ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
4 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
12 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
15 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
16 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
16 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
16 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
17 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
15.12.2021 - 10:55
Aggiornamento: 15:46

Locarno, l’Azienda dell’acqua diventerà ente autonomo

Trasformazione per professionalizzare il servizio, che resterà di proprietà della Città e sotto controllo di Municipio e Consiglio comunale

locarno-l-azienda-dell-acqua-diventera-ente-autonomo
Ti-Press

L’Azienda dell’acqua potabile della Città di Locarno diventerà un ente autonomo. Il Municipio (che sulla questione ha licenziato il relativo Messaggio per il Consiglio comunale) definisce la trasformazione “un passo utile e necessario per fronteggiare adeguatamente le future sfide nel ramo dell’approvvigionamento idrico e rispondere alle crescenti aspettative dell’utenza rispetto a questo servizio”.

«La trasformazione dell’Azienda acqua potabile in ente autonomo serve a meglio affrontare il futuro, non solo velocizzando e professionalizzando l’importante servizio pubblico, ma anche mettendosi al servizio di una visione più regionale per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento idrico, sia in termini di qualità dell’acqua che di quantità in caso di penuria o incidenti. Il tutto coniugando una maggiore capacità e flessibilità decisionale a livello operativo con un controllo pubblico e democratico a livello strategico», specifica il capodicastero Sviluppo economico e territoriale Nicola Pini.

L’obiettivo del progetto è istituire un nuovo ente a carattere integralmente pubblico, “trasparente, solido e dinamico, fortemente radicato nel tessuto regionale e che sappia garantire anche in futuro dei servizi pubblici fondamentali a cittadini e operatori economici, focalizzando le proprie risorse sullo sviluppo delle infrastrutture e sul servizio agli utenti”, aggiunge il Municipio. Il nuovo ente dovrà diventare uno strumento operativo a supporto della politica energetico-ambientale e di approvvigionamento idrico della Città.
Sempre il Municipio: “Quanto viene proposto è un’azienda innovativa, in grado d’affrontare come sinora le molteplici sfide che la distribuzione di una derrata alimentare comporterà, avvalendosi però di nuove sinergie che permettano di gestire efficacemente le preziose risorse idriche regionali, garantendo anche in futuro la distribuzione d’acqua potabile di ottima qualità e in quantità sufficiente. Essa riprenderà le attività e i principi attuali, garantendo una crescita sana e ben ponderata”.
La forma dell’ente autonomo di diritto pubblico, già ampiamente collaudata, permette di mantenere in mano al Comune le scelte politiche e strategiche alla base del servizio, ma sgravando il Municipio dalle questioni operative, di valenza prettamente tecnica: “I suoi organi potranno agire in modo snello e immediato nello svolgimento dell’attività corrente, grazie a una capacità decisionale accresciuta e alle forti competenze disponibili all’interno del servizio”. Gli statuti del nuovo ente sono stati elaborati in modo da salvaguardare il controllo democratico sul suo operato tramite la vigilanza regolare del Consiglio comunale e del Municipio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved