23.11.2021 - 18:53
Aggiornamento: 22:48

Locarno, picchiati senza motivo da un gruppo di ragazzini

L’aggressione è avvenuta sabato sera e ha coinvolto due ragazzi che sono stati pestati da alcuni minorenni. Non hanno riportato lesioni serie

locarno-picchiati-senza-motivo-da-un-gruppo-di-ragazzini
archivio Ti-Press
La polizia è intervenuta attorno alle 23

Aggrediti e picchiati senza motivo da un gruppo di minorenni. È la spiacevole disavventura capitata sabato sera a due ragazzi che erano in Piazza Grande a Locarno. A riferire del pestaggio è Radio Ticino che ha avuto la conferma del fatto dalla Polizia cantonale. Due degli aggressori sono stati subito identificati dagli agenti che sono intervenuti attorno alle 23, con ben quattro pattuglie. È stata quindi aperta un’inchiesta di cui è incaricata la magistratura dei minorenni.

Sulla dinamica dell’accaduto, l’emittente riporta una testimonianza diretta che racconta di un gruppetto di giovani (quello degli aggressori, stando alle informazioni raccolte domiciliati nel Cantone) che “stava commettendo piccoli atti vandalici sotto i portici”, questo ha attirato l’attenzione dei due malcapitati che erano dall’altra parte della piazza. “Uno degli aggressori – riporta – si è avvicinato prima provocando e poi tirando uno schiaffo in faccia a uno dei due, che poco prima stavano semplicemente assistendo a distanza”. L’amico 21enne del ragazzo aggredito ha tentato di separarli, ma anch’egli è “finito per essere selvaggiamente picchiato, anche mentre era a terra, con calci alla testa”. Fortunatamente i due ragazzi presi di mira e aggrediti (soccorsi e trasportati al pronto soccorso) non hanno riportato gravi ferite o fratture, ma se la sono cavata con contusioni, seppur estese, su tutto il corpo.

Penultima in ordine di tempo, si ricorderà, è l’aggressione successa lo scorso 30 ottobre a Lugano, alla pensilina Botta. Anche in quel caso, due persone avevano aggredito senza motivo altre due, che non conoscevano, facendole finire al pronto soccorso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved