taxi-ad-ascona-in-un-ingorgo-la-nuova-ordinanza-comunale
Tempi complicati per i tassisti di Ascona
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
6 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
6 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
6 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
7 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
7 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
7 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
8 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
8 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
9 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
9 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
10 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
10 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
laR
 
18.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:12

Taxi ad Ascona, in un ingorgo la nuova Ordinanza comunale

Ricorso al Consiglio di Stato contro la nuova normativa in pubblicazione. È il secondo dopo quello (pendente) che contestava la disdetta delle concessioni

È finita in una specie d’ingorgo giuridico, la questione dei tassisti concessionari ad Ascona. L’ultimo semaforo è appena scattato ed è ancora di un rosso acceso: un ricorso al Consiglio di Stato contro la nuova Ordinanza municipale per il servizio taxi messa in pubblicazione dal Municipio del Borgo dal 3 novembre al 3 dicembre.

Le puntate precedenti: da tempo non corre più buon sangue fra un gruppo di 5 tassisti e un collega, tutti concessionari ad Ascona. I 5 si lamentano per l’atteggiamento considerato inappropriato, e l’agire secondo loro illegale, del concorrente. L’uomo è titolare di due concessioni in due Comuni diversi (l’altro è Locarno), proprietario di autovetture cromaticamente non a norma, nonché presunto colpevole di inadeguato “adescamento” di clienti e di stazionamenti in luoghi non autorizzati. Da lì era partita la disputa legale, che aveva spinto l’avvocata Cristina Clemente di Muralto a scrivere, per conto dei 5, al Comune, sollevando alcune tematiche, fra le quali la necessità di indire un concorso pubblico (oggi inesistente) per l’attribuzione delle concessioni.

Richiesta, quest’ultima, che in Borgo aveva fatto immediatamente centro: il Comune aveva ammesso che un concorso in effetti ci vuole, ma nell’attesa di una nuova normativa che lo contemplasse… sorpresa: aveva disdetto (l’Ordinanza in vigore glielo permette) la concessione a tutti i tassisti, compresi i 5 “riottosi”, a decorrere dall’inizio del 2022. Per Clemente si era trattato di una decisione eccessivamente draconiana e ingiustificata, addirittura di «una chiara ritorsione» sui contestatori. Così era partito il primo ricorso al governo.

‘Situazione di incertezza giuridica’

Non è finita qui: il 2 novembre il Comune aveva convocato tutti i tassisti per presentare verbalmente la nuova Ordinanza nel frattempo preparata e pronta per la pubblicazione. Pubblicazione che sarebbe però avvenuta già a partire dal giorno seguente. Presi alla sprovvista, i tassisti avevano chiesto di attendere il tempo necessario per consentire loro di collaborare alla stesura di una nuova normativa, fornendo al Borgo alcune specifiche da “addetti ai lavori”, per comodità e nell’interesse di tutti, Comune compreso. Ciononostante, la pubblicazione era avvenuta ugualmente con l’aggiunta, ricorda Clemente, «che se avessimo avuto delle osservazioni avremmo potuto inoltrarle, per procedere poi con una seconda pubblicazione». Un punto di vista che l’avvocata definisce «singolare» e che si inserisce in un contesto già complicato dal fatto che «la nuova Ordinanza è all’albo mentre sono pendenti dei ricorsi contro delle disdette emanate in base alla vecchia, che è ancora vigente». Ciò creerebbe «una situazione d’incertezza giuridica ed è contraria al principio della separazione dei poteri». Infatti «il Municipio non potrà applicare l’Ordinanza nuova ai ricorrenti, i quali da una parte non possono concorrere per le nuove concessioni e dall’altra, se vincessero, si ritroverebbero avvantaggiati rispetto ai concorrenti, creando una situazione d’illecita disparità di trattamento».

Tutto quanto precede, “in diritto”. Nei fatti, poi, c’è la nuova Ordinanza stessa con i suoi contenuti, che secondo gli stessi 5 tassisti patrocinati da Clemente presenta pecche e incongruenze un po’ a tutti i livelli. Gli articoli contestati sono non meno di una ventina e riguardano fra l’altro il numero di parcheggi in via Baraggie, il numero di concessioni a persone fisiche e giuridiche, il tipo di patente necessaria per avere la concessione nonché un sacco di altre questioni, ivi compresa quella riguardante il carico di animali di media e grossa taglia nell’abitacolo, un’altra inerente alle insegne e un’altra ancora sulla pretesa di inserire dei turni di servizio quando, rileva Cristina Clemente, «ogni autorizzato a fornire un servizio taxi deve poter conciliare il lavoro ad Ascona con quello dettato dai clienti privati».

Vanno bene... solo le vetture blu

Un ulteriore motivo di lamentela da parte dei tassisti è infine legato a quello che Clemente considera «un capriccio del Municipio di Ascona»: quello d’imporre che tutte le autovetture utilizzate siano di colore blu. «Non c’è assolutamente nessun interesse pubblico che giustifichi una cosa del genere – dice l’avvocata –. Inoltre, il Municipio non può non sapere che i tassisti, che non sono certo milionari, già hanno effettuato investimenti ingenti per acquistare i loro veicoli. Non si può certo dare “una pitturata” alle auto che blu non sono». Come se non bastasse, considera la legale, «ad Ascona ci sono alcuni grandi alberghi che esigono il colore nero per i taxi che accompagnano i loro clienti. E allora, con loro come si fa? Al di là di questo, l’imposizione di un colore specifico determina in alcuni casi la necessità di comprare un’auto nuova, così, come se fosse alla portata di tutti».

Motivi sufficienti, questo e tutti gli altri che verranno sollevati nel ricorso al Consiglio di Stato pronto per essere imbucato, con il quale verrà chiesto che l’Ordinanza municipale attualmente in pubblicazione venga annullata.

Leggi anche:

Ascona: ai tassisti che protestano il Comune toglie il lavoro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona concessioni ordinanza ricorso consiglio stato tassisti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved