ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
3 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
15 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
15 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
15 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
29.10.2021 - 08:51
Aggiornamento: 10:17

Pedemonte, per la palestra ecco il credito di costruzione

Per l’edificazione dell’impianto sportivo e il rifugio della Protezione civile da 600 posti letto occorreranno 8,5 milioni. La parola al legislativo

pedemonte-per-la-palestra-ecco-il-credito-di-costruzione
(Ti-Press)

Sono 8,5 milioni. Non stiamo parlando degli abitanti del nostro Paese, bensì dell’importo necessario a finanziare la nuova palestra polivalente, con rifugio Protezione civile, delle Terre di Pedemonte. Il credito di costruzione, del quale abbiamo più volte riferito, è finalmente atterrato sui banchi di un legislativo che, in dicembre, sarà chiamato a pronunciarsi in merito. Un ulteriore passo verso la concretizzazione di un progetto del quale si discute, nelle Tre Terre, da più legislature. Non tutto è sempre filato liscio, a onor del vero, sin qui; tuttavia gli ostacoli che l’autorità municipale ha dovuto sormontare (ultimo dei quali, l’opposizione di un privato alla domanda di costruzione), grazie alla diplomazia, hanno potuto essere superati. La licenza edilizia è stata concessa ai primi di ottobre, ora si tratta di votare il credito che porterà all’edificazione dell’opera, nella campagna di Verscio.

I ritocchi per contenere i costi

Sarà un investimento considerevole per le casse del Comune ed è anche per questo che l’autorità, con architetti e progettisti, ha approfondito nei dettagli alcuni contenuti dell’elaborato. Tra le modifiche di rilievo, segnaliamo gli interventi per accrescere l’efficienza energetica dell’immobile, portata a livelli Minergie-A e P; l’incremento dei posti letto nel rifugio (da 574 a 600). Come pure il ripensamento legato alla carpenteria metallica, con l’involucro esterno dello stabile “alleggerito” rispetto ai piani iniziali. Non da ultimo citiamo, all’interno della struttura, la scelta di una separazione spazi mezzanino-palestra attraverso un apposito tendone.

Il Municipio ha pure elaborato uno scadenzario; una volta approvato il messaggio, si proseguirà con le procedure di appalto (tra febbraio e ottobre 2022); il via al cantiere nell’autunno del prossimo anno, con la consegna dell’opera nella primavera del 2024. Una tabella di marcia che, si spera, non abbia a dover fare i conti con eventuali ricorsi o referendum.

Due parole vanno spese anche sulle cifre: la spesa complessiva lorda prevista, comprensiva di rifugio, è di 9,16 milioni di franchi. Cifra dalla quale andranno dedotti i sussidi, gli incentivi e le precedenti fasi di progettazione. Si ottiene così una spesa netta a carico del Comune di 6,83 milioni di franchi. Ente finanziariamente sano, Terre di Pedemonte non avrà diritto a un contributo dalla Legge sulla perequazione finanziaria intercomunale. Nessun dramma, l’investimento a detta dell’autorità è sopportabile per il forziere locale. L’esecutivo intende consegnare una struttura all’avanguardia, altamente sostenibile e dal basso impatto ambientale. Decisiva per sviluppare l’attività sportiva (scuola e sodalizi), organizzare eventi e per la promozione del benessere in generale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved