ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
13 min

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
13 min

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
3 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
3 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
3 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
9 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
13 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
13 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
13 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
13 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
laR
 
02.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:20

Monte Verità, restauro per il celebre albergo Bauhaus

La terza tappa dei lavori sulla collina di Ascona prevede un investimento di oltre due milioni di franchi

monte-verita-restauro-per-il-celebre-albergo-bauhaus
Lifting in vista (Ti-Press)

Proseguirà con un investimento di 2,1 milioni di franchi il restauro del Monte Verità di Ascona. I lavori della prima tappa e della seconda tappa sono già stati eseguiti: tetto-terrazza dell’albergo, le case Anatta (museo), dei Russi e Selma, come pure il padiglione Elisarion. Ora, per la terza fase, tocca alle facciate dell’hotel, costruito in stile Bauhaus e annoverato fra i beni culturali d’interesse cantonale. La spesa che sarà sostenuta dalla Fondazione Monte Verità, beneficerà di sussidi cantonali (498mila franchi), federali (cifra non ancora resa nota) e comunali (200mila franchi). Il Municipio di Ascona chiederà il relativo credito al Consiglio comunale nel corso della prossima seduta.

Cenni storici

Il messaggio del Municipio fornisce dettagli storici legati alla presenza dell’imponente hotel, utilizzato tuttora, anche per ospitare convegni e seminari. “Dal 1925 al 1964 la ‘Montagna della Verità’ appartenne al banchiere e collezionista d’arte germanico Eduard Von Der Heydt, che la acquistò su consiglio della pittrice russa Marianne von Werefkin. Egli incaricò l’architetto Emil Fahrenkamp di costruirvi un albergo in stile Bauhaus, che divenne un luogo d’incontro mondano, capace di richiamare prestigiose personalità, fra cui intellettuali, artisti, finanzieri e politici. Nel 1964 il barone donò la proprietà del Monte Verità, inclusa parte della sua collezione d’arte orientale, al Canton Ticino. Dal 1989, con la costituzione della Fondazione Monte Verità il centro ospita importanti congressi scientifici e umanistici”. Da oltre 100 anni la collina che sovrasta il borgo è uno dei più importanti centri culturali europei, consacrati alla ricerca filosofica e alla produzione artistica. Tra le figure più importanti che hanno frequentato Ascona si possono ricordare Hermann Hesse, Isadora Duncan, Jean Arp, Erich Maria Remarque e Marianne von Werefkin.

Il progetto

L’obiettivo del nuovo progetto di restauro è quello di ripristinare l’aspetto e le caratteristiche assunte dall’albergo dopo i lavori fatti eseguire dal barone Von Der Heydt negli anni 1935-1937, “coerentemente con quanto già eseguito nell’ambito della prima tappa, con il tetto-terrazza – indica il Municipio –. L’intervento sarà di tipo conservativo: verranno rifatti gli intonaci di finitura delle facciate e restituiti con le colorazioni originali”. Saranno adottate anche alcune soluzioni nascoste sotto la pavimentazione per ridurre i fenomeni di umidità e il conseguente degrado degli intonaci alla base delle pareti esterne.

Sono previsti pure altri interventi. Verranno ricostruite le finestre in legno degli uffici, delle camere e dei bagni della facciata ovest: quelle originali erano state sostituite negli anni Settanta con infissi in acciaio. Anche i serramenti sul lato nord, ormai irrimediabilmente rovinati, saranno sostituiti. Stessa sorte per le tapparelle: quelle moderne in Pvc lasceranno spazio a “rolladen” in legno, in linea con quelle che si usavano ai tempi della costruzione dell’albergo. E ancora: le originali mattonelle in gres rosso prenderanno il posto delle lastre di cemento che oggi pavimentano il terrazzo e delle piastrelle utilizzate per le logge “restituendo omogeneità e coerenza costruttiva pure a queste parti dell’edificio. Altre opere riguarderanno la ricomposizione parziale dell’atrio d’ingresso e il ripristino dei colori originali delle scale ai livelli 3 e 4, concludendo in parte i cicli di restauro precedenti, che all’interno avevano coinvolto i piani delle camere”. Il progetto, annota il Municipio, è stato condiviso con l’Ufficio dei beni culturali che dal canto suo lo ha già approvato.

Valenza culturale e turistica della collina

“Riteniamo che l’importanza non solo culturale ma anche turistica del Monte Verità rappresenti per il Comune di Ascona, e non solo, un elemento molto importante che va salvaguardato e sostenuto – conclude l’esecutivo –. Anche per questi motivi consideriamo corretto sostenere il progetto di restauro dell’albergo Monte Verità, che renderà la struttura alberghiera più attrattiva e al passo con i tempi”. In sostanza, il Comune – seguendo le indicazioni della Legge sulla protezione dei beni culturali – parteciperà per il 10 per cento della spesa, fino a un massimo di 200mila franchi, versando il primo acconto (20mila franchi) al momento in cui inizieranno i lavori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved