VAN Canucks
1
PIT Penguins
4
3. tempo
(0-0 : 1-3 : 0-1)
terre-di-pedemonte-firme-a-suffragio-della-zona-30
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 ore

Melide: fiamme da una canna fumaria

L’incendio, scoppiato attorno alle 16.15 di sabato, ha coinvolto un’abitazione in via al Doyro
Luganese
16 ore

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
18 ore

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
1 gior

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
1 gior

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
1 gior

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
1 gior

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
1 gior

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
1 gior

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
1 gior

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Locarnese
 
19.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:45

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati

Moderazione del traffico nelle Terre di Pedemonte, ancora non ci siamo. A sostenerlo è una petizione (primi firmatari Silvia Mina e Claudio Plank) consegnata a fine agosto al Municipio e sottoscritta da quasi duecento cittadini. Lo scopo è quello di richiamare all’attenzione dell’autorità i pericoli, latenti, che l’attuale sistemazione viaria comporta per gli utenti deboli della strada. Mancano, a detta degli interessati, attraversamenti pedonali, marciapiedi adeguati, opportune riduzioni della velocità di transito dei veicoli in più punti ritenuti critici (a Tegna, ad esempio, tra il nucleo, zona Piazza e la scuola dell’infanzia, nell’area di Predasco o, ancora, all’incrocio tra la strada cantonale e via Ri di Nüss, dove l’aumento considerevole delle biciclette genera situazioni di potenziale pericolo). Nella dettagliata petizione trasmessa all’esecutivo i firmatari rilevano pure l’inopportuna larghezza dei marciapiedi in alcuni punti e la pericolosità, per i ciclisti, del passaggio a livello in zona Case Margaroli, teatro di diverse cadute proprio a causa delle rotaie della Centovallina (problema, quest’ultimo, già sollevato da un’interpellanza del Ppd).

Un limite di velocità da abbassare per rendere gli abitati più sicuri

Con il progetto di moderazione approvato e realizzato, la situazione è sì migliorata, ma non a sufficienza. Servono, insomma, misure più incisive per tutelare i residenti e rendere più sicuro anche il percorso casa-scuola di bambini e genitori. Una delle misure auspicate è la riduzione a 40 km/h della velocità di attraversamento tra Ponte Brolla e l’entrata dell’abitato di Verscio (a 30 km/h in prossimità del nucleo di Tegna/Predasco/scuola occhio); discorso che vale anche per le zone più critiche negli abitati di Cavigliano e Verscio, dove sono tra l’altro presenti due restringimenti della carreggiata, privi di visuale, nei quali i pedoni sono costretti a muoversi con molta prudenza per non finire investiti. Rifacendosi a quanto attuato in altri Comuni ticinesi e del resto della Svizzera, dove i limiti di velocità sono stati ulteriormente ridotti per rapporto al consueto 50km/h, i firmatari chiedono, quindi, l’adozione di una precisa serie di misure che abbiano quale finalità, oltre all’accresciuta sicurezza, anche una valorizzazione dei nuclei e delle campagne, “rendendo le strade un’unione e non una separazione come viene vissuta oggi”. Progetti che comportano dei cambiamenti, si legge nel documento, per un futuro più attrattivo e vitale per la popolazione pedemontana. A tutto vantaggio anche di esercenti e commerci locali.

Interrogazione di LiSA a supporto ‘Alcuni cambiamenti da chiarire’

Ricordiamo che a supporto della petizione, nelle scorse settimane si è attivata anche la formazione LiSA (Libertà solidarietà e ambiente) in Consiglio comunale, che ha inoltrato all’Esecutivo un’interrogazione concernente proprio la viabilità. Il gruppo, in particolare, punta il dito su alcune soluzioni contenute nei progetti di moderazione del traffico a suo tempo votati e relativi all’area della nuova Piazza Don Gottardo Zurini di Tegna. Soluzioni prospettate come la creazione di un passaggio pedonale, mai realizzate. LiSA chiede lumi anche su eventuali altre contromisure contenute nei documenti cartacei mai attuate e sul progetto, a suo tempo discusso, dell’introduzione del limite di 30 km/h lungo la strada cantonale, in corrispondenza all’attraversamento dei tre nuclei.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved