locarno-l-azienda-dell-acqua-diventera-ente-autonomo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
6 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
7 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
8 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
12 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
15 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
19 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
15.12.2021 - 10:55
Aggiornamento : 15:46

Locarno, l’Azienda dell’acqua diventerà ente autonomo

Trasformazione per professionalizzare il servizio, che resterà di proprietà della Città e sotto controllo di Municipio e Consiglio comunale

L’Azienda dell’acqua potabile della Città di Locarno diventerà un ente autonomo. Il Municipio (che sulla questione ha licenziato il relativo Messaggio per il Consiglio comunale) definisce la trasformazione “un passo utile e necessario per fronteggiare adeguatamente le future sfide nel ramo dell’approvvigionamento idrico e rispondere alle crescenti aspettative dell’utenza rispetto a questo servizio”.

«La trasformazione dell’Azienda acqua potabile in ente autonomo serve a meglio affrontare il futuro, non solo velocizzando e professionalizzando l’importante servizio pubblico, ma anche mettendosi al servizio di una visione più regionale per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento idrico, sia in termini di qualità dell’acqua che di quantità in caso di penuria o incidenti. Il tutto coniugando una maggiore capacità e flessibilità decisionale a livello operativo con un controllo pubblico e democratico a livello strategico», specifica il capodicastero Sviluppo economico e territoriale Nicola Pini.

L’obiettivo del progetto è istituire un nuovo ente a carattere integralmente pubblico, “trasparente, solido e dinamico, fortemente radicato nel tessuto regionale e che sappia garantire anche in futuro dei servizi pubblici fondamentali a cittadini e operatori economici, focalizzando le proprie risorse sullo sviluppo delle infrastrutture e sul servizio agli utenti”, aggiunge il Municipio. Il nuovo ente dovrà diventare uno strumento operativo a supporto della politica energetico-ambientale e di approvvigionamento idrico della Città.
Sempre il Municipio: “Quanto viene proposto è un’azienda innovativa, in grado d’affrontare come sinora le molteplici sfide che la distribuzione di una derrata alimentare comporterà, avvalendosi però di nuove sinergie che permettano di gestire efficacemente le preziose risorse idriche regionali, garantendo anche in futuro la distribuzione d’acqua potabile di ottima qualità e in quantità sufficiente. Essa riprenderà le attività e i principi attuali, garantendo una crescita sana e ben ponderata”.
La forma dell’ente autonomo di diritto pubblico, già ampiamente collaudata, permette di mantenere in mano al Comune le scelte politiche e strategiche alla base del servizio, ma sgravando il Municipio dalle questioni operative, di valenza prettamente tecnica: “I suoi organi potranno agire in modo snello e immediato nello svolgimento dell’attività corrente, grazie a una capacità decisionale accresciuta e alle forti competenze disponibili all’interno del servizio”. Gli statuti del nuovo ente sono stati elaborati in modo da salvaguardare il controllo democratico sul suo operato tramite la vigilanza regolare del Consiglio comunale e del Municipio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
azienda acqua potabile ente autonomo locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved