ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
28 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
20.11.2021 - 05:30

Borgnone, sui tetti in piode deciderà il legislativo

A livello di Pr secondo le disposizioni dell’ex Comune non vige l’obbligo di ristrutturare le coperture con questo materiale. Il Municipio propone sussidi

borgnone-sui-tetti-in-piode-decidera-il-legislativo
(Foto Pedro)
+1

L’architettura in pietra, caratteristica dei nuclei ticinesi delle nostre valli, è da sempre parte integrante del paesaggio, una componente di un ricco patrimonio architettonico e culturale di assoluta bellezza, perfettamente inserito nell’ambiente circostante.

Preservare questo stile costruttivo della cui tutela si occupa, nel nostro Paese, l’Ufficio federale della cultura – tramite l’Isos, Inventario federale degli insediamenti svizzeri – è dunque un obbligo morale. Per evitare che questi piccoli agglomerati caratteristici vengano deturpati da interventi non consoni, anche a livello di Piano regolatore i Comuni ticinesi si sono attrezzati con precise normative.

Persa traccia di una decisione assembleare

È il caso anche del Comune delle Centovalli, il cui Municipio si appresta a sottoporre al legislativo una variante di Pr relativa alla sezione di Borgnone (e delle sue frazioni di Costa e Lionza). Approvato nel 1988 dall’allora Comune alto vallerano, questo strumento pianificatorio presenta oggi ancora una zona d’ombra. Non prevede, in pratica, l’obbligo del ricorso alla pietra nel rifacimento dei tetti.

Strano, dal momento che anche Borgnone è presente nell’elenco dell’Isos. Una svista? Risposta impossibile, dal momento che nelle risoluzioni assembleari precedenti l’aggregazione intercomunale della vallata, non v’è traccia della decisione di adozione di questa norma.

Ai proprietari un aiuto finanziario

Un vincolo, quello dei tetti in piode, che da sempre fa molto discutere, in quanto la sostituzione di una copertura con questo elemento richiede un investimento finanziario di non poco conto. Per colmare la lacuna e assicurare al territorio bellezza ed eleganza, il Municipio ha dunque ritenuto opportuno intervenire. Il Cantone oggi sostiene questa visione e contribuisce, con sussidi (200 franchi al metro quadrato), alla salvaguardia dei paesaggi edificati. Anche il Comune potrebbe quindi fare la sua parte, elargendo un contributo a quei proprietari che devono ristrutturare il tetto in quei nuclei dove vige l’obbligo. Siccome il numero di richieste di sostituzioni, negli ultimi anni, è risultato contenuto (una manciata dal 2012 a oggi), l’idea dell’esecutivo è di creare un credito quadro di 40mila franchi (per due legislature) dal quale attingere. Calcolando una superficie media di un tetto di 100 metri quadrati e un contributo di 50 franchi al metro quadrato, si giunge a una somma media di 5mila franchi. Importo sopportabile per le casse dell’ente pubblico. Le richieste dei singoli proprietari verranno in tal caso soddisfatte fino a esaurimento del credito. La palla passa ora nel campo del Consiglio comunale. «Il legislativo può liberamente decidere di accogliere la nostra richiesta o di bocciarla, lasciando al proprietario la possibilità di scegliere quale tetto posare. Abbiamo a lungo discusso di questo delicato tema – osserva il sindaco, Michele Turri – e come Municipio siamo dell’avviso che il ricorso alla pietra per interventi di ristrutturazione dei tetti o d’innalzamento dei fabbricati sia di grande pregio architettonico e paesaggistico. Se vogliamo custodire questa bellezza dobbiamo però anche essere pronti a sostenere i proprietari, poiché i costi a carico non sono indifferenti. La nostra idea è dunque quella d’incentivare questa tecnica d’intervento estetica attraverso dei sussidi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved