locarno-e-necessario-risanare-la-strada-per-monte-bre
Ti-Press
Monte Brè
17.11.2021 - 15:21
Aggiornamento: 16:42

Locarno: ‘È necessario risanare la strada per Monte Brè’

Un’interrogazione al Municipio denuncia i problemi, anche legati alla sicurezza, dell’arteria collinare

La strada che sale da Locarno Monti verso Monte Brè necessita di lavori di risanamento. “In pratica tutta l’arteria è da controllare nel dettaglio. In particolare, da un recente sopralluogo è emerso quanto segue: punti pericolosi non protetti (in particolare in corrispondenza della linea elettrica); ringhiere arrugginite, rovinate e non più a norma; paletti bianchi e neri divelti”.

L’analisi sullo stato della carreggiata che porta nella piccola località montana arriva dal gruppo Ppd in Consiglio comunale, che sul tema presenta al Municipio un’interrogazione (Mauro Belgeri è il primo firmatario). La questione centrale: “Quali misure concrete intende intraprendere il Municipio per il risanamento completo della strada Locarno Monti-Monte Brè?”.

La stessa interrogazione prende spunto dalla chiusura della strada per due settimane all’inizio dello scorso mese di settembre: “Durante i lavori sono state eseguite essenzialmente opere di asfaltatura e di copertura di un grosso buco lungo il ciglio stradale provocato da un grosso albero sradicato durante la bufera autunnale dello scorso anno (ci sono voluti cinque mesi solo per segnalare il pericolo, con evidenti grossi rischi in particolare per i ciclisti e per gli automobilisti che rischiavano di finire a valle perché in quel punto, salendo la linea elettrica, non vi è neppure un cespuglio che possa fungere da barriera)”.

Per il Gruppo Ppd (che ha pure fornito al Municipio una dettagliata documentazione fotografica sullo stato della strada) resta però molto da fare. E da qui la sollecitazione ad analizzare la questione e a dare il via ai necessari lavori di risanamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
interrogazione ppd locarno mauro belgeri monte brè
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved