ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
5 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
6 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
8 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
10 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
11 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
11 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
14 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
14 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
15 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
16 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
18 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
20.12.2021 - 23:00

Locarno: ‘Conti ottimistici, una sfida per la Città’

Approvato stasera il preventivo ’22 che parla di un deficit di neppure mezzo milione. L’addio (un po’ amaro) di Gianbeatro Vetterli

locarno-conti-ottimistici-una-sfida-per-la-citta
Ti-Press
Periodo interlocutorio (anche) per Palazzo Marcacci

«Conti ottimistici», «cifre aleatorie» e «disavanzo ambizioso», ma tanto è bastato stasera per ottenere a larga maggioranza la luce verde del Consiglio comunale al preventivo 2022 della Città, con il suo disavanzo ipotizzato di (soli) 488mila franchi.

Secondo Pier Mellini, che ha parlato per la Sinistra Unita e per la Gestione (di cui è stato corelatore), le cifre presentate nei conti «sono aleatorie per l’incedere della pandemia». Mellini ha argomentato su «conti ottimistici», anche tenendo conto del presumibile aumento dei costi per le prestazioni sociali. Un accento particolare Mellini l’ha messo sulla mancata creazione di un secondo nido comunale, vista la sua oggettiva necessità. E lo stesso ha poi fatto l’altra corelatrice, Barbara Angelini Piva, anche portavoce di Per Locarno. Fra i temi da lei affrontati anche l’aumento previsto delle tasse causali «in un momento in cui non è certo il caso di caricare il cittadino di nuovi aggravi»; se ciò deve essere fatto, che lo sia «gradualmente». Dai banchi del Ppd si è anche levata la voce di Mauro Belgeri, che ha fra l’altro parlato di «speculazione edilizia devastante» e auspicato una ripresa del tema “aggregazioni”, immaginando la creazione di un convivio dei presidenti dei Consigli comunali che andrà coinvolto.

Per Luca Renzetti (Plr), il Municipio «si è assunto una responsabilità, presentando un deficit così ridotto quando poco tempo fa si era parlato di un disavanzo strutturale di 1 milione di franchi». Secondo il Plr – lo stesso partito del capodicatero Finanze Davide Giovannacci – «non deludere la cittadinanza sarà una grande sfida per il Municipio». Esecutivo che dovrà imparare a «coinvolgere di più il Consiglio comunale su temi strategici come ad esempio la ristrutturazione del Fevi».

Il ritardo nella consegna dei conti è stato sottolineato da Bruno Bäriswyl (Lega-Udc-Indipendenti), il quale si è poi lamentato per «la perdurante mancanza di Piazza Grande dal conto investimenti» (anche se in realtà, come poi osservato da Giovannacci, di Piazza Grande i conti parlano eccome).

Marko Antunovic, per i Verdi, ha evidenziato la necessità di attirare nuovi contribuenti e ha chiesto di istituire un budget per combattere il cambiamento climatico. Gianbeato Vetterli (Indipendente ex Plr) ha infine riconosciuto l’oggettiva difficoltà di giudizio rispetto al preventivo e voluto concedere fiducia a chi l’ha compilato. Vetterli che in previsione del suo cambio di domicilio ha definitivamente salutato il legislativo, ma non senza prima aver risparmiato ai colleghi una ruvida tirata d’orecchi per quella controcultura politica che il decano ha detto di aver spesso dovuto osservare.

La Gestione era favorevole ai preventivi, anche se il rapporto metteva appunto in evidenza una serie di criticità, fra cui quella di risorse fiscali “piuttosto stagnanti e caratterizzate da un substrato fiscale debole”. Una situazione senz’altro perfettibile, specialmente se messa a confronto con quella registrata in altri centri del Cantone. È anche vero che Locarno sta mettendo in campo una strategia interessante, a partire dall’allargamento della Commissione municipale Economia. Commissione che Mellini ha per altro giudicato, in seduta, per conto della Sinistra, «forse non sufficiente», auspicando un più marcato marketing territoriale capace di attirare nuovi contribuenti.

Nuova era per Casa San Carlo

Intanto, si è saputo che è stata formalizzata a Registro di commercio l’iscrizione dell’Ente autonomo Istituto per anziani San Carlo, la cui copertura finanziaria è stata ripresa ed inserita a preventivo 2022. Del Consiglio direttivo, ricordiamo, fanno parte i municipali Giuseppe Cotti (presidente) e Nancy Lunghi (vicepresidente), Claudio Filliger (segretario, già direttore della Clinica Varini), il dottor Brenno Galli (geriatra, direttore sanitario di Hospice Ticino e direttore sanitario della Varini) e il dottor Giorgio Pellanda (già direttore generale dell’Eoc). La direzione dell’Istituto per anziani rimane affidata a Mauro Pirlo, attivo in San Carlo dal 2018. Con lui è stata confermata pure la direttrice sanitaria, dottoressa Marianna Balerna-Silke. La casa per anziani indosserà la sua nuova veste istituzionale a decorrere dal 1° gennaio 2022. Il Consiglio direttivo “intende ridurre al minimo i cambiamenti connessi con il passaggio della struttura dalla gestione comunale alla gestione dell’Ente. Adattamenti e miglioramenti dell’offerta di prestazioni verranno attuati secondo le necessità nei mesi a venire, tenendo conto delle esigenze e delle disposizioni previste dai mandati di prestazione con il Cantone e con la Città”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved