rogo-capanna-soveltra-dopo-la-sentenza-ardono-le-polemiche
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
3 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
3 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
3 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
3 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
3 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
4 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
5 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
5 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
6 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
6 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
6 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
6 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
6 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
6 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
6 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
28.10.2021 - 09:10
Aggiornamento : 11:20

Rogo Capanna Soveltra: dopo la sentenza, ardono le polemiche

Attorno a quel che resta del rifugio valmaggese la rabbia di chi ritiene che, forse, si poteva evitare. Dal collaudo ‘fantasma’ alle assemblee roventi

Bruciata il 2 ottobre 2017, poche ore prima del previsto sopralluogo dei funzionari cantonali e comunali atto a verificare lo stato dei lavori richiesti, la Capanna Soveltra, gioiellino apprezzato da migliaia di escursionisti e appassionati di montagna, inaugurata dopo tre anni di cantiere nel 1999 (ma, a quanto è dato sapere, mai ufficialmente collaudata dal competente Ufficio lavori sussidiati), ha scritto in questi giorni una delle pagine più nere della sua storia. Nere più della fuliggine presente su quel che resta di vecchie travi e mura arse dalle fiamme. Riportando d’attualità astio e rancori serpeggianti all’interno della Società alpinistica valmaggese (Sav) che, in quei tempi, la gestiva.

Nessun seguito alle segnalazioni di un esperto del Cantone

Martedì, come riferito da ‘laRegione’, il penultimo atto di una vicenda che ha acceso gli animi per parecchi mesi. Tutto ha però inizio prima ancora del rogo; il 13 agosto 2016, quando un ispettore dell’Ufficio della sanità del Cantone in giro per i monti pernotta in capanna. L’uomo, che professionalmente si occupa pure di agibilità di rifugi alpini, rileva delle criticità (non conformità) della struttura. Osservazioni che trasmette in una segnalazione al competente ufficio cantonale. Tra queste figura anche il problema del collaudo antincendio, per il quale è necessario il ricorso a un tecnico conosciuto. Senza i necessari correttivi, la capanna non può dunque essere messa a disposizione dell’utenza. Troppo rischioso. Tradotto: niente agibilità.

Segnalazioni e richieste che alcuni degli allora vertici della Sav non “digeriscono”. La stessa dirigenza scrive al Cantone ricordando l’importante lavoro fatto a favore della promozione dell’escursionismo, con la sistemazione dei sentieri e la messa a disposizione dei rifugi. Contesta, inoltre, le affermazioni dell’ispettore, le modalità procedurali e di segnalazione del funzionario che avrebbe dovuto avvisare gli interessati della sua visita e interpellarli prima di procedere alla stesura del verbale. L’Ufficio della sanità, nella sua risposta, riconosce e loda gli sforzi profusi dai volontari della Sav; tuttavia non può soprassedere sugli interventi richiesti. Malgrado ciò e in attesa di trovare un accordo, i vertici della Sav decidono di continuare a mettere a disposizione dell’utenza quel tetto, garantendo la presenza di guardiani in loco.

Le assemblee burrascose in Pretura e al Tribunale d’Appello

Quello che non tutti sanno è che il camino impiegato per scaldare i locali all’origine del devastante incendio qualche spavento l’aveva già regalato. Chi è a conoscenza dei fatti ricorda di alcuni principi d’incendio (conclusisi fortunatamente senza danni per la prontezza di riflessi dei presenti) negli anni precedenti il sinistro. Dei campanelli d’allarme non recepiti? Altra zona d’ombra, quella riguardante alcuni lavori eseguiti nella costruzione e difformi alla licenza edilizia rilasciata a suo tempo, dei quali si fa riferimento nei verbali.

Passano i mesi, si tengono alcune assemblee burrascose nelle quali volano parole grosse, minacce che portano alle dimissioni di alcuni membri dell’allora Comitato. Addirittura le carte di chi contesta alcune decisioni adottate (come la nomina dei subentranti) finiscono in Pretura di Vallemaggia a Cevio e, dopo una sentenza del pretore Siro Quadri (che rimanda al mittente le argomentazioni), giungono al Tribunale d’Appello.

La questione delle responsabilità va appianata prima di ripartire

Martedì, come detto, la sentenza. Quattro anni dopo l’incendio che ha distrutto la capanna Soveltra di Prato-Sornico, nell’aula della Pretura penale di Bellinzona la giudice Elisa Bianchi Roth ha condannato a pena pecuniaria sospesa per il reato d’incendio colposo l’allora (e oggi ancora) uomo guida della Sav. Questi tramite il suo legale ha comunque già fatto sapere di non accettare la sentenza e di voler inoltrare un ricorso in Appello. Secondo l’avvocato vi sarebbero, infatti, delle gravi responsabilità da parte di chi, sul posto, non ha saputo intervenire correttamente per spegnere il principio d’incendio prima che le fiamme avvolgessero il mobilio. Una capanna bruciata dunque non tanto per un vizio di costruzione (la canna fumaria non isolata conformemente alle nuove norme, surriscaldatasi) bensì per errori nella scelta del metodo di spegnimento. Fatto sta che l’ultima parola, in questa brutta storia, non è ancora stata scritta.

Intanto non è chiaro che ne sarà del rudere di proprietà del Patriziato di Prato. Ci sarà da risolvere la delicata questione delle assicurazioni e valutare se sia il caso, o meno, di ricostruire l’edificio ai Piedi del Campo Tencia. La sua posizione lo rendeva un ideale punto d’appoggio per le escursioni.

Dal sito internet della Sav si apprende che il gruppo di lavoro (GL) creato a tale scopo dopo l’incendio, “stabiliti gli obiettivi per la ricostruzione della capanna Soveltra, ha incaricato 4 progettisti di presentare le loro idee. Tre progetti sono rientrati nel termine fissato. Il 22 giugno 2018 ha assegnato l’incarico per la domanda di costruzione allo Studio Bianchi Architetti Associati Sagl, Solduno vincolandolo all’osservanza scrupolosa delle osservazioni del Dipartimento del territorio”. Il discorso progettazione (che dovrà tener conto anche delle normative sanitarie anti-pandemia), per ora, è fermo in attesa di sviluppi. Bisognerà, dapprima, aspettare la chiusura del caso e poi trovare i fondi (a tale scopo è addirittura stata ideata un’asta). Il volontariato disposto a partecipare alla ricostruzione, da solo, non basta. Serve denaro e per questo si fa appello ai sostenitori.

Una parte dei vecchi soci del sodalizio rivoltasi al nostro giornale ha detto di non sentirlo più come proprio: «I rifugi alpini sono un patrimonio collettivo e non il giardino di pochi...». Messaggio chiaro.

Leggi anche:

Capanna Soveltra completamente distrutta

Incendio capanna Soveltra: condanna per incendio colposo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
capanna soveltra incendio sav
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved