locarno-care-team-l-essenziale-e-esserci-in-quel-momento
Ti-Press
L’ascolto è una delle peculiarità dei caregiver del Care Team Ticino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
9 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
10 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
11 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
11 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
12 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
12 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
12 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
12 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
12 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
22.10.2021 - 16:37
Aggiornamento: 16:53

Locarno, Care Team: ‘L’essenziale è esserci in quel momento’

All’indomani del fatto di sangue di Solduno, il coordinatore Massimo Binsacca spiega come agiscono i volontari del servizio di supporto

«Lavoriamo con l’ascolto attivo, cerchiamo di essere il più possibile presenti, di rispondere a bisogni anche primari (come un bicchiere d’acqua, cibo, una coperta se è freddo), ascoltiamo i pensieri, ciò che passa nella testa. L’essenziale è esserci in quel momento». In maniera molto semplice Massimo Binsacca, coordinatore del Care Team Ticino, traccia il ruolo del caregiver quando viene richiesto l’intervento del servizio di supporto. Durante un intervento, aggiunge, basilare è la comunicazione, ma anche una buona anzi buonissima dose d’umanità: «Sono bandite le “frasi killer” quali “buongiorno, come sta?”».

Interpellato all’indomani del fatto di sangue consumatosi in via Vallemaggia 51a a Solduno – in cui una 22enne è rimasta gravemente ferita dopo che l’ex fidanzato ha rivolto un fucile contro di lei e ha esploso un colpo –, il coordinatore spiega come agisce in generale il Care Team. Innanzitutto, «il nostro servizio è attivato su richiesta degli enti di primo intervento, quindi polizia e servizio autoambulanze. Generalmente, chiediamo alle persone coinvolte se vogliono il nostro supporto, dipende dai casi. Ad esempio ieri sera, la polizia valutando la situazione ha attivato subito il picchetto, così abbiamo potuto essere presenti al momento dell’arrivo in ospedale». Tuttavia, «capita anche che i familiari non vogliano il nostro intervento e quindi rientriamo».

Due persone attive 24 ore al giorno per sette giorni

Il picchetto è composto da due persone, «un uomo e una donna, questo per svariate ragioni, fra cui motivi religiosi o culturali»; in generale è attivo 24 ore al giorno per l’intera settimana. Il gruppo di volontari conta quaranta unità (quest’anno ce ne sono dodici in formazione) che provengono da svariate località (incorporati nelle sei regioni della Protezione civile) e copre tutto il territorio cantonale più la lingua Mesolcina e Calanca.

Dal punto di vista dei profili le persone che si mettono a disposizione sono molto eterogenee: «Ci sono psicologi, educatori, docenti, soccorritori d’ambulanza, persone che lavorano in uffici. Volontari che hanno predisposizione all’aiuto del prossimo», sottolinea. In media le azioni durano sette ore, «ci sono quelle che terminano dopo due, mentre altre è possibile si protraggano per più giorni, questo a dipendenza dei bisogni delle persone coinvolte», illustra Binsacca.

Una formazione specifica e sostegno contro gli strascichi emotivi

Incidenti e fatti di cronaca nera possono essere eventi traumatici, con un strascico emotivo non indifferente. A questo proposito Binsacca rimarca che «i caregiver seguono una formazione specifica che prevede anche la sensibilizzazione su situazioni particolarmente drammatiche e le possibili derive». I volontari però devono avere pure risorse personali e sapersi ritagliare del tempo per sciogliere possibili tensioni dovute allo stress di un intervento – aggiunge – facendo attività che li facciano stare bene. Inoltre, sono seguiti dallo stesso coordinatore: «Nelle 24/48 ore successive a un intervento, li contatto e li faccio parlare, così da attenuare ulteriormente la tensione», prosegue.

Ma non finisce qui: «Una volta al mese si tiene un incontro di supervisione con una psicologa durante il quale gli operatori possono discutere degli interventi effettuati e possono ricevere consigli e strumenti» per fare fronte a possibili situazioni potenzialmente problematiche. Qualora si verificassero problemi gravi, si propone al volontario una psicoterapia.

Leggi anche:

Solduno, donna ferita da un colpo d’arma da fuoco

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
care team coordinatore fatto di sangue intervento locarno solduno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved