monte-verita-restauro-per-il-celebre-albergo-bauhaus
Lifting in vista (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
7 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
7 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
8 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
8 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
9 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
10 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
10 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
10 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
11 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
11 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
12 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
Locarnese
12 ore

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
laR
 
02.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:20

Monte Verità, restauro per il celebre albergo Bauhaus

La terza tappa dei lavori sulla collina di Ascona prevede un investimento di oltre due milioni di franchi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Proseguirà con un investimento di 2,1 milioni di franchi il restauro del Monte Verità di Ascona. I lavori della prima tappa e della seconda tappa sono già stati eseguiti: tetto-terrazza dell’albergo, le case Anatta (museo), dei Russi e Selma, come pure il padiglione Elisarion. Ora, per la terza fase, tocca alle facciate dell’hotel, costruito in stile Bauhaus e annoverato fra i beni culturali d’interesse cantonale. La spesa che sarà sostenuta dalla Fondazione Monte Verità, beneficerà di sussidi cantonali (498mila franchi), federali (cifra non ancora resa nota) e comunali (200mila franchi). Il Municipio di Ascona chiederà il relativo credito al Consiglio comunale nel corso della prossima seduta.

Cenni storici

Il messaggio del Municipio fornisce dettagli storici legati alla presenza dell’imponente hotel, utilizzato tuttora, anche per ospitare convegni e seminari. “Dal 1925 al 1964 la ‘Montagna della Verità’ appartenne al banchiere e collezionista d’arte germanico Eduard Von Der Heydt, che la acquistò su consiglio della pittrice russa Marianne von Werefkin. Egli incaricò l’architetto Emil Fahrenkamp di costruirvi un albergo in stile Bauhaus, che divenne un luogo d’incontro mondano, capace di richiamare prestigiose personalità, fra cui intellettuali, artisti, finanzieri e politici. Nel 1964 il barone donò la proprietà del Monte Verità, inclusa parte della sua collezione d’arte orientale, al Canton Ticino. Dal 1989, con la costituzione della Fondazione Monte Verità il centro ospita importanti congressi scientifici e umanistici”. Da oltre 100 anni la collina che sovrasta il borgo è uno dei più importanti centri culturali europei, consacrati alla ricerca filosofica e alla produzione artistica. Tra le figure più importanti che hanno frequentato Ascona si possono ricordare Hermann Hesse, Isadora Duncan, Jean Arp, Erich Maria Remarque e Marianne von Werefkin.

Il progetto

L’obiettivo del nuovo progetto di restauro è quello di ripristinare l’aspetto e le caratteristiche assunte dall’albergo dopo i lavori fatti eseguire dal barone Von Der Heydt negli anni 1935-1937, “coerentemente con quanto già eseguito nell’ambito della prima tappa, con il tetto-terrazza – indica il Municipio –. L’intervento sarà di tipo conservativo: verranno rifatti gli intonaci di finitura delle facciate e restituiti con le colorazioni originali”. Saranno adottate anche alcune soluzioni nascoste sotto la pavimentazione per ridurre i fenomeni di umidità e il conseguente degrado degli intonaci alla base delle pareti esterne.

Sono previsti pure altri interventi. Verranno ricostruite le finestre in legno degli uffici, delle camere e dei bagni della facciata ovest: quelle originali erano state sostituite negli anni Settanta con infissi in acciaio. Anche i serramenti sul lato nord, ormai irrimediabilmente rovinati, saranno sostituiti. Stessa sorte per le tapparelle: quelle moderne in Pvc lasceranno spazio a “rolladen” in legno, in linea con quelle che si usavano ai tempi della costruzione dell’albergo. E ancora: le originali mattonelle in gres rosso prenderanno il posto delle lastre di cemento che oggi pavimentano il terrazzo e delle piastrelle utilizzate per le logge “restituendo omogeneità e coerenza costruttiva pure a queste parti dell’edificio. Altre opere riguarderanno la ricomposizione parziale dell’atrio d’ingresso e il ripristino dei colori originali delle scale ai livelli 3 e 4, concludendo in parte i cicli di restauro precedenti, che all’interno avevano coinvolto i piani delle camere”. Il progetto, annota il Municipio, è stato condiviso con l’Ufficio dei beni culturali che dal canto suo lo ha già approvato.

Valenza culturale e turistica della collina

“Riteniamo che l’importanza non solo culturale ma anche turistica del Monte Verità rappresenti per il Comune di Ascona, e non solo, un elemento molto importante che va salvaguardato e sostenuto – conclude l’esecutivo –. Anche per questi motivi consideriamo corretto sostenere il progetto di restauro dell’albergo Monte Verità, che renderà la struttura alberghiera più attrattiva e al passo con i tempi”. In sostanza, il Comune – seguendo le indicazioni della Legge sulla protezione dei beni culturali – parteciperà per il 10 per cento della spesa, fino a un massimo di 200mila franchi, versando il primo acconto (20mila franchi) al momento in cui inizieranno i lavori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
albergo bauhaus monte verità restauro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved