vallemaggia-rispuntano-i-cartelli-abusivi
LaRegione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
29 min

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
5 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
15 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
19 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
20 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
20 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
20 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
22.11.2021 - 20:07
Aggiornamento : 23.11.2021 - 07:10

Vallemaggia: rispuntano i cartelli abusivi

Rimessi i manifesti contro la Legge Covid, ma anche stavolta sono durati ben poco

di Shila Dutly Glavas

Ci risiamo, potrebbe dire qualcuno. Dopo la decisione – presa settimana scorsa – da vari comuni del fondovalle valmaggese di rimuovere (solo per quanto concerne la strada cantonale) i manifesti e striscioni abusivi degli oppositori alla legge Covid, rieccoli apparire in alcuni dei luoghi dove erano stati tolti.

È successo venerdì scorso, due giorni dopo la pubblicazione dell’articolo “Vallemaggia: cartelloni ‘no vax’… ‘no autorizzat’”, pubblicato nell’edizione di mercoledì 16 novembre su LaRegione.

E così eccoli ancora lì, i pollicioni rossi con le scritte nere ritornare, per esempio lungo il cavalcavia della pista ciclabile che collega Cevio a Bignasco. Ma stavolta erano in regola?

«Ci siamo resi conto che erano state riposizionate le insegne pre-voto la mattina stessa, tramite la segnalazione della squadra esterna comunale. Abbiamo provveduto a rimuoverli di nuovo, poiché anche in questa circostanza non avevamo ricevuto nessuna richiesta né tanto meno rilasciato un’autorizzazione», chiarisce il segretario comunale di Cevio, Fausto Rotanzi.

Sbagliare è umano, perseverare è diabolico, direbbe qualcun altro. Chiediamo, sempre al segretario comunale del paese capoluogo valmaggese, se il Municipio è intenzionato a multare gli autori del gesto, grazie anche al supporto della Legge sugli impianti pubblicitari, contenuta - come ricordiamo- nella raccolta delle leggi del Canton Ticino (CAN), in caso di impianti pubblicitari non conformi.

«Il Comune non ha pensato a una sanzione riguardo alla riposa dei cartelloni. Anche perché non sappiamo esattamente chi sia stato a metterli. Nessuno ha visto niente e quindi nessuno sa dirci se a mettere gli striscioni sia stato un privato, di sua spontanea iniziativa, oppure il comitato politico, quest’ultimo che stampa e distribuisce il materiale, ma che non sempre si occupa del “volantinaggio”. Certo, se “l’andazzo” è questo, potremmo pensarci in futuro».

Alcuni potrebbero pensare che l’atteggiamento portato avanti dai Comuni valmaggesi possa essere pregiudizievole e legato al messaggio lanciato dai manifesti, contrari alla legge Covid. Anche in questo caso, è sempre Rotanzi a rispondere chiaramente: «Lo ribadisco. Non abbiamo, né noi, né tanto meno gli altri Comuni, deciso di togliere i cartelloni per il contenuto espresso sopra, dato che la libertà d’espressione esiste ancora ed è garantita. Li abbiamo rimossi, oltre al fatto sopracitato che non avevano chiesto, anche e soprattutto per una questione di sicurezza sulle strade».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abusivi legge covid manifesti vallemaggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved