzi amministrativi o impianti sportivi) e che abbiano una richiesta di calore abbastanza costante durante tutto l’anno o per lunghi periodi. Non è quindi redditizio realizzare una rete di teleriscaldamento per collegare utenze isolate, sparse o con necessità di fruizione occasionali. A titolo indicativo, la centrale è in grado di riscaldare l’80% degli edifici del nucleo d’Intragna.

Fornitura di cippato

Nel frattempo, il contratto di fornitura della materia prima è giunto a scadenza e si è proceduto ad aprire un nuovo concorso per l’approvvigionamento a partire dal 2022, in ossequio alla Legge sulle commesse pubbliche. Lo stesso bando, come si ricorderà, era stato al centro di un ricorso, respinto, da parte di una ditta che ne aveva contestato i criteri di scelta. Verosimilmente il prezzo del cippato diminuirà, permettendo alla Sa di ridurre il costo di fornitura rispetto a oggi.
Per quanto concerne l’impiego dell’utile a bilancio, infine, il Consiglio di amministrazione ha proposto di versare mille franchi nelle riserve. Idea accolta. Dell’utile annuo realizzato dalla società anonima, infatti, il 5% deve per legge essere destinato alle riserve fino a raggiungere una quota del 20% del capitale azionario. I 17mila franchi rimanenti saranno contabilizzati quale utile riportato senza attribuzione di dividendi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centrale esercizio intragna teleriscaldamento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved