locarno-rientro-anticipato-dalla-settimana-bianca-per-covid
archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
7 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
9 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
9 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
15 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
17 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
22.12.2021 - 17:41
Aggiornamento: 22:12

Locarno, rientro anticipato dalla settimana bianca per Covid

Interrotto il soggiorno a Lenzerheide. Quattro classi delle scuole medie della Morettina finiscono in quarantena

Doveva essere una settimana bianca all’insegna del divertimento, della spensieratezza e della voglia di praticare, con i coetanei compagni di classe, gli sport sulla neve. Invece si è trasformata, ben presto, in una disavventura. Complice il Covid, salito all’insaputa di tutti a bordo del torpedone che trasportava gli alunni delle classi di seconda delle scuole medie della Morettina di Locarno a Lenzerheide, località scelta per il soggiorno prenatalizio. Il virus si è presentato indesiderato e ha compromesso le giornate bianche, costringendo la comitiva al rientro anticipato in Ticino. Ma non solo. Oltre ad aver infettato più soggetti (ed esposto a rischi gli altri, docenti inclusi), ha costretto alcuni genitori a raggiungere nottetempo la località grigionese per recuperare i propri figli debilitati. Nove in totale, a quanto ci è dato sapere.

Durante il viaggio un alunno accusa malessere

Domenica scorsa la partenza delle classi. Durante il viaggio un alunno ha accusato malessere. Nausea e problemi respiratori. All’arrivo a Lenzerheide, lui e il vicino di posto sono stati controllati. Positivi entrambi. La direzione dell’istituto, ci ha raccontato una madre, l’indomani ha contattato tutte le famiglie per spiegare l’accaduto e chiedere il permesso di procedere con i test salivari. E a quel punto ci si è accorti che i casi non erano solamente due, ma molti di più. Bilancio: rientro anticipato e quattro classi in quarantena, fino a capodanno, su ordine dell’Ufficio dei medici cantonali ticinese e grigionese. Provvedimento applicato anche a quegli alunni che non hanno preso parte alla spedizione. Il motivo? I possibili contatti dei giorni precedenti la partenza. Quanto alle loro famiglie, possono continuare la loro vita normale, osserva la Direzione dell’istituto locarnese in una segnalazione inviata, su delega del medico cantonale, ai parenti degli alunni. Ovviamente se il figlio o la figlia dovesse presentare dei sintomi, il Servizio tracciamento dei contatti sarà pronto a intervenire. Dal 5° giorno dall’ultimo possibile contatto, infine, mamme e papà sono invitati a far testare i propri figli dal medico di famiglia e a comunicare alla sede scolastica l’esito del test. Comprensibile un certo malcontento tra i genitori, i quali si chiedono se, vista la situazione sul fronte della pandemia, la settimana bianca non era da annullare o posticipare in attesa di tempi migliori.

Dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) confermano unicamente che quattro classi sono state messe in quarantena. Le classi coinvolte, ovviamente, hanno viaggiato verso il Ticino separatamente dalle altre, quale misura precauzionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid locarno settimana bianca via varesi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved