ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
3 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
3 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
3 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
3 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
4 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
4 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
4 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
4 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
4 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
17.10.2021 - 16:18
Aggiornamento: 17:14

Verzasca: A.A.A. idea geniale per nuovo stemma cercasi

A un anno dalla nascita del Comune, il Municipio lancia un concorso pubblico. Le tre migliori proposte (anche da non professionisti) al voto popolare

verzasca-a-a-a-idea-geniale-per-nuovo-stemma-cercasi
Ti-Press
Intanto ci penso...

Il fiume? La diga? Le montagne? O i dirupi, con le capre che giocano con la gravità? Oppure ancora il classicissimo Ponte dei Salti a Lavertezzo, per un ammiccamento anche e soprattutto in chiave turistica? E poi c’è tutto il discorso cromatico...

Non mancano certo gli elementi utili, per chi è chiamato a elaborare lo stemma di Verzasca. Quel “qualcuno” siamo potenzialmente tutti noi, visto che il Municipio, a un anno dalla nascita del Comune, ha bandito un concorso e l’ha aperto al più ampio ventaglio possibile di partecipanti. Unica condizione: essere capaci di far galoppare la fantasia attraverso un territorio, quello verzaschese, oltretutto molto vasto e variegato, poiché frutto dell’aggregazione degli ex Comuni di Brione, Corippo, Frasco, Sonogno e Vogorno, più le frazioni di Gerra Valle e Lavertezzo Valle.

L’articolo 8 della Legge organica comunale prevede che ogni Comune abbia uno stemma e un sigillo – ricorda il primo esecutivo di valle, capeggiato dal sindaco Ivo Bordoli –. Lo stemma richiama le peculiarità e le tradizioni del paese e viene inserito nel Regolamento comunale. Di conseguenza, “con l’obiettivo di coinvolgere il maggior numero di interessati e di disporre di un ampio ventaglio di idee nella definizione del nuovo stemma comunale”, viene pubblicato un bando di concorso aperto a tutte le cittadine e i cittadini domiciliati nel Cantone Ticino. Il fatto curioso è che nel novero potranno rientrare anche i non professionisti (grafici o disegnatori che siano) e che non risulta esserci un limite di età. Teoricamente, potrebbero vincere un cuoco, un’impiegata statale o un bambino delle Elementari...

Primo elemento della giuria che dovrà selezionare i tre finalisti è proprio il sindaco Ivo Bordoli. Assieme a lui, la valutazione sarà effettuata da un altro municipale (il vicesindaco Pierangelo Mocettini), due politici (Sheila Cappelletti, membro della Gestione, e Davide Capella, membro delle Petizioni), nonché tre figure professionali di spessore. Si tratta della storica dell’arte Veronica Provenzale, del grafico Pierre Pedroli e del linguista Stefano Vassere. Le riflessioni di questo consesso toccheranno dunque i diversi ambiti di competenza. Come accennato, verranno prescelte le tre migliori idee, poi a decidere sarà la popolazione verzaschese, appositamente chiamata alle urne verso la primavera del prossimo anno.

«Questa formula ci piace molto innanzitutto perché favorisce il coinvolgimento diretto della gente – dice Bordoli alla “Regione” –. È bello pensare che nascano delle riflessioni e discussioni su cose come il colore dominante, oppure gli elementi che assolutamente non possono mancare sullo stemma. Quanto alla composizione della giuria, oltre a noi rappresentanti eletti è importante ci siano personalità di spicco e di riconosciute capacità nei rispettivi campi. Pedroli è un bravissimo grafico, Veronica Provenzale ha una visione qualificata sul passato e spiccato senso artistico, mentre Vassere, come responsabile delle Biblioteche cantonali e letterato, ha un bagaglio di conoscenze che di certo ci tornerà molto utile».

Il termine per la consegna delle proposte per lo stemma è fissato al 31 dicembre 2021. Poi l’intero processo avverrà nel segno del più completo anonimato, quindi senza conoscere i nomi dei concorrenti, i quali verranno resi noti solamente al momento della determinazione del vincitore, comunica il Municipio. I cittadini interessati a partecipare possono ottenere il bando presso la Cancelleria comunale (comune@verzasca.swiss) o scaricarlo direttamente dal sito www.verzasca.swiss.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved