ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Il gruppo Morbio2030 contro la diminuzione del moltiplicatore

Si tratterebbe, secondo il movimento, di una manovra che comprometterebbe le casse del Comune e di conseguenza anche le fasce di popolazione meno abbienti
Locarnese
3 ore

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
3 ore

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
4 ore

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
8 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
9 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
15 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
16 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
16 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
16 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
18 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
18 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
18 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
19 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
19 ore

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
19 ore

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
23 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
Ticino
23 ore

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
23 ore

Hangar 1, il Cantone risponde alle Città

Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
07.11.2021 - 19:05

Marameo Edizioni, ‘La notte nel bosco incantato’

Volume pubblicato a settembre da Marameo, tradotto dal tedesco da Renato Martinoni, la storia trae spunto da una leggenda della Svizzera italiana

marameo-edizioni-la-notte-nel-bosco-incantato
La prima edizione della storia narrata da Eveline Hasler è del 1992, per Nord/Süd Verlag

Ogni libro ha una storia. Non quella che ha dentro, ma quella che l’ha fatto libro. E questo libro ha una bella storia. ‘La notte nel bosco incantato’ è stato pubblicato per la prima volta in italiano quest’anno, a settembre, dalla casa editrice Marameo di Gordola. Tradotto in inglese e persino in giapponese, ‘Die Nacht im Zauberwald’ è il titolo originale dell’albo illustrato per ragazzi scritto da Eveline Hasler e illustrato da Käthi Bend ed edito per la prima volta da Nord/Süd Verlag nel 1992.

Il volume racconta la storia di due fratelli – Leo e Meo – e del loro rapporto opposto con la natura e i suoi abitanti. La vicenda prende spunto da una leggenda della Svizzera italiana; l’illustratrice ha svolto per questo una ricerca su architettura, territorio, vegetazione delle valli ticinesi per restituire pagine illustrate con gesto filamentoso, pulito, curato e (semplicemente) bello.

‘Un’esperienza interessante e non evidente’

«Per la traduzione ho anche guardato alle immagini», racconta Renato Martinoni, traduttore d’eccezione. Ha insegnato all’Università di San Gallo in qualità di professore di Lingua e Letteratura italiane, e come professore ospite di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Oggi è in pensione, ma «non vuol dire che sia in vacanza. Lavoro sempre sul piano scientifico (come ricercatore, divulgatore e traduttore, ndr), ma ho più spazio per il lavoro creativo», risponde quando gli chiediamo come mai un professore universitario “a riposo” abbia deciso di avventurarsi nella traduzione di un libro per l’infanzia. A proporgliela è stata l’editrice Francesca Martella e aggiunge: «Sono nonno e quindi sono tornato a frequentare la dimensione della letteratura per bambini. In più questo libro è scritto da un’autrice che conosco, perché è di San Gallo e perché ha scritto libri che ho letto».

«È stata un’esperienza interessante e non evidente come si possa pensare. Innanzitutto, sono partito da una traduzione letterale per poi fare un lavoro di stile», spiega. «Nel testo ci sono passi – che non sono per forza immediati – che necessitano oltre che del lettore bambino o ragazzo, di un lettore un pochino avveduto, per comprenderli». Non è stata un’operazione fatta alla spiccia, anzi «ha richiesto molta attenzione e molto rispetto, finché il rispetto è stato possibile». A un certo punto della narrazione, esemplifica, i due fratelli attraversano una gola dove c’è l’eco: entrambi urlano una frase cui viene data risposta. Ma è un’eco particolare, che risponde dando una premonizione di ciò che sarà il finale. «In questo caso, non potevo tradurre letteralmente, perché l’autrice usa modi di dire ed espressioni che esistono in tedesco e non in italiano, quindi una traduzione letterale non è stata possibile. Andavano prese delle libertà, con la coscienza che la libertà sarebbe servita a rispettare quella che è la strategia narrativa dell’autrice, le sue intenzioni».

Il secondo elemento che ha influito sull’operazione è legato al fatto che è una storia piena di magia e le scene notturne nel bosco vedono l’apparizione di esseri che stanno a metà fra il mondo dei folletti e il mondo della natura. Creature misteriose che hanno nomi non traducibili alla lettera e per i quali è stato necessario cercare nomi adeguati: «Soluzioni che riflettessero nella sostanza il significato delle figure e che avessero anche senso». Quando si è confrontati con giochi di parole e modi di dire si procede con un adattamento, poiché la lingua trasmette un bacino culturale e tradizionale proprio al territorio in cui nasce, quindi una traduzione letterale risulterebbe di difficile comprensione, se non inefficace. Il lavoro ha richiesto a Martinoni accortezza nella scelta del lessico: «Non è stato un lavoro automatico, ha richiesto attenzione e partecipazione».

«Ho cercato di creare una lingua molto trasparente, che può avere vari livelli di lettura, magari con qualche parola difficile». La letteratura – per adulti e bambini – ha anche il compito di incuriosire i suoi lettori sulla lingua, portare parole nuove nel vocabolario personale di ciascuno e questo “mandato” è essenziale per i giovani lettori: è giusto che i vocaboli non siano banali, piatti, troppo immediati. «Stiamo vivendo un appiattimento preoccupante della lingua», rileva Martinoni, quindi «mi sono detto che poteva essere utile far vedere che le parole raccontano cose e azioni».

Letteratura per crescere

L’interesse per questo libro, spiega l’editrice Francesca Martella, è dovuto alla storia tratta da una leggenda della Svizzera italiana. Di là dalle sue origini, «il volume va pubblicato come omaggio a un’autrice che da molti anni vive in Ticino», ma anche perché ricettacolo di un tema attualissimo, di amore e rispetto per la natura, «una piccola storia con caratteri universali».

Marameo Edizioni, lo ricordiamo, è stata fondata nel 2017 ed è la prima casa in Ticino specializzata nell’editoria per ragazzi. L’interesse dell’editrice è volto alla narrativa illustrata, andando a cercare narratori svizzeri e internazionali di qualità. Insomma, propone letteratura che accompagni i giovani lettori nella loro crescita emotiva e sociale. A metà novembre, uscirà l’undicesimo titolo della casa: “Il maglione di Natale”.

Autrice e illustratrice

In pillole, Eveline Hasler è autrice svizzera di diversi volumi, sia storici, sia per l’infanzia. Nata negli anni Trenta, ha studiato storia e psicologia a Friburgo e Parigi, per anni è stata insegnante a San Gallo, fin quando ha deciso di trasferirsi nella sua terra d’elezione, il Ticino, dove tuttora abita e lavora. Negli anni, è stata insignita di riconoscimenti letterari nazionali e internazionali per i suoi lavori, uno su tutti il Premio svizzero per la letteratura per ragazzi del 1978.

L’illustratrice è Käthi Bhend, che ha pubblicato i suoi primi lavori affiancando le storie di Eveline Hasler. Nata a Olten nel ’42, Bhend muove i primi passi come graphic designer lavorando per agenzie pubblicitarie a Losanna e Parigi, dal 1965 lavora come indipendente per vari editori. Vince un concorso indetto dalla Zürcher Mehrmittelverlag, da quel momento inizia a lavorare come illustratrice di libri per bambini e ragazzi. Vive e lavora nella Svizzera orientale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved