05.12.2021 - 16:13

Losone, modine per la nuova casa comunale

All’albo la domanda di costruzione per il progetto da 13,2 milioni di franchi

losone-modine-per-la-nuova-casa-comunale
Il progetto dello Studio Baserga e Mozzetti

La futura casa comunale di Losone va all’albo. È in pubblicazione in questo periodo la domanda di licenza edilizia per lo stabile che sorgerà dove oggi si trova la sede della Polizia comunale (nei due vetusti prefabbricati). Nei giorni scorsi sull’area accanto all’attuale sede dell’amministrazione losonese sono state posate le modine: quattro alti pali che danno una chiara idea delle dimensioni che avrà la nuova costruzione, progettata dallo Studio d’architettura Nicola Baserga e Christian Mozzetti di Muralto. Studio che a suo tempo aveva vinto il concorso di progettazione.

Lo scorso aprile il Consiglio comunale aveva deciso di accordare il credito di 13,2 milioni di franchi per la realizzazione del nuovo centro civico. Il grande progetto comprende la costruzione della nuova casa comunale, all’interno della quale troveranno spazio i diversi uffici, oggi dislocati in più sedi. Ma anche la riqualifica dell’intero comparto, con la creazione di una piazza (con un ampio spazio coperto che potrà essere utilizzato pure nel corso di eventi pubblici), e di un autosilo con 27 posti.

Ricordiamo che il legislativo, nel corso di diverse discussioni sul tema, aveva indirizzato al Municipio alcune indicazioni molto precise. La prima era giunta nel giugno del 2020, in occasione dell’approvazione del credito di 825mila franchi per l’elaborazione del progetto definitivo: i diversi gruppi del legislativo si erano trovati d’accordo sul fatto che i costi di costruzione andranno tenuti sotto stretta sorveglianza dall’esecutivo. In altre parole: restare nella comunque cospicua cifra di 13,2 milioni, evitando sorpassi.

La seconda indicazione: l’attuale casa comunale durante il cantiere dovrà restare in piedi e il Municipio avrà tempo fino al termine dei lavori per trovare una nuova destinazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved