femminicidi-il-sistema-di-protezione-e-lacunoso-e-inefficace
Ti-Press/S. Golay
‘Non vogliamo essere credute solo quando saremo per sempre mute’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
4 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
11 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
11 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
11 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
18 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
18 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
21 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
22 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
23 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
23 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
23 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
23 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
23 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
23 ore

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
1 gior

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
1 gior

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
Ticino
1 gior

Torneo di calcio dei parlamenti cantonali, è tutto pronto

Quest’anno sarà il Ticino a organizzarlo, il presidente del Comitato Edo Bobbià spiega l’aspetto sociale: ‘Coinvolta la Fondazione Diamante, li ringrazio’
Mendrisiotto
1 gior

Meride, torna la festa patronale di San Rocco

Il tradizionale evento si terrà domenica 21 agosto. Previsto un concerto della soprano Annamaria Martinetti.
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio, escursione al Piz Beverin con la Sat

L’uscita è in programma domenica 28 agosto. Le iscrizioni per partecipare sono già aperte.
Locarno
29.10.2021 - 08:45
Aggiornamento: 15:17

Femminicidi, il sistema di protezione è lacunoso e inefficace

‘Avrebbero dovuto proteggerla’, racconta D., un’amica della 22enne di Solduno. Il collettivo Io l’8 lancia una serie di azioni contro il fenomeno

«Dopo l’ordinanza restrittiva, mi sarei aspettata che la polizia sorvegliasse i dintorni della casa. Ma così non è stato». È il commento di D. (nome noto alla redazione), un’amica della 22enne ferita gravemente all’addome con un fucile dall’ex fidanzato il 21 ottobre scorso. L’amica ha consegnato al giornale una breve, intima, ma accorata riflessione. Seppur abbia esplicitamente stabilito prima di sentirci di non voler entrare nella questione della relazione fra la sua amica e il 20enne di Widnau, di cui conosce poco e niente, esprime rabbia per quanto sia riuscito a fare con totale libertà: «Si sostiene che abbia disturbi psicologici, ma questo non giustifica e non dovrebbe distogliere l’attenzione da ciò che ha compiuto».

Il grave fatto di sangue di una settimana fa successo a Solduno ha colpito tutti e una volta di più interroga la comunità sulla violenza maschile e sulle sue conseguenze drammatiche. Soprattutto su cosa si può e si deve fare per evitarle. Per evitare che una donna di 22 anni venga gravemente ferita dall’ex fidanzato che non si capacitava della fine della loro relazione e le ha sparato con un fucile di grosso calibro, dopo essere rimasto appostato per diverse ore in attesa che lei rientrasse a casa, in via Vallemaggia. Un agire che non nasconde la premeditazione.

La 22enne, lo ricordiamo, è stata ricoverata d’urgenza e operata per ben tre volte all’Ospedale Civico di Lugano. Fortunatamente, dopo un paio di giorni si è saputo che era fuori pericolo. Un pericolo (forse) annunciato dall’ordinanza restrittiva intimata al 20enne, dopo che nel luglio scorso le aveva inviato un messaggio di minaccia con un video di lui che spara con una pistola. La giovane ha sporto denuncia per vie di fatto, che ha fatto scattare il summenzionato provvedimento nei confronti del giovane, peraltro incensurato.

Il 20enne ora è in carcere. Il suo difensore, l’avvocato Fabio Bacchetta Cattori, negli scorsi giorni ha fatto sapere che il giovane verrà sottoposto a una perizia psichiatrica, sostenendo che il suo assistito è “un giovane psichicamente molto instabile da anni”. L’inchiesta è coordinata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri che contesta al 20enne il reato di tentato assassinio, subordinatamente quello di tentato omicidio intenzionale.

Femminicidi: ‘Non è un fenomeno ineluttabile’

Nel corso degli ultimi sette giorni, uno fra i temi emersi dalla triste vicenda di Solduno è la presunta inevitabilità dei femminicidi o tentati. Un capannello di attiviste del collettivo Io l’8 Ogni Giorno si è ritrovato ieri in Piazza Grande, davanti agli uffici della Pretura di Locarno, per un’azione lampo contro i femminicidi. «Per dire basta ed esigere misure più efficaci e adeguate contro un fenomeno che negli ultimi dieci giorni conta quattro femminicidi e un tentativo di femminicidio; mentre da inizio 2021 le donne morte per mano del marito, del compagno o degli ex sono già venticinque».

Trincerarsi dietro alle giustificazioni “si è fatto tutto il possibile e non era evitabile”, “sono casi isolati”, “sono uomini malati” non è più accettabile secondo le militanti. Sensibilizzazione e prevenzione non sono più sufficienti, così come inefficace è «il lacunoso sistema di protezione delle vittime che fa acqua da tutte le parti». L’intento dell’azione è dunque smuovere la politica affinché trovi soluzioni per contrastare un fenomeno che non è ineluttabile. «Alla giustizia chiediamo leggi realmente in grado di riconoscere la gravità e la pericolosità dei reati che subiamo in quanto donne e di difenderci e proteggerci davvero offrendo maggiori strumenti legislativi». Esemplificano: riconoscere lo stalking come reato, perché oggi dimostrare di essere vittima di un comportamento persecutorio in Svizzera è ancora molto difficile.

Questa è stata la prima di quattro azioni che si svolgeranno tutti i giovedì fino al 25 novembre (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne), in altrettante città del cantone – dopo Locarno, Lugano, Bellinzona, Mendrisio –, nei luoghi emblematici di giustizia, sanità, polizia, politica. Là davanti «formuleremo rivendicazioni concrete in ambito di politiche volte a contrastare la violenza sulle donne».

La testimonianza

Torniamo all’amica. Quando D. apprende della drammatica notizia è al lavoro, sulle prime non si rende conto di quanto successo, forse frastornata e incredula per la difficoltà di concepire un atto d’inaudita violenza: «Ho guardato fuori dalla finestra, ho respirato, mi sono venute in mente alcune scene divertenti di quando eravamo a scuola insieme. Non sono più riuscita a trattenere le lacrime».

Le due si conoscono da una manciata di anni, un’amicizia nata all’inizio di un percorso scolastico comune per il primo anno a Trevano, insieme a un’altra ragazza: «Eravamo un bel terzetto; abbiamo passato un anno indimenticabile, pieno di risate e anche momenti difficili scolasticamente», racconta. Ma la 22enne, come riferisce, «ha sempre avuto determinazione nello studio, per dare il meglio di sé e ottenere buoni risultati». Dal breve ritratto che traccia emerge una figura «energica, solare e soprattutto un pezzo di pane con le persone che le vogliono bene».

Tornando alla cronaca recente, D. spiega di vivere questo momento con dolore e ansia, ma «cerco di dare il meglio per lei, per trasmetterle energia. La cosa più importante in assoluto adesso è che la mia amica possa riprendersi al meglio».

Finestra Instagram

Rispetto all’indagine e alle condizioni della giovane donna non ci sono ulteriori novità. Tuttavia, così come a pochi giorni dal ricovero in urgenza e gli interventi subiti, in questi giorni la 22enne ha aperto una finestra con l’esterno attraverso Instagram, dove esprime stati d’animo e riflessioni, soprattutto la determinazione di tornare alla sua vita più forte di prima, nonostante la sofferenza fisica e quella psicologica siano insopportabili: “Comunque stringo i denti, mi hanno sempre insegnato a lottare per ottenere ciò che voglio, e io voglio tornare a vivere, amare, sognare in grande… senza avere più paura”.

Leggi anche:

Solduno, donna ferita da un colpo d’arma da fuoco

Fatto di sangue a Solduno, il 20enne ha sparato con un fucile

Aggressione di Solduno, lei lo aveva denunciato per vie di fatto

Solduno, il 20enne resta in carcere

‘Il mio assistito è psichicamente molto instabile da anni’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fatto di sangue femminicidi solduno violenza donne
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved