cevio-battaglia-sul-contributo-agli-impianti-di-bosco-gurin
archivio Ti-Press
Una risorsa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
48 min

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
48 min

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
1 ora

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
1 ora

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
1 ora

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
2 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
2 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
2 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
2 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
2 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
16.12.2021 - 17:31

Cevio, battaglia sul contributo agli impianti di Bosco Gurin

La Commissione della gestione è divisa: la maggioranza chiede al Municipio di reinserire a preventivo i 10mila franchi per la stazione sciistica

È battaglia a Cevio per il contributo a favore della stazione sciistica di Bosco Gurin. Lunedì sera il Consiglio comunale discuterà i preventivi 2022 del Comune, che chiudono con un disavanzo di 270mila franchi e dai quali è stato tolto, per decisione municipale, il sostegno di 10mila franchi per la manutenzione degli impianti di risalita del villaggio walser.

Sul tema la Commissione della gestione si è divisa. Il rapporto di minoranza (firmato da Daniele Vedova e Martino Giovanettina di Paese Libero) aderisce alla proposta dell’esecutivo e quindi è a favore dello stralcio. La maggioranza (Dusca Schindler ed Elena Janner di Alleanza moderata, e Lorenza Palli-Dadò degli Indipendenti per l’unità) chiede invece di ripristinare il contributo. Una richiesta motivata in modo dettagliato: “Quale concreto appoggio agli impianti, che ancora recentemente l’Ascovam (Associazione dei Comuni valmaggesi) definiva ‘una risorsa fondamentale per la regione Locarnese e Vallemaggia’, nel 2010 i Comuni del distretto si sono impegnati a corrispondere un contributo a fondo perso a favore della loro manutenzione”. L’importo annuo versato da Cevio, inizialmente di 20mila franchi, nel 2015 è stato ridotto a 10mila. Va detto che la manutenzione annua a Bosco Gurin costa 340mila franchi: 180mila coperti dal Cantone, 60mila dai Comuni di valle e 100mila dai privati.

Per il 2022 l’Ascovam ha confermato i 60mila franchi, chiedendo ai Comuni d’inserire la propria quota nei rispettivi preventivi. Tutti lo hanno fatto, tranne Cevio: “Circostanza – stando ai relatori del rapporto di maggioranza – che ha generato ulteriore polemica in un clima già sufficientemente compromesso”. E ancora: “Con la cancellazione del sussidio decisa dal Municipio, oltre ad aprire un’altra controproducente polemica per il nostro Comune, Cevio dà un pericoloso segnale di mancato sostegno agli impianti di Bosco Gurin, frequentati essenzialmente da valmaggesi e locarnesi. Perché il Cantone o altri Comuni dovrebbero sostenere la stazione, quando quelli della valle non lo fanno? I modi di fare del proprietario degli impianti potrebbero anche non essere condivisi, ma bisogna essere realisti. Via Frapolli, quali sono le prospettive per Bosco? La chiusura del comprensorio o la gestione da parte di terzi. Chi? I Comuni? Con un’impennata di costi a carico di tutti? E, in concreto, a quanto schizzerebbe il contributo annuo di Cevio in questo caso?”.

In definitiva, per la maggioranza della Gestione, sostenere il contributo a favore della manutenzione degli impianti “non deve essere inteso come un sostegno alle richieste del loro proprietario (che si inseriscono in una complessa vicenda che coinvolge più attori), ma significa piuttosto riconoscere il ruolo degli impianti di risalita e della loro importanza economico-turistico-ricreativa per l’intera regione”.

Gestione futura dei rapporti con il proprietario degli impianti

Ma i tre commissari vanno oltre e suggeriscono anche soluzioni a lungo termine: “Il rapporto fra il Comune di Cevio e il proprietario degli impianti sciistici di Bosco Gurin deve essere migliorato, a beneficio di tutti gli interessati. Invitiamo pertanto il Municipio a sollecitare la conclusione di un nuovo accordo, che chiarisca i rispettivi ruoli, diritti e doveri, che imponga sì a Cevio di contribuire alla manutenzione degli impianti, ma anche al beneficiario del sostegno di definire quali siano le prospettive per la destinazione invernale”. Una richiesta che si inserisce nella scia della linea tracciata dall’Ascovam; oltre a ribadire il sostegno a Bosco, nel luglio del 2021 i vertici dell’associazione affermavano: “In contropartita potrà essere chiesto di riattivare un gremio rappresentativo di tutti gli attori locali sul modello della ‘Destination governance Bosco Gurin’ (con un rappresentante Ascovam), in modo da assicurare un miglior coinvolgimento, un flusso di informazioni costante e una comunicazione condivisa”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco gurin cevio sostegno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved