solduno-l-uso-delle-armi-come-ultima-ratio
(Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
4 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
4 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
5 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
5 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
5 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
5 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
5 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
6 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
6 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
6 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
6 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
6 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
6 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
6 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
6 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
6 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
Ticino
7 ore

‘Caro benzina, il governo chieda a Berna di intervenire’

Con un’interrogazione Lara Filippini (Udc) invita il Consiglio di Stato a farsi portavoce col Consiglio federale dei disagi economici in Ticino
Luganese
7 ore

Dimissioni a Val Mara, Maffei: ‘Non sono mica un outsider’

Archiviato il ballottaggio l’ex sindaco di Melano si ritira dalla politica attiva dopo 34 anni di cui 22 alla guida dell’esecutivo
laR
 
23.10.2021 - 05:30

Solduno, ‘l’uso delle armi come ultima ratio’

Un ex membro del Reparto interventi speciali racconta il lavoro in simili teatri operativi. Al Care Team spetta invece il supporto alle persone coinvolte

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Reparto interventi speciali della Polizia cantonale mobilitato giovedì in tarda serata è un’unità composta di cinque sezioni che garantiscono l’intervento sulle 24 ore. Equipaggiato di tutto punto con attrezzature e armi particolari, è composto da agenti selezionati che hanno ricevuto una formazione specifica che li abilita a intervenire come unità d’assalto. Voluti per contrastare situazioni di emergenza, come atti di terrorismo, sono specializzati nella liberazione di ostaggi, nella cattura di criminali particolarmente pericolosi, come agenti di scorta per la tutela di diplomatici o personalità in visita. Ma pure per missioni di salvataggio nei corsi d’acqua od operazioni che richiedono l’uso di unità cinofile. Conosciuti soprattutto per le irruzioni d’assalto in situazioni di particolare pericolo, si muovono con rapidità e seguendo una metodologia (protocolli) ben precisa. Nulla, infatti, può essere lasciato al caso in un caso d’emergenza, tutto deve funzionare al primo colpo per evitare danni o spargimenti di sangue. Di questo corpo scelto abbiamo parlato con un ex appartenente a questa formazione.

I primi agenti ad accorrere sul luogo forniscono informazioni

«L’allarme all’unità arriva dalla Centrale operativa 117, che tramite l’ufficiale di picchetto fornisce le prime indicazioni generiche sul teatro operativo – spiega il nostro interlocutore –. Le prime pattuglie di polizia che solitamente giungono sul luogo trasmettono informazioni sulla situazione. Può trattarsi, come nel caso di Solduno, di un fatto di sangue con una persona ferita a terra, di una presa d’ostaggi, di un individuo armato che sta compiendo una rapina. A quel momento, mentre si preparano, gli uomini dei reparti speciali iniziano una rapida valutazione e raccolgono dati sull’area d’intervento (tipo di stabili, peculiarità degli edifici, numero di persone coinvolte, vie d’accesso ecc...). La prima cosa da fare una volta giunti sul posto, è quella di mettere in sicurezza il perimetro e cercare di identificare l’obiettivo. La neutralizzazione della persona che costituisce un pericolo deve avvenire, possibilmente, senza il ricorso alle armi da fuoco. Pistole, fucili di precisione e mitra sono l’ultima ratio. Gli uomini del gruppo sono preparati a puntino e in pochi secondi devono sapere prendere la giusta decisione. Spesso sono accompagnati da un negoziatore, che ha lo scopo di dissuadere i malviventi dal compiere gesti folli. Penso in particolare al caso di una presa di ostaggi o di una persona asserragliata in un locale, adirata e armata».

Allenamenti eseguiti in vari contesti urbani il più possibile vicini alla realtà

Quelle che sono anche conosciute al pubblico come “teste di cuoio” (dal tipico elmetto protettivo un tempo indossato dalla polizia tedesca, rivestito in pelle) ovviamente, si allenano regolarmente testando la loro capacità più volte al mese in differenti scenari. L’addestramento per essere pronti all’impiego (fisicamente e psicologicamente) avviene spesso in vecchie case abbandonate, in strutture impiegate dall’esercito (è il caso di Isone) come pure in diversi contesti urbani. Sono cose fondamentali, tutti devono conoscere le procedure d’intervento e come si opera. Solo così si può stare in un teatro operativo senza rischiare di sbagliare la mossa. «Anche le missioni vere, come quella di Solduno, al termine sono oggetto di una valutazione, critica, da parte del capo intervento. Perché se è vero che ogni missione è diversa dalla successiva, è vero altresì che dagli errori si impara».

Il Care Team: ‘Ascoltiamo i pensieri, cosa passa per la testa’

«Lavoriamo con l’ascolto attivo, cerchiamo di essere il più possibile presenti, di rispondere a bisogni anche primari (come un bicchiere d’acqua, cibo, una coperta se è freddo), ascoltiamo i pensieri, ciò che passa nella testa. L’essenziale è esserci in quel momento». In maniera molto semplice Massimo Binsacca, coordinatore del Care Team Ticino, traccia il ruolo del “caregiver” quando viene richiesto l’intervento del servizio di supporto. Durante un intervento, aggiunge, basilare è la comunicazione, ma anche una buona anzi buonissima dose d’umanità: «Sono bandite le “frasi killer” quali “buongiorno, come sta?”».

Il coordinatore spiega come agisce in generale il Care Team. Innanzitutto, «il nostro servizio è attivato su richiesta degli enti di primo intervento, quindi polizia e servizio autoambulanze. Generalmente, chiediamo alle persone coinvolte se vogliono il nostro supporto, dipende dai casi. Ad esempio ieri sera, la polizia valutando la situazione ha attivato subito il picchetto, così abbiamo potuto essere presenti al momento dell’arrivo in ospedale». Tuttavia, «capita anche che i familiari non vogliano il nostro intervento e quindi rientriamo».

Picchetto attivo 24 ore su 24

Il picchetto è composto da due persone, «un uomo e una donna, questo per svariate ragioni, fra cui motivi religiosi o culturali»; in generale è attivo 24 ore al giorno per l’intera settimana. Il gruppo di volontari conta quaranta unità (quest’anno ce ne sono dodici in formazione) che provengono da svariate località (incorporati nelle sei regioni della Protezione civile) e copre tutto il territorio cantonale più la parte Mesolcina e Calanca.

I profili delle persone che si mettono a disposizione sono molto eterogenei: «Ci sono psicologi, educatori, docenti, soccorritori d’ambulanza, persone che lavorano in ufficio. Si tratta di volontari che hanno predisposizione all’aiuto del prossimo», sottolinea. In media le azioni durano sette ore, anche se «ci sono quelle che terminano dopo solo due, oppure altre che si protraggono per più giorni. Dipende ovviamente dai bisogni delle persone coinvolte», illustra Binsacca.

Lo strascico emotivo degli eventi traumatici

Incidenti e fatti di cronaca nera possono essere eventi traumatici, con uno strascico emotivo non indifferente. A questo proposito Binsacca sottolinea che «i “caregiver” seguono una formazione specifica che prevede anche la sensibilizzazione su situazioni particolarmente drammatiche e le loro possibili derive». I volontari però devono avere pure risorse personali e sapersi ritagliare del tempo per sciogliere possibili tensioni dovute allo stress di un intervento – aggiunge – facendo attività che li facciano stare bene. Inoltre, sono seguiti dallo stesso coordinatore: «Nelle 24/48 ore successive a un intervento, li contatto e li faccio parlare, così da attenuare ulteriormente la tensione».

Ma non finisce qui: «Una volta al mese si tiene un incontro di supervisione con una psicologa durante il quale gli operatori possono discutere degli interventi effettuati e possono ricevere consigli e strumenti». Questo, per fare fronte a possibili situazioni potenzialmente problematiche. Qualora si verificassero problemi gravi, si propone al volontario una psicoterapia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
formazione polizia reparto interventi speciali solduno
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved