ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
3 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
3 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
4 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
4 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
4 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
4 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
4 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
5 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
5 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
5 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
laR
 
16.11.2021 - 17:24
Aggiornamento: 18:33

Vallemaggia: cartelloni ‘no vax’... ‘no autorizzat’

Posati e, in alcuni casi, già rimossi gli striscioni contro la legge Covid apparsi nei giorni scorsi nel distretto

di Shila Dutly Glavas
vallemaggia-cartelloni-no-vax-no-autorizzat
Ponte Brolla
+5

Una mano con un dito che punta diritto verso il lettore, e una scritta rossa e nera che recita: “Obbligo di vaccinazione per tutti? No”. È lo slogan della campagna elettorale dei contrari alla tanto dibattuta modifica della legge Covid-19, su cui si fonda tra l’altro la base legale per il certificato Covid, in votazione il prossimo 28 novembre.

In Vallemaggia, da un paio di settimane, questi cartelloni sembrano indicare proprio verso gli ignari automobilisti, intenti a percorrere la strada cantonale: costeggiano tutto il tratto stradale del fondovalle, come testimoniano le foto scattate da laRegione, e pure le vie delle vallate laterali.

E così, partendo da Locarno in direzione Cavergno, capita di trovare un primo manifesto attaccato sul guidovia a Ponte Brolla, poco dopo aver passato la ferrovia. Poi, un altro ancora all’imbocco della galleria di Gordevio, appeso sopra a un palo segnaletico della corsia riservata ai mezzi a due ruote. Anche ai Ronchini, all’altezza del centro scolastico, appoggiato al muro di una cascina. Alla fermata di Lodano e addirittura in mezzo a un prato a Giumaglio, sorretto da un pilone dell’elettricità. E poi ancora a Someo, all’inizio della strada che porta al paese. A Riveo, lungo il “curvone”, ovvero la doppia curva stradale che precede il villaggio. E pure a Visletto, dove sono stati posizionati ben due striscioni, a distanza di pochi metri, sul muro paramassi e, per finire questo “safari” nella giungla della cartellonistica pre-voto, sono stati messi pure sopra il ponte della pista ciclabile che collega Cevio a Bignasco.

E così, manifesto dopo manifesto, si arriva ad averne circa una decina sul ciglio della strada (suolo pubblico), senza contare quelli installati da privati cittadini su finestre e terrazze di casa, su tetti e sulle staccionate.

Le regole per le affissioni pubblicitarie, di qualsiasi natura, sono chiare. Eppure anche stavolta – soprattutto constatando la mole ma anche la “particolarità” dei luoghi scelti – sorge spontaneo il dubbio: sono in regola?

Né richieste, né autorizzazioni

Stando alla Legge sugli impianti pubblicitari, contenuta nella Raccolta delle leggi del Cantone Ticino, “l’apposizione, l’installazione, l’utilizzo o la modifica di un impianto pubblicitario soggiace al rilascio di un’autorizzazione. La stessa è di competenza del Municipio del luogo di situazione per gli impianti situati all’interno delle zone edificabili definite dai piani regolatori comunali”.

Abbiamo chiesto conferma alle autorità locali valmaggesi di Avegno-Gordevio, Maggia e Cevio. In tutti e tre i casi la risposta è stata pressapoco la medesima: «Non abbiamo ricevuto nessuna richiesta e, di conseguenza, non abbiamo nemmeno dato l’autorizzazione alla posa dei cartelloni, sia di quelli presenti sulla strada, sia di quelli dei privati».

In aggiunta, il segretario comunale di Maggia, Luca Invernizzi, ha voluto precisare che: «Diversi manifesti sono stati messi in zone esterne all’area edificabile, quindi l’approvazione non spetta neppure al Comune ma al Cantone. Dalle autorità cantonali però non abbiamo ricevuto nessuna notifica in tal senso».

Toglierli sì, ma per questioni di sicurezza

Nel frattempo, il Municipio di Cevio ha deciso di rimuovere già questa mattina gli striscioni ritenuti molesti. Ma è il segretario comunale di Maggia a spiegare perché è importante regolare gli impianti pubblicitari: «Si tratta di una pura questione di sicurezza. Manifesti troppo appariscenti o vicini alla strada possono essere un pericolo, poiché potrebbero distrarre il conducente e provocare incidenti». Alla domanda se anche Maggia provvederà a toglierli, risponde: «Stasera ci sarà la riunione di Municipio, perciò non posso ancora dire come si muoverà il nostro Comune».

Pure Avegno-Gordevio deciderà la sorte dei manifesti in serata ma il segretario comunale Waldo Patocchi si sbilancia: «È tema della riunione, probabile che quello sulla ciclabile a Gordevio verrà tolto, disturba troppo la viabilità dei ciclisti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved